Il filo verde

A un filo sottile color verde s'aggrappa la spes afgana di non sprofondare nell'Ade d'una teocrazia fanatica tornata al potere, subendo la metamorfosi da genti fiere, indomite, a ombre vaganti nella storia, è quello stesso filo che fu nodo scorsoio alla gola della 40esima Armata sovietica nel '89, del governo comunista della RDA nel '92, trappola per i talebani del mullah Omar fino al 2001. Nacque in quegli anni l'eco, tra le valli dei "cinque leoni", del mito mujaheddin, del loro Comandante, Aḥmad Shāh Masʿūd, per tutti il "leone del Panjshir", uomo colto (un baccalaureato), aspirante architetto, poeta ma anche fine stratega della guerriglia con cui la resistenza sferrò colpi knock down agli invasori "sciuvarì" e ai loro lacchè, diventando poi lama puntata alla gola del movimento talebano e di Al-Qaida.

Le tante valli, le montagne dell'Hindu Kush del Panjshir, la quasi assenza di strade (una soltanto la Saricha Road) furono un incubo per i pentastellati blindati red quanto per gli jihadisti dell'integralismo islamico finanziato dal vicino Pakistan.

La lotta armata era nel sangue del tagiko Aḥmad Shāh, gli scorreva nelle vene ancor prima dell'invasione sovietica del '79,  aveva ben studiato, da rifugiato, le tecniche di guerriglia, il mordi e fuggi, strappa carni al nemico poi torni all' agguato, conoscendo palmo a palmo quel territorio a settentrione di Kabul dove vive l'etnia kagika. Proprio gli studi ne avevano costruito personalità e obiettivi, coniugando Islam e modernità, si doveva combattere per realizzare una Patria comune, indipendente, trasfondendo nella fede religiosa la linfa del progresso imprescindibile da libertà e democrazia.

Nella guerra civile contro il governo degli studenti coranici, insediatosi nel '95, il Gen. Massoud, già ministro della Difesa, costretto dagli eventi a lasciare Kabul, aveva messo su l'Alleanza del Nord proprio sui crinali di quel nido d'aquila che incorniciano il Panjshir, opponendosi in armi alla deriva radicale dei talebani che imponevano, col terrore, la Shari'a. La guerriglia controllava vaste porzioni del territorio centro settentrionale afgano, in particolare proprio quell'enclave del Panjshir, ma carestia, isolamento, l'afflusso di migliaia di profughi stavano minando la resistenza anti-talebana. Così Aḥmad Shāh volò a Strasburgo, sede dell'inutile Parlamento europeo, per invocare dalla vecchia cagna sdentata aiuti a sostegno della lotta contro il regime integralista, ma l'Europa, fu sordomuta dinanzi a quel grido di battaglia, troppo subalterna alla politica  statunitense, priva di un esercito, vuota di strategie comuni che non siano il mercato.  

Il 9 settembre di vent'anni orsono, il leader veniva assassinato vittima di un attentato suicida a Khvājeh Bahāʾod-Dīn, due finti giornalisti di nazionalità tunisina fecero esplodere la carica di dinamite celata nella telecamera, Osama Bin Laden aveva così estratto la spina nel cuore del fondamentalismo islamico, il filo verde pareva spezzato, fu l'ouverture del 11 settembre.

Il 15 agosto gli "studenti di Dio", per la seconda volta, hanno riafferrato il potere, dopo vent'anni, schiaffeggiando la tigre di carta della missione ISAF prima, Resolute Support dopo, la fragile democrazia afgana è implosa come le Twin Towers del World Trade Center, decine di migliaia di morti soprattutto civili, risultato: il governo dei talebani è nuovamente in sella. L'Occidente è scappato come un cane la coda fra le gambe, gridando aiuto!aiuto! dall'alto della sua attuale pochezza di virtù e valori impossibilitata a battere quelli d'acciaio che hanno coagulato i coranici e tengono serrate le mani al filo del Nfr, il fronte della resistenza anti-talebana guidata dal figlio del "leone del Panshir".

La new governance radicale ha profanato la tomba di Massoud nella ricorrenza ventennale del suo assassinio, un'infamia copiata qui da noi al Campo della memoria,  proclamano d' aver spazzato via l'opposizione armata nel Panjshir, ora tutto il Paese è sotto l'egida del mullah Mohammad Hassan Akhund con un Ministro degli interni, Serajuddin Haqqani ricercato terrorista. Almeno questo battono le Agenzie di stampa dando voce ai tronfi comunicati del governo, ma una speranza, quel filo verde c’è ancora, appeso sul baratro d’una regione leggendaria, è sottile ma ancora non si spezza stando alle parole di Ahmed Wali Massoud, fratello del mitico Comandante: “No, è falso... Il Panjshir non è caduto. I talebani possono sognarlo e il mondo magari crederci, ma è falso”. L’impressione netta è che l’Occidente voglia credere al falso pur di lavarsene le mani, leccarsi le ferite, pensare ad altro, cercando cunicoli diplomatici per arraffar vantaggi nazionali sulla gestione delle risorse afgane come sulla ricostruzione, perché qui l’unico valore ha il color verde del denaro non certo della speranza. Calerà la coltre del silenzio vile sul genocidio in atto, ma siamo certi che per monti e valli del Panjshir i ribelli continueranno a combattere, d’altronde sono gli abitanti della terra dei leoni.

 Fonte immagine: www.bloogger.it


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.