Politica della noia

Arrivano le ondate elettorali, amministrative il 3-4 ottobre, ballottaggio il 17-18, a febbraio il nuovo (o vecchio) Presidente della Repubblica, poi ballano due referendum possibili, uno sulla giustizia l’altro sull’eutanasia (il suicidio “assistito”), infine arriveranno le fatidiche Idi di marzo del 2023, elezioni politiche di un Parlamento dimagrito.
Già la prima onda potrebbe trasformarsi in maroso, di quelli che s’infrangono violenti sulle scogliere rovesciando i gozzi (tremano i conti grillini), fra un mese lo sapremo, frattanto fioccano quotidiani sondaggi prezzolati, i post-partiti accendono-spengono le frecce di sorpasso, alcuni tengono le luci di posizione, stand by, campagna elettorale senza tie brak, gli “ammucchiati” scazzottano da vignetta di fumetti, toghe in agguato sul brodino Cartabia, pende la spada d’un autunno bollente, volano come rondini milioni di cartelle del Fisco disumano, mentre il suono della campanella induce gli showmen covid al funesto presagio di un’ ulteriore ondata pandemica.

In teoria si dovrebbero votare i programmi, in realtà da sempre si votava per ideologia o interesse di lobby, comunque il mainstream regnante è di sinistra, il dissenso terrorismo, la democrazia vera? Populismo, la Cina è vicina? No è già qui. Gli schieramenti in campo sfileranno sui media, bucheranno i teleschermi, twitteranno sui social, blablismo nei salotti, a domande scontate risposte scontate, minima et immoralia, addio per sempre alla vecchia colla dei manifesti, ai camioncini arredati a rostri, megafoni e bandiere, vietato ogni assembramento, zio COVID ti guarda!

I temi bollenti sono vax, no-vax, green pass, no green pass, obbligo vaccino o no, cercando il color nero dei disobbedienti perché c’è l’antifascismo unico coagulante d’ un latte di capre, affondato Durigon, ora tocca a Salvini, Meloni, sparando a zero contro le foibe, il no all’obbligo green pass, le dimissioni Lamorgese, il blocco della tratta di schiavi, il no allo ius soli, l’alt al Ddl Zan, ecc.

Siamo stati in Afghanistan? Nessuno lo ricorda, i profughi? Servirà un G20, se ne discuterà tra foto di rito, sorrisetti ebeti, acqua di Fiuggi per espellere i calcoli dalla bile.
Capitan Fracassa da Milano getta guanti di sfida ma nei duelli col duca di Vallombrosa, mascherato da drago, perde e calano i consensi dando corpo al vecchio detto contadino “can che abbaia non morde”, la bella Isabella-Italia l’aspetta sull’altare indispettita ma il barone-attore ha perso la vera da infilarle al dito, la cerca ansioso dalla Brianza fino alla Sila.

“Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi” diceva Tancredi Falconieri a suo zio il principe di Salina, l’establishement dei nostri gattopardi, cambia nomi, presidenti del Consiglio rigorosamente non eletti (un tema da barricate in democrazia) ma la rotta degli ufficiali di bordo è sempre la stessa, guai deviare anche d’ un solo grado, è ammutinamento.

Certo nell’anno che verrà a 75 anni d’età per l’uomo della Provvidenza, invocato da tutti meno la fratellanza tricolore, passerà il treno con fermata Quirinale, prendere o lasciare con rimpianto, ma per salire occorre la spinta da sinistra, dal centro, possibilmente anche da Alberto da Giussano, perciò il mucchio salva Italia serve coeso e obbediente gli strappi vanno ricuciti, in fondo son menate elettorali, però attenzione sull’upper class c’è già un signore tentato a continuare il viaggio.

Il tempo ossida uomini, temi, proclami, argomentazioni, apre le porte al nemico più insidioso, la noia, la stessa che da anni lentamente ha divaricato la forbice tra potere politico e Paese reale, l’Italia vince medaglie nello sport (eccezionali le paraolimpiadi), spinge all’insù l’asticella del PIL, rialza la testa scrollandosi di dosso i mille lacci e laccioli della politica inetta, lenone con mille e mille mangiatoie di parassiti voraci, fankazzisti sculettanti per e sulle poltrone.

E’ molto probabile che nel 2023 vincerà proprio il partito della noia, dell’inutile è votare, sapendo che una volta nel Palazzo i biechi cortigiani cercheranno inciuci non più nei bruni corridoi ma in era digitale con cellulari, twit, SMS, d’altronde si va verso la digital-transizione...democratica.

Per nostra fortuna su monti e colline verdeggiano da nord a sud (salvo incendi) boschi rigogliosi, l’Italia vera, gagliarda, quella che resiste, pare abbia fatto proprio l’invito di Ernst Jünger nel Trattato del ribelle, artigiani, operai, studenti, piccoli imprenditori hanno sposato la scelta dell’ anarca passando al bosco, cercano tra rovi e sterpaglie nuovi sentieri per la transumanza umana verso le vette. Questa ribellione operosa è già in atto contro la lagna disfattista o il servaggio di massa e par d’udire in coro “tutto il resto è noia, maledetta noia”. Ciao ribelle Califano.

 


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.