Green pass

Ancora una parola “barbara”, ancora una prova di asservimento all’impero. La prima cosa che mi fa rabbia è proprio questa, l’uso di una lingua che non mi appartiene, una lingua rozza, dai significati limitati e incapace di dare un senso univoco alle parole.

Non è possibile in Italia chiamarlo “lasciapassare verde”? Ma, perché verde?

Perché è il colore del semaforo che dà il via libera o perché è frutto di un’operazione ecologica? E, se è così, cosa c’è di ecologico in uno o più sieri, che tutti chiamano vaccini, sulla cui composizione, efficacia e conseguenze, nessuno può ancora esprimere giudizi di valore scientificamente provati, dato che la sperimentazione, purtroppo di massa, è iniziata da meno di un anno e i primi dati, solamente statistici, non sono entusiasmanti?

Su questa questione sta emergendo, grazie alle esternazioni di alcuni politici e alla sconsiderata campagna della quasi totalità della stampa e delle televisioni, una vera e propria caccia alle streghe. Una situazione veramente incresciosa: si instilla nell’animo delle persone odio vero, anzi si tende a creare due nuove tribù, “l’una contro l’altra armata”. 

“Caccia ai non vaccinati” titola a tutta pagina La Repubblica del 19 luglio; sembra la caccia agli untori di manzoniana memoria. Ora che la destra e la sinistra politiche convivono beatamente al governo e con la fasulla opposizione dei Fratelli (massoni anche loro?) d’Italia, sotto l’egida del banchiere plenipotenziario Draghi, occorre creare una nuova contrapposizione, magari violenta. Ed ecco che spunta dalla penna infida di qualche pennivendolo di regime il nome di “novax”; come se, rifiutarsi di fare la cavia ad un nuovo farmaco, volesse dire essere contro i vaccini. Ecco il nuovo oggetto di odio e sono convinto che non faranno nessuna legge speciale per salvaguardare dall’odio l’incolumità di questa nuova categoria. Spunta una nuova “razza” da poter perseguitare impunemente.

Infatti, mentre all’ombra del Governo italiano si ritrovano a convivere la Fornero, ministro, funesto per l’Italia, del mai troppo deprecato governo Monti, e il suo principale oppositore di sempre, Salvini, ecco che per “snidare”, penalizzare e punire la nuova “razza da odiare” viene istituito per legge il “lasciapassare verde”, lo strumento di discriminazione del terzo millennio: la vergogna del futuro.

Uno strumento contrario a qualsiasi logica di civiltà, di libertà, una vera e propria nuova legge razziale, contraria addirittura ai principi fondamentali della Carta Costituzionale Italiana.

Così come in varie parti del mondo la gente è scesa massicciamente in piazza per protestare ed ha ottenuto risultati positivi, diventa necessario mobilitarsi. Basti pensare ai pompieri di Parigi che hanno dichiarato in massa di non voler sottostare a questa nuova schedatura che coinvolge sia i vaccinati che i non vaccinati. Infatti dobbiamo respingere il tentativo di dividerci in tribù contrapposte, in tifoserie e neutralizzare questo infame tentativo di dividere il popolo.

Dobbiamo dare battaglia su tutti i fronti: il popolo rivendicando il diritto di libera scelta nel campo delle cure, tutelato dalla Costituzione; i lavoratori rivendicando non solo il diritto al lavoro ma anche il diritto di accesso al lavoro; i medici imponendo il riconoscimento delle cure domiciliari come presidio primario ed essenziale contro l’epidemia da covid, non ancora ottenuto per consentire l’illegale sperimentazione di massa dei vaccini; gli avvocati fornendo i patrocini gratuiti in tutte le cause generate in modo incostituzionale in riferimento ai fatti pandemici.

Dobbiamo tutti, vaccinati e non, darci da fare per difendere la nostra libertà da questi oppressori improvvisati che ci governano.

Per mantenere la permanenza di lor signori sugli scranni di governo serve una sola cosa, l’odio. Quell’odio che fingono di voler debellare con apposite leggi idiote e senza senso, fatte per precostituirsi un alibi; magari, comportandosi da falsi gesuiti, si inginocchiano pure per chiedere scusa per l’odio, che li ha animati ieri, perché sono pronti a sostituirlo con un nuovo odio.

Ed io questa gente falsa, ipocrita, nemica dell’umanità, se ne fossi capace, la odierei e dovremmo odiarli tutti; ma sono convinto che sia necessario invece toglierli dai posti di responsabilità che occupano, punirli con le loro stesse leggi e rieducarli a cosa vuol dire senso della comunità, bene comune, difesa del popolo. Rieducarli, insomma, al senso profondo della Patria.

 

Immagine: https://www.ilfattoquotidiano.it/


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.