Tokyo trial

2016 va in onda sull'emittente pubblica giapponese NHK una miniserie in quattro parti cooprodotta dalla FATT Productions dei Paesi Bassi. Tokyo Trial, diretta dal regista Olandese Pieter Verhoeff scomparso nel 2019. Successivamente è stata acquistata da Netflix.

Tokyo Trial è incentrata sulla figura di Radhabinod Pal (1886 - 1967) giurista indiano membro della commissione di diritto internazionale delle Nazioni Unite dal 1952 al 1966.  Fu uno dei tre giudici asiatici nominati al Tribunale Militare Internazionale per l'estremo oriente , i "Tokyo Trials", di fatto furono la Norimberga asiatica, dove si giudicarono i crimini di guerra  commessi dal Giappone nel corso della seconda guerra mondiale.

Radhabinod Pal era originario del piccolo villaggio di Taragunia, nel distretto di Kushtia. Frequentò la Taragunia Secondary School a Kushtia, nell'India britannica (l'attuale Bangladesh ). Nel 1908 conseguì la laurea con lode in matematica al Presidency College di Calcutta, ottenendo nel frattempo la laurea in legge sempre presso la stessa Università. Ha poi esercitato la professione forense presso il Mymensingh Bar, diventando giudice dell'Alta Corte nel 1941 Nel processo Pal fu molto critico sull'uso da parte dell'accusa del concetto legale di "crimini di guerra",  già utilizzato durante il processo di Norimberga, pur ritenendo "l'evidenza delle violenze (..) perpetrate dai membri delle forze armate giapponesi contro la popolazione civile di alcuni dei territori da loro occupati", ha prodotto una sentenza che metteva in dubbio la legittimità del tribunale, ritenendo il processo al pari di quello di Norimberga animato non da spirito di giustizia ma dalla sete di vendetta dei vincitori.

Nella lunga dissertazione di 1.235 pagine, Pal farà riferimento alla "nota di Hull", (cosi chiamata dal nome del suo estensore il Segretario di Stato americano Cordell Hull), nota consegnata al governo giapponese il 26 novembre 1941, praticamente un ultimatum in cui gli Stati Uniti imponevano al Giappone la rinuncia al  Patto tripartito stipulato da quest’ultimo con Germania ed Italia il 27 settembre 1940, il ritiro immediato di tutte le truppe giapponesi dall’Indocina francese e dalla Cina ed il riconoscimento da parte  dell’Impero del Sol Levante del governo cinese di  Chiang Kai-shek. Secondo Pal  il presidente americano Franklin Delano Roosevelt, era alla ricerca di un "Casus belli" che permettesse agli Stati Uniti di sfruttare l'occasione storica per raggiungere una supremazia globale sul futuro assetto del mondo, (basti pensare alle numerose iniziative politiche e legislative messe in atto da Roosevelt fin dall’inizio del 1941, tutte mirate alla preparazione di un futuro impegno bellico mai pubblicamente ammesso). Roosevelt si adoperò per provocare l’attacco nipponico in modo da poter vincere le resistenze dei neutralisti americani, quella nota diplomatica consegnata all’ammiraglio Kichisaburo Nomura, fece pronunciare al Primo Ministro giapponese, generale Hideki Tojo, la famosa frase “ Tora! Tora! Tora! (La parola tora (トラ), in giapponese, significa tigre ma in questo caso è come acronimo di totsugeki raigeki ,letteralmente, attacco lampo).

I fatti successivi sono noti: la dichiarazione di guerra del Giappone agli Usa partì il  6 dicembre 1941. Molti in Giappone, fra i quali l’ex Capo di Stato Maggiore della Aeronautica, il generale Toshio Tamogami, ritengono che la “nota Hull” fu lo strumento appositamente creato allo scopo di costringere il Giappone a dichiarare guerra agli Stati Uniti ed ai suoi alleati. Sempre secondo il giudice Indiano "(..) anche il Principato di Monaco, o il Granducato di Lussemburgo, avrebbero impugnato le armi contro gli Stati Uniti al ricevimento di una tale nota".

Inoltre, riteneva che l'esclusione del colonialismo occidentale e l'uso della bomba atomica da parte degli Stati Uniti dall'elenco dei crimini di guerra, così come l'esclusione dai banchi dei giudici di rappresentanti delle nazioni vinte, significassero il fallimento della giustizia . ”Ritengo che ognuno degli accusati debba essere giudicato non colpevole di ciascuna delle accuse". Il suo ragionamento influenzò anche i giudici di Francia e dei Paesi Bassi, che espressero opinioni  dissenzienti. Tuttavia, secondo le regole del tribunale, tutti i verdetti e le sentenze sarebbero stati decisi dalla maggioranza.

L'occupazione Statunitense del Giappone durerà teoricamente sino al 1952, alla firma del trattato di pace di San Francisco, e dopo che il nuovo governo nipponico accettò il verdetto del processo di Tokyo. Attualmente nel paese del sol Levante sono ancora presenti circa 35.000 militari Statunitensi. La base navale di Yokosuka, è sede del comando della Settima Flotta della U.S. Navy, ed è la più grande base navale americana al di fuori del territorio degli Stati Uniti.

Nel 1966, Radhabinod Pal visitò il Giappone e disse di aver sempre amato quella terra per essere l'unica nazione asiatica che "si oppose all'Occidente". Pal è venerato dai nazionalisti giapponesi e suoi monumenti si ergono sui terreni del santuario shintoista di Ryozen Gokoku Shrine, come anche nel santuario di Yasukuni.  In Italia Netflix, pur prodiga di offrirci prodotti asiatici sia tradotti che sottotitolati dei generi più svariati, chissà perchè non ha inserito questa miniserie nel proprio palinsesto.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.