Cuba tercera vìa?

“Questo motto è: Patria o muerte” fu l’epilogo al torrentizio discorso sfida del Che pronunciato dinanzi all’Assemblea Generale dell’ONU l’11 dicembre 1964, “motto che conta sull’appoggio e la comprensione di tutti i popoli del mondo e, soprattutto, del campo socialista, con alla testa l’Unione Sovietica”.

Scelta di campo argomentata e proclamata da Guevara, da un lato l’imperialismo yankee sanguisuga del Terzo Mondo, soprattutto de l’ America latina, dall’altra la dura lotta dei popoli proletari, sfruttati dal capitalismo radicale dello zio Sam sposando la causa della revolucion marxista-leninista e l’abbraccio  all’altra faccia di Giano dei blocchi contrapposti, l’imperialismo sovietico, scelta delirante di servaggio al punto tale d’ innescare, nel ‘62, la miccia d’ un possibile conflitto nucleare con la crisi dei missili di Kruscev alzati dall’isola caraibica in direzione Florida.

Nel caleidoscopio delle posizioni politiche nostrane, scontata l’idolatria comunista per il castrismo di Fidel, anche nei bivacchi sulla riva destra ardeva il fuoco per il Che, il Guerrillero Heroico immortalato da A. Korda, canticchiando “De tu querida presencia/Comandante Che Guevara”, icona laica nei poster appesi in cameretta, stampata all’infinito su t-shirt, gadget nei mercatini alle Feste dell’Unità, il mito dell’eroe “giovane e bello” in guerra contro i plutocrati al fianco dei diseredati, aveva il suo fascino romantico anche per chi studiava Céline, Sorel, Drieu La Rochelle mandando a memoria Lavoro e usura di Ezra Weston Loomis Pound.

La piccola Cuba ribelle con le sue piantagioni di canna da zucchero, le sue vecchie chevrolet rosa o pistacchio, i sigari artigianali quasi un logo del suo mondo era l’avanguardia della resistenza contro la globalizzazione (preconizzata da Marx) di matrice anglo-americana, non per niente Fidel era no-global, Cuba la Nike di un sistema eco-sostenibile compresa l’architettura (vedi la Scuola Nazionale delle Arti del nostro V. Garatti), con sanità e istruzione pubblici ma efficienti, una Fort Alamo accerchiata, invisa, strozzata dal capestro dall’embargo, Cuba sotto agguato dei coyotes dirimpettai.

Sono passati trent’anni dall’implosione dell’U.R.S.S., l’altro impero malvisto anche dall’ Ernesto in motocicletta, del Leader Maximo si conservano le ceneri a Santiago, Raúl ha novant’anni, il castrismo, cocktail di comunismo in salsa José Martí (eroe nazionale cubano dell’indipendenza) più caudillismo latino-americano, ha fatto il proprio tempo, ha scritto la Storia recente dell’isola, ma è uno zombie disegnato sui murales de l’Avana né può più reggersi sulle stampelle del ei fu, l’internet-generation non è all’assalto della Caserma Moncada o in armi sulla Sierra Maestra contro Fulgencio, è ovunque, viaggia nell’etere, twitta veloce, annusa quella droga vietata in sessant’anni a Cuba, la libertà.

La triade giacobina liberté, égalité, fraternité è fallita, un motto salottiero parigino cavalcato dalla  rivoluzione francese, furono tre frecce lanciate dalla classe borghese, il Quarto Stato restò fuori dalla camera dei bottoni, fuori dall’assemblea nazionale, i proletari severi in marcia di protesta sono ancor oggi uno splendido quadro di G. Pelizza da Volpedo ma datato 1891.  Il potere politico, economico, sociale è in pugno alla classe borghese, la ricchezza non si concentra più nelle campagne, nelle fabbriche, sono già archeologia (la classe operaia?) essa lievita nelle banche, nell’alta finanza, negli indici delle borse, fiumi di denaro invisibile alimentano i funghi amari della speculazione e la spoliazione indiretta della massa precaria dei lavoratori, sempre in affanno nel soddisfare bisogni, nel rincorrere un futuro ch’è una bolla dei sogni. Più il denaro si concentra in un’élite sempre più ristretta, oligopolio del potere reale, più le condizioni dei lavoratori  peggiorano e la rincorsa degli ingegneri neutri quanto gli scienziati a una progressiva, massiccia automazione del lavoro , renderà l’uomo inutile consumatore di beni che non può acquistare perché senza salario, per assurdo il capitalismo produrrà esorbitanti quantità di beni senza più un mercato.

Il quadro è questo e Marx lo aveva profeticamente previsto perciò, negli anni ‘50, un popolo soffocato dalla dittatura del capitalismo internazionale non poteva che scegliere l’analisi marxista per l’edificazione di una Patria realmente indipendente perché socialista, ma “La Storia dell’umanità è quasi totalmente una narrazione di progetti falliti e speranze deluse” un aforisma  di  Samuel Johnson, il comunismo castrista deve fare i conti ora con la fluidità del presente, l’economia cubana è a picco e solleva la nuova generazione, fischia il vento della rivolta, la libertad es vida, la repressione l’ultimo atto di una nomenklatura giurassica.

Un sasso dalla scarpa e una speranza per l’orgoglioso popolo cubano, costruire sull’isola la “terza via” che fu modello sociale italiano di insubordinazione fondante un nuovo sistema sociale del lavoro di contro quello anglosassone che marciava con la V Armata.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.