Il divorzio di scuola e vita

Historia magistra vitae, dicevano i padri latini: un’affermazione tragicamente caduta in disuso, come del resto il latino. Si celebra, infatti, in questi giorni il rituale degli esami di Stato, il quale costituisce un’occasione per tornare a riflettere su quanto la pandemia abbia peggiorato qualsiasi indicatore non solo economico, ma anche sociale, morale e culturale. L’evento che ha modificato così in profondità la vita di tutti è stata anche l’occasione per assestare un ulteriore colpo al legame tra storia e vita che ha segnato la cultura occidentale e che soprattutto ne ha permesso la nascita e lo sviluppo. L’esame, con la scusa della pandemia, si è infatti ridotto a una pantomima che sarebbe comica se non fosse segno di una deriva preoccupante; quest’anno, poi, si è aggiunto una sorta di surrogato della seconda prova scritta che tuttavia gli studenti hanno prodotto da casa, con internet sottomano, e consegnato ai rispettivi Istituti e a fantomatici tutor che tuttavia non hanno nessun compito nello svolgimento e nella valutazione dell’elaborato.

Ancora una volta si è permessa l’ammissione con un’insufficienza anche grave, mentre l’orale vertendo su tutte le discipline e condensato per normativa in non più di 60 minuti, finisce per essere un caotico groviglio di nozioni e di chiacchiere in libertà. In altre parole, l’esame non è che il sigillo conclusivo a corsi scolastici che si vogliono sempre più dequalificati, semplificati e facilitati in modo da assicurare surrettiziamente il “successo” scolastico. Come se quest’ultimo fosse assicurato da una burocratica promozione e non piuttosto da una seria preparazione ricevuta tra le mura scolastiche. A quest’andazzo la pressoché totalità dei docenti si è oramai rassegnata e segue la corrente per quieto vivere, per nichilismo o perché impegnata in altre attività. Ma non si vuole, con queste righe, essere semplicemente un laudator temporis acti; la reazione alla distruzione dell’istruzione voluta da tutti i ministri che si sono alternati - quasi tutti docenti universitari che poi, magari, lamentano in documenti e lettere aperte il fatto che gli studenti non siano alfabetizzati.

Ma chi è causa del suo mal… - è assolutamente necessaria, a meno che non si voglia, e lo diciamo seriamente, ritornare a quel libello di Giovanni Papini che invitava a chiudere le scuole. Concepita e svolta in questo modo, infatti, la Scuola è diseducativa nei confronti della vita: se la società e la scuola sono ormai liquide, la vita è rimasta una realtà solida. Se la scuola è facile, la vita è difficile; se la scuola premia anche il disimpegno, la vita a volte non premia neanche l’impegno; se la scuola è morbida e “inclusiva”, la vita è dura e tende ad escludere perché non ha spazi sufficienti per tutti. La causa che ha prodotto una generazione che non sa più vivere perché non sa accettare, e superare, le difficoltà della vita si trova, in gran parte, in una Scuola che ha divorziato dalla vita e anzi le si contrappone. Cambiamola o chiudiamola.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Vuoi lavorare? "Green Pass"

di Adriano Tilgher

E’ l’ultima trovata anglofona di Mario Draghi e del suo “magnifico” governo di impenitenti “leccapile” dei potenti del mondo. Ma quanto sono bravi! Quanto sono intelligenti! Come tutti sappiamo, nella schifosissima società liberista il dogma supremo sono gli “affari” e i principi base, come in tutte le società di diritto mafioso, sono “gli affari sono affari” e “nulla di personale sono solo affari”; in nome di questi principi si legittimano tutti i crimini del mondo dagli omicidi alle stragi, dai sequestri di cose e di persone alle rapine, dalle truffe alle estorsioni, ricatti furti e chi più ne ha, ne metta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

La morte ha fatto l'uovo

1968 uno dei registi più sperimentali del cinema Italiano Giulio Questi, realizza un film Horror Thriller con venature erotiche, La morte ha fatto l'uovo, la trama del film veramente agghiacciante si dipana intorno a Marco, un dirigente d'azienda dal fare intellettuale dipendente economicamente dalla moglie, una ricca imprenditrice di pollame, finirà cibo per le galline dopo essere finito in un tritacarne. Nel pezzo di 2 settimane fa, scritto nelle ore precedenti alle manifestazioni del popolo "No Green Pass", avevo ipotizzato una carriera da mago, oracolo o similare, nel caso avessi indovinato un'eventuale recrudescenza, di stato di polizia, e di equiparazione, “No Vax-Terrorismo”. Puntuale come la morte, arrivano i primi arresti, e la fabbrica di fango necessaria per dare il via ad una nuova strategia della tensione.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.