Covid e libertà

Come mai, in quest’epoca di covid, di tamponi e di vaccini, nessuno si è posto il problema della libertà? Come mai l’Italia democratica e progressista, ormai piegata ai voleri del liberismo, della globalizzazione e del profitto non si preoccupa delle formule liberticide e delle leggi o disposizioni, che hanno violato le libertà fondamentali, con cui ci hanno riempito la testa, facendo un vero e proprio lavaggio del cervello, tutti i pennivendoli di regime al servizio dei padroni di turno?

Molto professionali questi lecchini che, ligi ai voleri dei padroni, hanno sparso terrore a piene mani per rendere servile, obbediente e docile un popolo che un tempo fu ribelle, scanzonato e irriverente.

Non serve qui elencare le molte libertà cui abbiamo rinunciato, le tante privazioni cui ci siamo sottoposti, i sacrifici che abbiamo dovuto affrontare per ridurre noi stessi e la nostra stupenda nazione alla mercé di lestofanti, imbroglioni e usurai che, con la ignobile classe politica che ci troviamo, saranno i futuri nostri padroni; sì padroni.

Da oltre un anno ci stanno tenendo al guinzaglio con la spasmodica attesa degli aiuti europei, i salvifici aiuti europei, perché “la UE ci è amica”, perché “la UE ci aiuta”, la “UE ci vuole bene”  E ancora non arriva nulla; però in compenso abbiamo più e più volte sforato i parametri che la UE ci impone (quanto sono “buoni” i burocrati della UE!!!), ma nessuno ci dice quanto ci costerà tutto questo, quanto ce lo faranno pagare.

Per cosa tutti questi sacrifici? Il popolo italiano non ha avuto nulla; in compenso si sono arricchiti i venditori delle insignificanti mascherine, i produttori degli inutili tamponi - visto che la percentuale di errore è tra l’80% e il 90% - e sono diventate ancora più miliardarie le “megagalattiche” società farmaceutiche che si sono inventate un siero, che stanno sperimentando sulla pelle dei popoli, che hanno chiamato vaccino.

Ora, però, quando è ormai troppo tardi, forse arriveranno i fantasmagorici miliardi della UE: soldi che non solo saranno condizionati sul come spenderli, ma saranno anche imposte delle riforme che condizioneranno pesantemente la vita futura nostra e dei nostri discendenti. L’utilizzo, poi, di questi soldi, se mai arriveranno, sarà controllato dai tecnici UE e saranno da restituire da un’economia, quella italiana, ormai distrutta.

Una seria ipoteca per le future generazioni che vincolerà e ridurrà sempre più i margini di libertà nostra. Questa si chiama usura; ed è un’usura della peggiore specie perché non solo ci vengono  prestati soldi che noi abbiamo dato, non solo dobbiamo pagare gli interessi, non solo dobbiamo spenderli come ci indica chi ce li presta, non solo dobbiamo sottostare al controllo di chi ci ha prestato i soldi nostri, ma dobbiamo mettere a disposizione tutta la nostra libertà sia quella materiale ma soprattutto quella spirituale.

Questi sono gli amici della UE, degli amici veramente fidati.

Tutto questo grazie al covid.

Uno strano virus che ci ha avvelenato l’esistenza e che è arrivato in un momento in cui le nostre certezze sulla salute, sulla medicina, sulla vita e i suoi tempi erano assolute e ci ha riportato alla realtà.

L’uomo non è immortale nella sua essenza materiale, ma può esserlo nella sua natura spirituale, purché coltivi questo aspetto, lo potenzi e lo renda realmente spirituale.

Forse può essere proprio questo l’aspetto positivo del covid: riscoprire che la libertà può essere totale solo nella sua estrinsecazione spirituale.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Vuoi lavorare? "Green Pass"

di Adriano Tilgher

E’ l’ultima trovata anglofona di Mario Draghi e del suo “magnifico” governo di impenitenti “leccapile” dei potenti del mondo. Ma quanto sono bravi! Quanto sono intelligenti! Come tutti sappiamo, nella schifosissima società liberista il dogma supremo sono gli “affari” e i principi base, come in tutte le società di diritto mafioso, sono “gli affari sono affari” e “nulla di personale sono solo affari”; in nome di questi principi si legittimano tutti i crimini del mondo dagli omicidi alle stragi, dai sequestri di cose e di persone alle rapine, dalle truffe alle estorsioni, ricatti furti e chi più ne ha, ne metta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

La morte ha fatto l'uovo

1968 uno dei registi più sperimentali del cinema Italiano Giulio Questi, realizza un film Horror Thriller con venature erotiche, La morte ha fatto l'uovo, la trama del film veramente agghiacciante si dipana intorno a Marco, un dirigente d'azienda dal fare intellettuale dipendente economicamente dalla moglie, una ricca imprenditrice di pollame, finirà cibo per le galline dopo essere finito in un tritacarne. Nel pezzo di 2 settimane fa, scritto nelle ore precedenti alle manifestazioni del popolo "No Green Pass", avevo ipotizzato una carriera da mago, oracolo o similare, nel caso avessi indovinato un'eventuale recrudescenza, di stato di polizia, e di equiparazione, “No Vax-Terrorismo”. Puntuale come la morte, arrivano i primi arresti, e la fabbrica di fango necessaria per dare il via ad una nuova strategia della tensione.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.