I medici italiani ed il ministro

Il ministro della salute Speranza ha rimproverato tutti i suoi colleghi per le critiche che gli vengono rivolte da varie parti sulla gestione della crisi pandemica da covid 19, in quanto ritiene, a ragione, inopportuno utilizzare ai fini politici una crisi sanitaria che riguarda la vita delle persone.

Questa giusta osservazione, però, il nostro solerte ministro non la rivolge a sé stesso quando esercita i propri poteri in materia, senza considerare minimamente l’importanza di certe scelte per la vita delle persone.

Come tutti sappiamo esistono ormai numerosi medici che assistono con cure domiciliari, sia preventive che curative, migliaia di pazienti e con la loro attività hanno salvato numerose vite ed hanno impedito o, quanto meno, ridotto l’intasamento degli ospedali. Ovviamente tutto questo è stato realizzato con enormi sacrifici dovuti anche all’ostilità pregiudiziale degli organi istituzionali preposti alla salvaguardia della salute dei cittadini.

L’unica indicazione ministeriale per i medici di base consiste nella tachipirina e nella vigile attesa e ricovero in caso di insorgenze gravi. Ovviamente tutti i medici che hanno a cuore la salute dei propri pazienti non si sono limitati a queste indicazioni, ma, con il consenso degli assistiti, hanno affrontato, in modo deciso e con opportune terapie, il male ottenendo numerosi successi, che potevano diventare il presupposto per una generale cura domiciliare immediata. In tal modo si sarebbero evitati molti dei ricoveri con dolorosa separazione dai parenti e dalle case in un complicato isolamento ospedaliero.

Il TAR ( Tribunale Amministrativo Regionale) ha sospeso la circolare dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) con la quale venivano indicati come interventi domiciliari in caso di sospetta influenza da covid la tachipirina e la vigile attesa. A sorpresa il Ministro Speranza ha fatto ricorso contro questa decisione del TAR.

Questa decisione ha sollevato numerose polemiche sia da parte dei medici di base che da affermati costituzionalisti perché si lede sia il dovere del medico di provvedere immediatamente alla migliore cura del paziente, sia il diritto, sancito dalla costituzione, alla libertà di cura. Ma soprattutto solleva alcuni interrogativi cui è difficile rispondere senza sollevare gravissimi dubbi.

In Italia è stato possibile introdurre i vaccini e utilizzarli senza la dovuta sperimentazione, che in questo momento si sta facendo sulla pelle delle centinaia di migliaia  e, tra poco, milioni di persone, solo perché il ministero e gli organi competenti hanno dichiarato che non esiste altro metodo di cura.

Il venir meno di questa prerogativa, in quanto le cure domiciliari hanno provato che il virus e l’epidemia si possono bloccare con appropriate cure esistenti, farebbe sì che non esisterebbe più lo stato di necessità e urgenza per utilizzare i vaccini senza l’opportuna sperimentazione.

A questo punto, sorgono spontanei numerosi interrogativi: perché questo atteggiamento di diffidenza verso la classe medica italiana che ha dato prova di valore da anni? Perché si preferisce, come unico rimedio, un vaccino di cui non si conosce la reale efficacia e non si sa quali effetti collaterali potrebbe produrre? Perché si continua a tentare di bloccare le cure domiciliari per favorire siffatti vaccini?

Nascono spontanei dei dubbi. Infatti questo modo di procedere, nella migliore delle ipotesi, ci fa pensare ad un uso politico della pandemia; proprio quello che Speranza contesta ai propri oppositori. Infatti attraverso questo modo di procedere si è arrivati ad una completa soggezione del popolo italiano per la paura di morire e si sta procedendo alla sistematica demolizione delle prerogative del nostro popolo, alla distruzione dell’economia ed all’eliminazione di quasi tutte le garanzie costituzionali.

A pensar male, poi, si arriva a considerare quale enorme quantità di denaro ci sia dietro il grande affare dei tamponi e dei vaccini.

L’Italia non merita tutto questo e soprattutto non merita questi personaggi.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.