Stare al passo

Il rapido fuggire via del tempo è un dato di fatto che tutti sperimentiamo. Nel momento stesso in cui ci fermiamo a pensare al flusso inarrestabile del nostro vivere, il presente attuale è già ricordo del passato e il futuro è sopraggiunto per divenire a sua volta il nostro presente.

Nella baraonda aritmica del mondo iperconnesso, lo spettro di un eterno presente che si dilegua tra le fragili angosce della ricerca di sé è una chimera assai difficile da esorcizzare. Vorremmo ogni cosa sotto controllo, eppure niente di rimane fra le mani. È come quando si tenta di afferrare la sabbia: poco o niente della infinità di granelli rimane a noi. Allo stesso modo, oggigiorno pretendiamo di avere a portata di mano tutto ciò che accade. Lo facciamo con i supporti digitalo modulati che, diciamoci la verità, sono drammaticamente enti meta-antropologici di cui non possiamo più fare meno. Su di essi controlliamo gli aggiornamenti di stato, i post pubblicati, le fotografie ed i video condivisi, le “storie” che raccontano, su uno schermo, ciò che sta realmente accadendo attorno a noi. La frenesia del conoscere cosa sta facendo l’altro, che sia il coniuge, il parente, l’amico del cuore o semplicemente un tipo qualsiasi che si trova nel mondo digitale, è un vizio di sensualità anestetizzante. Provate voi a impedire ad un “social media addicted”, come li definiscono i sociologi d’oltreoceano, di guardare il proprio cellulare per più di un paio di ore. Avverrà in lui una crisi talmente forte che l’intero organismo potrebbe addirittura compromettersi. O fate l’esperimento di mettere cinque persone in una stanza, senza connessione internet, per un’ora, e scoprirete quanto è difficile guardare un volto, scoprire l’altro-da-sé, vivere il dramma dell’incontro, dell’esser-ci, in quel ritrovarsi gettati nella “realtà reale” che mette in gioco non tanto la ginnastica del pollice opponibile sullo schermo, ma l’anima.

Schiavi di un prodotto realizzato da schiavi, ci siamo resi. E neppure così tanto intelligente (“smart” in inglese significa appunto “intelligente”), siamo sinceri.

Come è possibile che il traguardo del primo ventennio del Terzo Millennio sia la ultra atomizzazione narcisistica della persona, il cui unico scopo è totalizzare un annichilimento di sé che travalichi il limite stesso del non ritorno, correndo con fuga ansimante alla autodistruzione quasi fosse la sorgente stessa della vita?

È il dramma dell’uomo che vive senza un perché, che ha smarrito il senso, che non riconosce la strada di casa. Oltre l’orizzonte del post-umano, cosa ci aspettiamo di trovare?

Per stare al passo coi tempi ti dicono che devi scendere in campo, mettere la tua faccia su un social e fare il gioco dei click.

Allora io dico “no”. Non mi piegherò alla logica invertita del bi-pensiero debole, dove tutto e il contrario di tutto sono sintesi della vacuità.

Voglio camminare usando le gambe vere per girare il mondo; voglio mettere la mia faccia non sui social, ma davanti quella di un Altro che mi obbliga a rientrare nel più profondo di me per poi uscirne trasfigurato; voglio rischiare il sangue, non il numero dei follower, per gridare che sono vivo, e lo sono perché sono vero e il mio cuore batte forte in questo mondo per trascenderlo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.