Moby Dick

Ishmael, l’io narrante del celebre Moby Dick di Herman Melville, si salva – l’unico sopravvissuto del Pequod, la nave baleniera del capitano “Ahab” – aggrappato alla bara dell’arpioniere Queequeg mentre nave ed equipaggio vengono trascinati nel gorgo prodotto dal colpo mortale della balena bianca. Possiedo una edizione per ragazzi (Fratelli Fabbri Editori) con belle tavole a colori, anno 1955, a dimostrazione di quanto avessi subito a cuore la lettura. Ho scritto sovente di conservare in buone condizioni L’ultimo dei Mohicani di F. Cooper, scelto e acquistato all’età di otto anni. E di questa inesausta passione fanno testimonianza le pareti della mia stanza.                  

M’è venuta voglia di riprenderlo in mano, leggendo di Arturo Pérez-Reverte, di cui ho letto tutto quanto è stato pubblicato in Italia (scrittore spagnolo assai prolifico a cominciare dalle avventure del capitano Alatriste), una raccolta di brevi articoli sul mare e marinai e di pirati e vicende letterarie e non dal titolo Le barche si perdono a terra. In effetti ne avevo la copia ormai da una decina d’anni, ma la memoria mi sta difettando e, quindi, vale come prima lettura… E il Pequod ricorre sovente.                                                                      

Di Moby Dick s’è scritto e detto ben oltre il solo momento narrativo – e giustamente -, trattandosi di una grandiosa metafora intorno alla Natura, intesa quale benigna o matrigna, secondo la prospettiva con cui ci approcciamo – quell’essere bianca come colore di purezza incontaminata o equivalente del nulla e da cui e a cui soggiace la nostra esistenza. E la scena finale, l’epilogo, ove il simbolo della morte rende salva la vita s’innerva in quell’’essere per la morte’ di cui il pensare ‘nella terra della sera’ s’è tormentato fin dai suoi esordi quando, mettendosi in cammino, ha abbandonato là dove dominava il sacro l’oracolo il mito e la follia. Così un romanzo, edito per ragazzi ardenti ed entusiasti, a fianco del Corsaro Nero e della Tigre di Mompracem, di film come Ombre rosse o dell’onore riscattato ne Le quattro piume (e ognuno di noi può aggiungere letture e visioni su cui ha edificato e sogni e illusioni e molti inganni) ci conduce tenendoci con invisibile mano a interrogarci, a metterci all’ascolto, tentare di preservare gli ideali che furono cornice alla nostra inquieta ed errante giovinezza. Il sole tramonta, disco d’oro e rossa fiamma, su tetti e alberi che fanno da cornice e da confine alla finestra della mia stanza. Sul tavolo una lama di luce… Bando, però, a pensieri odorosi di resina antica e intrecciati di polverose ragnatele. Una amica, a me cara, da anni condivide solitarie passeggiate di prima mattina con un cane peloso e gioioso a cui ha messo nome Moby Dick. E sulla spiaggia deserta si rincorrono e si rotolano in abbraccio robusto. È il linguaggio del corpo che s’impone e intreccia un canto vittorioso.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.