Pasolini, "inattuale"

Con il titolo “La lunga incomprensione”, diversi anni fa, è uscito un buon libro che ripercorre il disagio e l’aperto conflitto vissuto nei confronti dello scrittore e regista Pier Paolo Pasolini da parte del PCI e della Destra (sia quella bacchettona della DC sia del radicalismo piccolo-borghese del MSI e dintorni). E a pesare, più che il contenuto dei suoi primi romanzi, fu l’omosessualità in clima di moralismo in cui si viveva immersi negli anni ’50 e metà di quelli ’60. Poi l’irrompere della contestazione del ’68 e le posizioni da lui assunte, fortemente critiche (ci tornerò sopra), non ne rasserenarono i rapporti il giudizio. Gli autori sono Gianni Borgna, dirigente comunista e assessore alla cultura del Comune di Roma nella giunta Veltroni, e Adalberto Baldoni, giornalista e già dirigente del Movimento Sociale. (Quando il 15 ottobre del 1960 mi iscrissi alla Giovane Italia, Adalberto fungeva da responsabile provinciale. E, nonostante le nostre strade divergessero, si mantenne reciproca stima e amicizia. Qui ricordo l’affettuoso biglietto che mi inviò alla morte di mio padre. Così, scrivendo egli numerosi libri, in più occasioni ci siamo sentiti e mi ha sempre correttamente citato. Come in questo su Pasolini. E fui fra gli invitati alla presentazione, in una prestigiosa sala del Campidoglio, in cui intervennero Valter Veltroni, che mi gratificò di idiote occhiatacce, e il sindaco Gianni Alemanno, inutile e dannoso). “Ragazzi di vita” è del 1955; del 1959 “Una vita violenta”. Il sottoproletariato le borgate i protagonisti lo scenario (quel Lumpenproletariat tanto dispregiato da Marx e osteggiato dai comunisti nostrani). Illuso come fosse l’alternativa ai modelli borghesi onnivori e omologanti. E la classe operaia, in fondo, desiderosa della seicento e della settimana da trascorrere sulla costa romagnola... L’eroe pasoliniano, al contrario, è un violento, prigioniero del quotidiano ‘arrangiarsi’, ai margini della legge e della convivenza sociale. Un primitivo che trasforma la modernità in jungla e il benessere a lui estraneo in preda. Un bambino troppo cresciuto e mai divenuto adulto, impaziente e incapace di dominare passioni e desideri. Libero e ‘fascista’, secondo una vulgata di parte della pseudo-cultura progressista. (Anarcofascismo? Beh, non esageriamo. Ci sentivamo fummo e siamo altra cosa, certo, ma con confini a volte fragili). 1 marzo ’68, Valle Giulia. Bastoni e barricate in una mattina in cui pensammo come lo slogan “Siate realisti. Chiedete l’impossibile!” fosse già nelle nostre mani, in menti ardite e cuori avventurosi. E Pasolini ci venne contro con la celebre poesia in cui ci descriveva borghesi dalla faccia cattiva e a difesa del poliziotto, figlio (degenere) del contadino urbanizzatosi. Non migliorò certo il disagio, il distacco. Ormai egli andava arando in spazi altri e, in qualche modo, solitari come avviene sovente ai poeti che si rendono, come interpretava Nietzsche, ‘inattuali’... In tal senso possono definirsi gli Scritti corsari sul Corriere della Sera che si inaugurano con un articolo, in data 7 gennaio 1973, dal titolo Contro i capelli lunghi. Nelle ultime righe si legge: <<Provo un immenso e sincero dispiacere nel dirlo (anzi, una vera e propria disperazione): ma ormai migliaia e centinaia di facce di giovani italiani, assomigliano sempre più alla faccia di Merlino>>. Senza cinismo la sua vicenda si conclude ambigua e sofferta sul lido di Ostia mentre la mia, simile a candela, sempre con i capelli lunghi, pur se ormai bianchi e sfibrati. Oppure l’intervista, che volle realizzare per la televisione, al poeta Ezra Pound, attento e rispettoso discepolo, quasi come un figlio di fronte a un padre tanto amato e infine ritrovato. E come non ricordare l’ultima sua poesia, scritta in lingua friulana ed edita nella raccolta “La nuova gioventù” (1974), intitolata “Saluto e augurio” e rivolta ad <<un fascista giovane, - avrà ventuno, ventidue anni: - è nato in un paese – e è andato a scuola in una città>>. A lui egli affida difendere il mondo contadino, <<i paletti di gelso o di ontano - ... i campi tra il paese – e la campagna, con le loro pannocchie – abbandonate>>. E tutto ciò gli viene affidato in quanto <<Destra divina – che è dentro di noi>>. Leggendola mi sono rammemorato di una notte, metà anni ’60, quando fu deciso – come eravamo improvvidi e smarriti! – di tirargli contro un barattolo di escrementi nei pressi della Casa dello Studente. Di tutta la vicenda ed esito si trova nel libro di cui sopra, fedelmente riportati da Baldoni. Ricordi ormai lontani... Eppure nella mente mi risuona la sua voce che mi grida dietro <<Al ladro! Al ladro!>>, ben sapendo che si trattava di un fascista da raggiungere e linciare.

                                                                                                                


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.