Le borgate dell'Arte [2]: San Basilio

 

 

San Basilio sette arresti e chili di droga, è cronaca attuale, scontato pescare notizie come questa nella melma di una borgata chiusa nel sacco della spazzatura dai pusher corvi del disagio sociale. “San Basilio come Scampia” titolava il Giornale meneghino, S. Basilio razzista per la casa “contestata” a un marocchino secondo il giudice scortato di Gomorra. San Basilio che trionfa al Festival di Sanremo con due suoi rampolli Fabrizio Moro e Niccolò Moriconi detto Ultimo. Volti di Giano d’una borgata romana partorita dal fascismo a Nord Est della Caput mundi, nata rurale a cavallo tra il ‘28 e il 1930 con le sue casette Pater in pannelli prefabbricati di cemento e segatura con 500 mq di orto-giardino per ciascuna. La S. Basilio del dopoguerra tirata su coi dollari americani del piano Marshall, storia di lottizzazioni pubbliche (il PRU) o assai abusive in lunga sequenza. Metastasi anarcoidi, senza un programma, comuni alle periferie romane, risaia del mattone fai da te per immigrati dall’Umbria, dalle Marche, dal nostro Meridione. C’è il sangue d’un ragazzo tiburtino di 19 anni Fabrizio Ceruso caduto nella lotta per la casa in quel 8 settembre 1974, sempre una pessima data per la storia italiana. Poi c’è il tappeto dell’archeologia industriale, quella che un tempo con orgoglio si diceva “la Tiburtina valley” polmone dell’industria romana. Fabbriche oramai chiuse da anni, dormitori dei senza tetto, bosco di immigrati irregolari, manovalanza appetita dalla mafia. Un fortino chiuso verso sera come un castello medioevale, gli spacciatori sono “i bravi” spesso minorenni del quartiere, c’è un muto coprifuoco sorvegliato dagli usurai della “robba”. Le case popolari dell’Ater hanno intere facciate grigie monocolore o senza occhi per vedere, così tra sfratti, occupazioni, povertà, alzi lo sguardo e t’accorgi che anche dal degrado nascono i fiori, è la Resilienza di questa storica, tosta borgata. Nel 2014 nasce SanBa, niente a che fare col sambodromo di Rio, un progetto pubblico, articolato, di riqualificazione del quartiere attraverso uno strumento forte: l’arte. Dieci facciate cieche, o quasi, di palazzine popolari si trasformano in pinacoteca di murales con temi radicati sulla comunità che li vive e con esse si racconta. Il più cliccato è a Piazza Recanati, l’artista marchigiano Blu (un Banksy italiano) dipinge su una parete la pala centinata d’una chiesa, S. Basilio è il gigante patrono della borgata che si staglia nel cielo, incede sicuro schiacciando gli steccati, con la destra sforbicia un lucchetto simbolo degli sgombri sanguinosi del ’74 ricordati su un nastro della tunica. Le forze dell’ordine malmesse hanno l’aspetto di maiali, certamente un’offesa pesante da cancellare in fretta con una passata di bianco, qualcuno sopra quella nuvola bassa c’ ha scritto “censurato”. 

                                                      

                                                                 
È un vecchio ritornello del ’68 aggredire, insultare la divisa simbolo dello Stato, in questo caso proletari contro altri proletari, sempre lo stesso film, vedi Piacenza, Bologna, spesso sono borghesi fancazzisti contro proletari. Perciò, a dire il vero, c’intrigano assai di più i rastrelli giganti dello spagnolo Liken dal titolo Rinascimento. Affondano i loro denti nel terreno come fosse pane, restituendogli la verginità perduta. Via tutte le superfetazioni del passato e del presente, oramai piombi obsoleti, sono la crosta, non tanto fisica, quanto mentale che ha mummificato Roma dentro una riserva pietrificata. Dai solchi spuntano nuovi verdi germogli con i loro fiori bianchi, chissà, ci viene da pensare proprio a quella ruralità d’una “borgata giardino” che il fascismo aveva cercato di impiantare. Forse non è un caso che un altro suo murales è un’esplosione di corolle schiuse dove la Natura si riveste di colori sgargianti divorandosi le misere finestrelle d’ alluminio anodizzato, t’aspetti d’inebriarti di profumi. 

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.