Chincaglierie, contro ogni deturpazione del pensiero: dis/illusioni

Esiste un modo per sconfiggere la “turpe vecchiezza” ? Sì, rapportarsi al Presente, al “qui e ora” teorizzato da parte della filosofia del nostro secolo. Ricordo di quando, diciotto anni fa’,  ero studente di Filosofia presso l’Università degli Studi di Cassino. Allora “forte “ delle mie idee mi trovavo sospeso tra chi aveva “abbracciato la croce “di Comunione e Liberazione e chi propinava – soprattutto tra i docenti– un certo tipo di libertà di pensiero seppur  assolutamente “debole”. La risultante di tutto ciò ha fatto sì che io vivessi per lungo tempo come un apolide.

Del così teorizzato “pensiero debole”  non ho mai accettato il fatto intrinseco di portare un lento ed irreversibile sgretolamento esteriore ed interiore, unitamente al fatto manifesto che i seguaci di esso  si sono costruiti residenze faraoniche  e vivono con stipendi che sono il contrario di quella esistenza del nulla che profetizzavano.

Del pensiero forte ho sempre bene accolto invece la forma di un valore fondante su cui fondare dei principi e “tirare innanzi” nello sperimentale artifizio della vita natural-durante; ho sempre abbracciato ciò per cui una Logica  o consuetudine può dare valore, perché il problema dell’ uomo moderno è insito proprio in questa logica di fondo.

Ammesso che “Non possa esser-ci valore che accada sulla terra “ come affermava il  buon Wittgenstein nel suo Tractatus  perché “se accadesse sulla terra sarebbe oltremodo un “fatto “ del mondo”, è pur  tuttavia necessario -  nel vivere la complessità di un qualcosa – dare fondamento al “meno peggio” o -con maniera e metodo “rivoluzionario” - tracciare una logica conseguenza dal superamento dello stesso precedentemente de-lineato.

Il che vuol dire che per fare ciò il Valore stesso necessita di essere de-limitato. Come arrivare infatti a quel “ superamento della morale” se prima non abbiamo vestito il “costume “ della stessa? Rischiamo di creare una sorta di paradosso della fisica se accettiamo il fatto che nulla esiste ma noi da un punto di vista reale o fosse anche immaginario questo NULLA lo vediamo! Ci confrontiamo in e con questo nulla; paghiamo le bollette e sbarchiamo il lunario per questo Nulla.

C’è qualcuno che sostiene che non si possono sullo stesso piano mettere due campi di azione e di indagine diverse; da una parte lo “spazio logico “  od eventualmente  “ narrativo “, dall’altro quello vitale, la “ nuda e più prossima e-sistenza”. Un “ asino che vola “ può esistere nella nostra grammatica di senso e significato ma ancora nessuno ne ha visto REALMENTE uno!  Eppure … su questa logica così geometrica, così matematica, ci hanno “ fregato“ un futuro. Uccidiamo il tiranno ma per metterci il nulla che proprio perché tale fa più danni del tiranno stesso.

Possiamo anche non accettare che vi sia una grammatica di senso e significato comune; possiamo anche arrivare a chiamare sedia il tavolino e sgabello la scrivania ma se non codifichiamo tutto ciò con un piccolo gruppo di persone prima e con una comunità poi chi ascolterà anche la nostra più basilare chiacchiera ? Solo noi stessi. E non avendo poi punti di confronto e di raffronto finiremmo anche  noi stessi per dimenticarci di noi. Bello vero ?

Finita la mia esperienza di studio e di vita in giro tra Campania Molise Lazio e Baviera, dopo vicissitudini lavorative che mi hanno fatto vivere da esodato prima che il job act creasse le sue disastrose conseguenze, abbandonata buona parte di quelle magnifiche teorie, mi ritrovo oggi nella splendida biblioteca adiacente la secolare Abbazia di Casamari, dove vengo spesso a scrivere e meditare,  osservando le pietre con cui è stata costruita da chi aveva un progetto comune, da chi sognava forse “ universi paralleli” ma che, per fortuna, non si perdeva nel “non sense” della politica di oggi. Quegli scalpellini che operarono  superando la dicotomia destra-sinistra ed erigendo qualcosa che – come templi e palazzi della Roma Antica – è rimasto e resterà immortale.

Sfido invece quella teoria che dis/illudendoci,  ha gettato nel baratro del buio coloro che la hanno propugnata e noi che ne siamo stati succubi senza volerlo ma senza neppure aver mosso – quando ancora si sarebbe potuto - dito contro di essa pur trovandoci dalla “ stessa parte”.

Resta un problema di fondo di una società che si è involuta in un assioma ben specifico: dalla

“ immaginazione al potere “ con tutto il suo interessante calderone di Marcuse, Marx, Mao, Lukacs etc ad un’inimmaginabile situazione dalla quale si potrà uscire SOLO e se si rimetteranno dei punti fermi per poter iniziare a costruire di nuovo e rendere granitiche le fondamenta da cui potrà nascere un qualsivoglia Stato; di tutela, di garanzia VERA,  Sociale e di diritto.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.