Il Pensiero Forte ha bisogno di voi

Cari lettori e lettrici,

da anni ci impegniamo ad offrire a tutti voi la cultura non politicamente corretta, in ambito politico, geopolitico, filosofico, storico, economico, bioetico. Con grande passione, i nostri articolisti gratuitamente scrivono ogni settimana pezzi di altissimo livello, dando lustro e prestigio alla nostra realtà; la Redazione, senza alcun profitto né tornaconto, svolge un grande lavoro editoriale per rendervi disponibile la cultura che, ci auguriamo, sta dando luogo alla rinascita del Pensiero.
Non riceviamo fondi statali, né siamo sostenuti da fondazioni o enti privati: sin dal principio andiamo avanti autotassandoci e grazie alle donazioni che riceviamo durante le conferenze svolte in presenza e, in particolare, con il nostro Convegno Nazionale, momento centrale della nostra attività di formazione e divulgazione. Quest’anno complicato e i provvedimenti assunti dal Governo italiano, ci hanno impedito di realizzare gli eventi che ci consentono di andare avanti. Le spese ordinarie per mantenere in piedi il nostro progetto non sono, però, venute a mancare.
È per questa ragione che veniamo a chiedere a voi, nostri lettori e lettrici, un aiuto per poter andare avanti. Con una donazione libera, ci permetterete di chiudere questo anno col sorriso di chi sa di poter ancora proseguire nella propria missione, per voi tutti.


GRAZIE di cuore a tutti,

Adriano Tilgher, Direttore
Lorenzo Maria Pacini, Capo Redattore
Andrea Brizzi, Redattore

CLICCA QUI PER DONARE LIBERAMENTE

 

https://www.paypal.com/donate?hosted_button_id=CATWFZUQUP2BN 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.