Circa il Liceo Classico

Né passatisti né elitisti, sicuramente, anche in questa materia.  Non crediamo, anche per esperienza personale, che la scuola di una volta funzionasse sempre bene e avesse buoni docenti; non crediamo che compito di uno Stato sia aspettarsi che i migliori affiorino, con una sorta di darwinismo sociale, ma piuttosto promuovere – in tutti i sensi – i capaci e meritevoli.  Con ciò si intende dire che in una società a limitata alfabetizzazione la prospettiva di innalzamento sociale (all’interno di compartimenti ben definiti) era più semplice da attuare perché si rivolgeva ad aree tutto sommato ristrette.

Sotto questo punto di vista, se la riforma Gentile ha il grandioso merito della costruzione del Liceo classico, forse ancora più grande merito del ventennio che precede la seconda guerra mondiale è la sistematicità con la quale è aggredito e in buona parte vinto il problema dell’analfabetismo, che in Italia, anche a causa di alcune interdizioni della Chiesa, era da secoli molto più esteso che in altri paesi d’Europa.

Ma se vogliamo comprendere le cause degli attacchi più o meno virulenti al Liceo classico, difficilmente sarebbero esaustive le spiegazioni che invocano l’invidia sociale, la tendenza contemporanea alla massificazione, insomma ascoltare le meschine rivendicazioni borghesi. L’insegnamento della cultura classica afferma piuttosto,contro lo spirito dei tempi, la necessità di una tenuta interiore, di una “nobile semplicità e calma grandezza” e non può certamente tradurre ogni aspetto della scuola nella terminologia economica (debiti e crediti, presidi manager, etc.) o proporre inglese, informatica, impresa come nucleo di una nuova paideia. Per questo motivo, per il senso di alterità e quindi di prospettiva storica che induce, ha valore l’insegnamento delle lingue classiche, non certo per banali motivi razionalistici.

Siamo infatti stanchi di sentir dire dai soliti benpensanti che il latino – magari anche il greco –aiuta a strutturare il pensiero logico: può ben essere, ma questo lo si può fare anche con altri strumenti, magari la matematica. Il senso vero dell’avvicinamento alla cultura degli antichi attraverso le loro lingue classiche è che si tratta di lingue concluse ma non esaurite; che la nostra cultura, che è irrimediabilmente separata dagli antichi, ma vi trova le proprie fondamenta, esprime se stessa in tutte le sue forme più pregnanti (filosofia, scienza e ogni forma di sapere) attraverso le loro parole dette nelle loro lingue. E quindi, paradossalmente, ci ritroviamo con le parole latine e greche che –come neologismi anglicizzanti- ci rimbalzano dalle pagine dei quotidiani più ‘imperiali’ dell’anglosfera, basta dare un’occhiata al Financial Times.

Lo spazio non ci concede di approfondire il tema di attualità giornalistica dell’alternanza scuola-lavoro nei Licei.  Ci basti dire al Presidente Confindustria di Cuneo, che li vuole tutti operai e tecnici, e alle famiglie, che li vogliono tutti laureati passando attraverso i Licei, che per il terzo millennio ci piacerebbe un’altra prospettiva: alternanza di studio (soprattutto italiano e storia) e lavoro manuale e servizio civile per tutti, ma proprio tutti!


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Cretini? Forse. Traditori? Possibile

di Adriano Tilgher

La nostra Italia vive un momento difficile, molto difficile. Ma le cause non sono solo la pandemia e la crisi economica che ne consegue è, anche e soprattutto, il modo di agire della nostra classe dirigente, sia politica che amministrativa che tecnica. Ancora non si è capito o si finge di non capire che il Covid e le sue varianti sono qualcosa con cui si deve convivere finché non si troveranno delle cure appropriate, che, a mio avviso, si sarebbero già trovate se si fosse dato seguito alle indicazioni dei tanti coraggiosi medici che sul campo hanno, in numerosi casi, sconfitto la malattia. Invece si è preferito dare seguito al leggendario “vaccino” che non solo ci è costato tanto, ma non risolve il problema, perché da sempre scarsamente efficace e soprattutto i suoi effetti, per il momento solamente lenitivi, decadono in tempi molto brevi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I biscotti di Korzybski

Primo dopoguerra, durante una lezione, all' "l'Institute of General Semantics," il suo fondatore il, filosofo e matematico polacco Alfred Korzybski si interruppe prese dalla sua borsa un pacchetto di biscotti avvolto in un foglio bianco e ne offrì agli studenti, dopo che molti avevano mangiato e gradito, Korzybski tolse il foglio bianco mostrando l'etichetta, sulla quale c'era scritto “biscotti per cani”. Gli studenti vedendo il pacchetto rimasero scioccati, alcuni si precipitarono verso i bagni tenendo le mani davanti alle bocca. L’inventore della “Semantica Generale” (GS) voleva dare dimostrazione pratica del fatto che gli esseri umani non si nutrono solo di cibo, ma anche di parole, in pratica è la lingua che determina la nostra visione del mondo. Ciò va a vantaggio di chi voglia operare una ridefinizione del mondo percepito tramite il linguaggio, come superbamente descritto da Orwell nel suo “1984”:

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.