Pieni poteri e immagine

Che tristezza questa Italia! Veramente deprimente.

Ligi agli ordini di partito? No! Timorosi che si possa tornare a votare quasi tutti i parlamentari di governo hanno votato contro i loro reali convincimenti, ammesso che ne abbiano qualcuno, per prorogare i poteri da stato di emergenza a Conte.

Motivo? Ignoto! Si dice per i contagi in Spagna, visto che in Italia sono praticamente scomparsi; e allora potrebbe andarsene in Spagna. Non è previsto, anche perché ci sono tante italiane in mascherina che piangerebbero perché il “bel” presidente del consiglio lo vogliono vedere tutti i giorni, almeno in televisione, visto che di persona è irraggiungibile: quanto vorrebbero poterlo toccare!

Lui, l’ineffabile Conte, avuto sentore del malumore da parte delle sue “fan” per questa sua intangibilità, al punto che strane voci iniziano a circolare, ha pensato bene di far uscire su tutti i rotocalchi le foto in costume della sua bella fidanzata.

Peccato, però, che nelle pagine vicine compare il suo portavoce, Casalino, studente con profitto al campus del Grande Fratello, con il suo inseparabile accompagnatore palestrato sul quale, poverino, pare che qualcuno stia indagando.

Come sei antiquato mi dicono gli amici, all’amore non si comanda.

Ma, per me si possono amare quanto gli pare, il problema si pone quando queste pulsioni le vogliono far diventare leggi dello stato o addirittura strumenti per modificare la natura.

Quando ero piccolo io, indubbiamente tanti anni fa, mi avevano insegnato che gli esseri umani si differenziavano in due generi: il maschio e la femmina; questi due generi, poi, erano immediatamente riconoscibili da alcune ben visibili caratteristiche fisiche.

Oggi, invece, potenza della “modernità”, si vuol far credere che i generi sono aumentati a dismisura, che la riconoscibilità è pressoché impossibile senza un accurato esame “psicofisicoattitudinario” e che bisogna obbligatoriamente insegnare nelle scuole questa molteplicità di generi.

Ed ecco che alcune pulsioni individuali creano la modifica dei generi e diventano obbligo con il governo Conte. Strano! Molto strano!

Ma Zingaretti che fa? Silenzio! La stampa, ovviamente di regime, tace su di lui che è quasi assente dalla scena. Potrebbe essere istruttivo andare a fare una visitina alla sua segreteria personale presso la Regione Lazio, dove tra l’altro fa il presidente.

Spettacolo deprimente: i soldi per aiutare imprese e famiglie stroncate da una improvvida e disorganizzata chiusura del nostro popolo, non ci sono; quelli per insegnare ai nostri figli una inventata proliferazione di generi, sì. I soldi per gestire la quarantena di torme di immigrati contagiati si trovano, quelli per ricostruire una sanità pubblica efficiente, no.

In compenso però il popolo dei “miracolati” dei due rami del parlamento proroga lo stato di emergenza ad un governo retto da queste persone e la gente, per ora, tace.

Mattarella? Non pervenuto.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Le riforme indispensabili

di Adriano Tilgher

L’Italia deve essere ricostruita dalle fondamenta, perché, ormai è una nazione che ha perso la sua ragion d’essere, soprattutto per aver smarrito il suo senso di appartenenza, la sua identità che nasce da una storia ed una cultura millenaria ed è cementata da una lingua fra le più ricche e le più studiate del mondo. Gli attacchi sistematici alle nostre istituzioni, come la scuola, la giustizia, la sanità… - un tempo punti fermi nei quali riconoscersi, copiate e imitate in tutto il mondo – le hanno ridotte a simulacro di sé stesse. Il tutto agevolato dall’insipienza e l’incapacità del ceto politico e della classe dirigente.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Il mal borghese

Prima Repubblica, prima che Mario Draghi, ed i suoi compagni di merende si facessero sicari dell'industria italiana, nell'immaginario collettivo, e nelle tv di stato, emergeva la figura del “self made man”, ci mostravano una borghesia, stereotipata, contrapposta ad una classe operaia ancora memore delle battaglie sindacali, degli scontri di piazza, piazza, che si legittimava con i festeggiamenti del primo maggio, che vedeva il metalmeccanico della Fiat, fieramente opposto al "Cummenda" della commedia all'italiana, fiero di indossare la "Tuta Blu" come giusta divisa da contrapporre allo stile borghese. Da sinistra il lavoratore rivendicava la lotta di classe, da destra, la socializzazione, il "ricco" anche quello che si era fatto da solo, veniva visto come diverso, e lungi dall'essere invidiato, veniva studiato per capirne e carpirne, le debolezze umane. Fra i mali criticati, l'ostentazione della ricchezza, la mancanza di empatia, la promiscuità sessuale, sino ad arrivare all'omosessualità, definita "Il Mal Borghese".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.