Il lavoro

di Adriano Tilgher

Quali sono i temi politici reali su cui  è indispensabile aprire il confronto e, se necessario, lo scontro? Sicuramente il lavoro, poi la moneta, con la sua proprietà e la sua scarsezza, la finanziarizzazione del potere, il sistema bancario, l’inefficienza del sistema giudiziario,  la crisi del sistema politico e lo studio di nuove forme di partecipazione del cittadino alla vita ed alle decisioni politiche, lo sfascio della scuola e la ridefinizione dei suoi obiettivi con il conseguente adeguamento dei vari corsi e dei programmi, la vera Europa.

Oggi, nella visione economicista e liberista della società, il lavoro viene considerato soltanto un costo di produzione e, per le leggi di mercato, i costi vanno tagliati. Se poi consideriamo che gli alti livelli di disoccupazione odierni sono il frutto anche di una ancora limitata informatizzazione e robotizzazione dei grandi trust industriali, possiamo intuire quale sarà il livello di occupazione quando la sostituzione dell’uomo con le macchine sarà completata.

Si rende quindi necessaria e fondamentale una nuova e diversa concezione del Lavoro; ma non è sufficiente, occorre anche studiare nuove forme lavoro e predisporre le scuole per la formazione a queste novità.

Nella mostruosa concezione liberista dei rapporti umani la fa da padrone il profitto economico individuale, senza tenere in alcuna considerazione il profitto sociale: ovvero tutta l’utilità che deriva per la comunità da un corretto rapporto sociale.

Va restituita pertanto al lavoro tutta la sua valenza sociale perché nel lavoro c’è la dignità di un uomo, la crescita delle famiglie, lo sviluppo della comunità, l’affermazione della Nazione come momento storico, politico e culturale.

Uscire dalla concezione liberista del lavoro per giungere ad una sua valutazione sociale, anche dal punto di vista strettamente economico, è il primo obiettivo dell’azione politica. Questa dottrina che ha grandi riferimenti culturali è anche l’anima della dottrina sociale della Chiesa e trova grandi sostegni in alcune encicliche papali.

Ed ecco che entra in gioco la Politica (non la politichetta venduta e incapace di oggi) che ha il compito di ristabilire l’esatto rapporto tra la forza lavoro ed il capitale; davanti a chi detiene le risorse si può opporre solo la “resistenza” di chi detiene la forza del numero, e i politici, tramite la delega dei cittadini, hanno questa forza ma non la esercitano perché sono diventati espressione di lobbies economiche e, grazie anche alle ultime riforme elettorali, si sono totalmente disancorati dai propri elettori; sancendo così la morte della politica ed il trionfo dell’economia.

In questo quadro desolante diventa ovvio collegare la diversa concezione del lavoro con una diversa classe dirigente, che sappia, con la propria ricreata integrità morale, porsi come interlocutore capace e, se necessario, come oppositore strenuo alle prevaricanti mene del potere economico-finanziario. Se si riconosce la forza sociale del lavoro, questo sforzo va fatto.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Cretini? Forse. Traditori? Possibile

di Adriano Tilgher

La nostra Italia vive un momento difficile, molto difficile. Ma le cause non sono solo la pandemia e la crisi economica che ne consegue è, anche e soprattutto, il modo di agire della nostra classe dirigente, sia politica che amministrativa che tecnica. Ancora non si è capito o si finge di non capire che il Covid e le sue varianti sono qualcosa con cui si deve convivere finché non si troveranno delle cure appropriate, che, a mio avviso, si sarebbero già trovate se si fosse dato seguito alle indicazioni dei tanti coraggiosi medici che sul campo hanno, in numerosi casi, sconfitto la malattia. Invece si è preferito dare seguito al leggendario “vaccino” che non solo ci è costato tanto, ma non risolve il problema, perché da sempre scarsamente efficace e soprattutto i suoi effetti, per il momento solamente lenitivi, decadono in tempi molto brevi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I biscotti di Korzybski

Primo dopoguerra, durante una lezione, all' "l'Institute of General Semantics," il suo fondatore il, filosofo e matematico polacco Alfred Korzybski si interruppe prese dalla sua borsa un pacchetto di biscotti avvolto in un foglio bianco e ne offrì agli studenti, dopo che molti avevano mangiato e gradito, Korzybski tolse il foglio bianco mostrando l'etichetta, sulla quale c'era scritto “biscotti per cani”. Gli studenti vedendo il pacchetto rimasero scioccati, alcuni si precipitarono verso i bagni tenendo le mani davanti alle bocca. L’inventore della “Semantica Generale” (GS) voleva dare dimostrazione pratica del fatto che gli esseri umani non si nutrono solo di cibo, ma anche di parole, in pratica è la lingua che determina la nostra visione del mondo. Ciò va a vantaggio di chi voglia operare una ridefinizione del mondo percepito tramite il linguaggio, come superbamente descritto da Orwell nel suo “1984”:

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.