Noi soli

Per un caso, forse. Confusi la richiesta di un contributo con un mio scritto da parte di una realtà giovanile di Reggio Calabria con la rivista Ereticamente. E, quando si chiarì l’equivoco, ormai avevo inviato – credo – sei articoli sull’anarco-fascismo (partendo da Céline) - s’era creato un buon rapporto, con l’impegno di scrivere senza censura e alcuna limitazione. Per anni. Passione per la tastiera. Parole ad evocare, tramite il linguaggio del corpo (memorie volti incontri), ciò che conta: lo Stile. Perchè ‘là dove c’è uno Stile, là è passato un Capo’. O, comunque, si avverte che suo tramite tempo e spazio si dilatano e si preservano dalla finitudine carne ossa sangue.                              

A distanza una buona amicizia, Eugenio, che definivo con affetto e stima, ‘il negriero’ o il ‘timoniere’ (anche Mao, negli anni della Rivoluzione culturale’ del libretto rosso e ‘delle biciclette di Shangai’, come cantava Franco Battiato, lo si esaltava come ‘il grande Timoniere’), qui, da parte mia, solo ironia comunitaria. La comunità piccola e vivace della rivista, dove i miei interventi erano ai confini del nero – poco Evola e la Tradizione, l’esoterismo e la voce di Roma. Dimostrazione della libertà di spirito, di intelligenza dei redattori. Cercare la sintesi tra l’Eterno e la Storia. Ebbi occasione anche di recarmi, su suo invito, a presentare un mio libro a Palermo. In una saletta del Municipio, aristocratico edificio, tramite Roberto Miranda che non rinunciava ad essere in prima fila nonostante la malattia e il tempo che, simile alla clessidra, inesorabile, volgeva i granelli di sabbia al fondo. Una giornata di cielo terso di atmosfere e aromi e suggestioni mediterranei, passeggiare in stradine ove senti che il mondo arabo aveva lasciato il segno e quello svevo. E, al centro di universi e distanti e prossimi, il Duomo con la tomba di Federico II, Imperatore. Mi raccontano come, ogni mattina, anonimi cittadini vi si recano e lasciano davanti al sarcofago di nuda pietra dei garofani rossi. La compostezza, priva d’ogni orpello, che esprime e dona di sé la grandezza, come il trono nel Duomo di Aquisgrana (altro luogo ove sostai in cerca delle Strade d’Europa). Il Sacro e il Profano.                                                     

Tempo di sintesi, rifletteva Berto Ricci mentre sollecitava la partenza verso il fronte ove avrebbe trovato la morte eroica in nome del Fascismo ‘immenso e rosso’ per non rinnegare il giuramento prestato. Lo Stile, dunque, a nobilitare l’uomo nella Storia e trarne frammenti d’Infinito. Noi esseri contro la viltà del momento e privi d’ogni inganno al richiamo suadente e consolatorio delle sirene. Noi soli (Solo e Sole traggono la medesima origine?).


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L’attacco alla scuola

di Adriano Tilgher

La prima vittima dell’attacco all’integrità del nostro popolo è la scuola.

Noi eravamo orgogliosi della nostra scuola, del tipo di formazione che dava ai nostri giovani, della qualità dei quadri che ne venivano fuori in tutti i campi e in tutti i settori, del senso critico, della libertà di pensiero profondo, delle capacità di analisi, di sintesi dei nostri giovani che permetteva loro di emergere ovunque si applicassero ed ovunque andassero.  La nostra scuola era ammirata e studiata da tutti e questo era uno dei principali elementi di invidia nei nostri confronti.

Infatti, quando l’Italia ha perso la guerra, le nazioni vincitrici ed i loro complici di casa nostra hanno iniziato a picconare tutte le colonne portanti del nostro incommensurabile patrimonio culturale materiale ed immateriale e prima fra tutte la scuola. Non è un caso che la prima sovranità che è stata messa sotto attacco è stata quella culturale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

TSO di Stato

Fano, Istituto Tecnico Commerciale Adriano Olivetti, una scuola che vanta una storia secolare, apprendiamo dal sito ufficiale che è operativo dal lontano 1861, circa un secolo dopo alla morte di Adriano Olivetti, prenderà l’attuale nome in memoria del grande imprenditore Italiano, che si distinse per i suoi innovativi progetti industriali basati sul principio secondo cui il profitto aziendale devesse essere reinvestito a beneficio della comunità.

Olivetti credeva nell'idea di comunità, unica via da seguire per superare la divisione tra industria e agricoltura, e fra produzione e cultura, idee maturate da quelle di Rudolf Steiner. (Vi sono dei riscontri di finanziamenti a movimenti steineriani ed alla stampa antroposofica). Dal sito ufficiale apprendiamo che l'istituto: “offre grandi spazi in cui imparare, divertirsi ed osservare il mondo circostante. (..) La missione dell’Istituto Olivetti è (..) essere innovativi e sapere insegnare alla nuova generazione come affrontare il mondo del lavoro e la realtà di tutti i giorni. (..)”.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.