Jünger: la sfida del ribelle

Dal mondo meccanizzato e dis-umanato di Metropolis al bosco: così potrebbe semplificarsi il percorso compiuto da Jünger nei circa vent’anni che separano l’Operaio dal Trattato del Ribelle. Vent’anni durante i quali lo scrittore tedesco ha compiuto una sorta di scepsi delle sue iniziali posizioni, relative a quella visione del mondo che era figlia delle sue esperienze di guerra.

Nel secondo dopoguerra, il volto spaventoso del NIENTE gli appare un pericolo dal quale difendersi, piuttosto che l’annuncio di quel mondo nuovo di cui il Milite Ignoto e l’Operaio erano stati, in certo modo, i campioni. Se, infatti, fino al 1932 l’emersione dell’elementare nella guerra dei materiali era considerata da Jünger il fatto nuovo, l’inizio di una nuova epoca della storia, le successive riflessioni indicano un allontanamento dal mondo della rigida funzionalità e dell’anonimato che avevano invece dominato le trincee dell’eroe tedesco e che egli vedeva trionfare nelle fasi successive del processo storico incarnate dal tipo dell’Operaio, dominatore della tecnica e nuovo modello di funzionalità in cui ogni azione assume i caratteri freddi e metallici del lavoro meccanizzato. È evidente che il nazionalsocialismo ha generato una presa di coscienza che lo porterà successivamente a far parte dell’operazione Valchiria e che per il momento lo induce a vedere in Hitler il definitivo negatore del mondo ordinato che si trattava di restaurare.

La svolta era già annunciata nel romanzo a chiave Sulle scogliere di marmo del 1939, nel quale l’elementare - cioè le forze primigenie e informi della vita, precedentemente esaltate come l’elemento nuovo – sono ora assunte nel loro aspetto distruttivo nella maschera del Forestaro che distrugge l’idillico e ordinato mondo della Marina. Jünger comincia a riflettere con estrema costanza sul tema del nichilismo che diverrà confronto diretto nello scritto Oltre la linea del 1949 e di cui il ritorno al bosco può dirsi il risvolto pratico.

Significativo, per i motivi che si vedranno, che ora il bosco, dal quale uscivano le forze scatenate dal Forestaro, appaia come il luogo dove sfuggire al controllo totalitario dell’ordine nichilistico del mondo moderno; il bosco è ora il rifugio dove diventa possibile la ribellione al mondo moderno. Il testo del 1951 è infatti intitolato Der Waldgang, letteralmente “colui che va al bosco”, da un’usanza dell’antica Islanda in cui i proscritti si ritiravano in luoghi selvaggi, pericolosi ma liberi. In italiano si è preferito il titolo Il Trattato del Ribelle che forse è persino più efficace, in quanto ci dice immediatamente della corrispondenza di questa figura con l’Anarca: il singolo che si dissocia col suo “no” dalla società moderna e, nello stesso tempo, ci dice del carattere manualistico di questa breve, ma non semplice opera.


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.