Che cos'è il Fascismo?

Nel lontano 1963 l’editore Giovanni Volpe pubblica “qu’est-ce que le fascisme?” di maurice Bardèche. L’autore fu amico e cognato di Robert Brasillach, fin dal tempo del collegio Luigi XIV e avendone sposato la sorella Suzanne il 12 luglio 1934. Con lui percorse “le strade brulle e rosse” di Spagna, scrisse opere importanti come storia del cinema, ne preservò la memoria ed oggi gli è sepolto accanto nel piccolo cimitero di Charonne. Un’esistenza spesa bene. E fra i suoi scritti ricordo Fascismo ’70 (edizioni Il Borghese) con sottotitolo Sparta e i sudisti. Di recente, poi, l’antologia souvenirs, regalo gradito dall’amico Rodolfo, fortunosa scoperta su delle bancherelle.                       

Chi avrebbe potuto allora pensare il libro di Bardèche come una sorta di premessa – e promessa – di guerra in cielo, tra chi di noi volle percorrere sentieri altri e distanti dalla stagnante rassegnazione, intrisa di nostalgia e rancore, del postfascismo e chi, ostinato e impotente, a vario titolo e diverso spessore, proteggeva quella esperienza di fuoco e acciaio ritenendola esclusivo patrimonio della storia europea. E ognuno di noi portandosi dietro il rischio di entrare in terreni mefitici e ostili o finire per difendere bandiere non sue... (ogni rivolta ovunque avvenisse si rese “romanticismo fascista” e con la tentazione di bruciare i simboli odiosi stelle e strisce – io appartengo, lo confesso, a questa categoria – mentre l’anticomunismo becero e stolido rese prigionieri coloro che si scelsero la cravatta intonata alla camicia).                                                           

Un clima da deserto circondava – ricordate l’aforisma di Nietzsche sul deserto che cresce e guai a colui che lo penetra in sé – il nostro mondo (come pesa definirlo tuttora “nostro”!). Ogni oasi rappresentava fonte, salvezza, il mettersi di nuovo in marcia, l’ombra e l’acqua. Così il libro di Bardèche, anche se – va riconosciuto e dato merito – le tappe della nostra “emancipazione” dalla destra borghese vile e asfittica furono più complesse ed articolate.

Un orizzonte una scelta – “la mia patria è là dove si combatte per le mie idee” – capaci di cogliere sì le differenze ma, altresì, lo scenario ove combattere il medesimo nemico. Un tipo umano un sentire uno stile... Dopo oltre mezzo secolo ricordarci la lettura di che cos’è il fascismo? È un atto di rispetto verso quelle lontane radici e di amore verso noi stessi. Senza rimorsi rimpianti rancori.                                                                                                                                          


Editoriale

 

Vincitori e vinti alle elezioni

di Adriano Tilgher

I dati ormai sono sul tavolo, i giornali di regime ci hanno raccontato chi ha vinto e chi ha perso, i principali interpreti si sono tutti manifestati, pure il nostro Pensiero Forte ha dato le pagelle ai contendenti, sembra una pratica da archiviare. Anche se… tutto può ancora succedere. L’aumento delle astensioni dal voto manifesta, come in tanti hanno commentato, disaffezione e malessere, ovvero l’aumento della distanza sempre più significativo tra la gente e le istituzioni. D’altra parte non poteva essere diversamente visto tutto quello che è accaduto in questi ultimi anni.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Abbiamo vinto il Festival

Lo scorso fine settimana si sono svolte elezioni politiche importantissime per il futuro del nostro paese, e perciò vi parlerò... di musica. 1992 nella kermesse della quarantaduesima edizione del Festival di Sanremo, partecipa il gruppo musicale "Statuto", fra i maggiori rappresentanti di un genere da sempre sottovalutato nel nostro paese, lo Ska. Stile musicale partito dalla Giamaica tra la fine degli anni 50 ed i primi anni 60, approdato dopo l'indipendenza della Giamaica nel 1962 nel regno unito. In quel paese lo Ska venne conosciuto anche con il termine bluebeat, perché molti dei primi singoli ska erano realizzati per l'etichetta discografica Blue Beat Records.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.