Jüngeriana [8]

L’identificazione tra milite ignoto e Operaio consiste nelle virtù che sono attive in sommo grado in entrambi: coraggio, preparazione, prontezza, spirito di sacrificio. Virtù caratterizzate dalla sostituibilità, nel fatto, cioè, che dietro ogni caduto è già pronto il cambio della guardia; unità di misura di questa virtù è l’impresa concreta, senza aggettivi, che comporta un tipo di fraternità col nemico che non avrà mai punti di contatto con il pensiero umanitario. Tutto questo non ha legami con il livellamento che è l’attuazione del livello più basso, ma è comunque una distruzione che avanza e rende più evidente la possibilità di una costruzione organica.

La tecnica infatti, per Jünger, non sarà distruttiva se l’uomo sarà in grado di rappresentare la forma dell’Operaio. Il che costituisce un’utile memoria per il presente: non siamo stati in grado di costruire la nuova forma organica e la tecnica ci sta distruggendo. La tecnica, infatti, aggredisce rapporti e vincoli che sono al di fuori della forma del lavoro; questo significa che la tecnica non è una forza neutrale, un serbatoio di forze cui tutti possono attingere a discrezione. Essa pervade piuttosto di nuova forma tutto ciò che investe e lo adatta a sé; solo quando individuo e comunità avranno assunto la forma del’Operaio, la tecnica sarà fruibile come strumento e cesserà di essere dominatrice. La tecnica che caratterizzerà questo nuovo potere non sarà una tecnica qualsiasi - ogni vita possiede una tecnica e l’acquisizione di una tecnica estranea è un atto di sottomissione – ma la tecnica delle macchine.

Ed ecco chiarito chi è l’Operaio: non colui che lavora in fabbrica, quanto piuttosto un tipo d’uomo particolarmente indurito e temprato la cui esistenza ha reso più chiara che mai l’impossibilità di vivere alla vecchia maniera. Questa nuova stirpe di uomini avrà come atteggiamento il realismo eroico che del lavoro - inteso come forza aggressiva e d’assalto – ha la stessa nozione che si può avere della posizione strenuamente difesa in battaglia, considerando del tutto secondario l’esito dell’azione. Il lavoro, nella visione metafisica della tecnica propria di Jünger, diventa un esercizio di bushidṑ. Il lavoro è una Gestalt, una Forma totalizzante, una Mobilitazione Totale e quindi non vi può essere nulla che gli si opponga: non l’ozio o lo svago che tendono ad assumere sempre più la forma del lavoro.

Il Fronte della guerra si identifica sempre più con il Fronte del lavoro, di modo che alla nuova costruzione organica non si appartiene con un atto di volontà individuale, ma con una effettiva compenetrazione. L’economia nel mondo moderno è innalzata a costruzione organica sottratta all’iniziativa dell’individuo concepito sia isolato sia aggregato en masse: e ciò sarà possibile solo quando liberalismo e socialismo si siano estinti.  


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 2

di Adriano Tilgher

Abbiamo definito, nell’articolo del 10 novembre, le modalità di risveglio e ripresa delle capacità intrinseche del nostro popolo, da me definite come patrimonio immateriale, la cui conservazione e trasmissione alle nuove generazioni è ancora possibile, nonostante sia sotto attacco da parte di potenze straniere che utilizzano traditori nostrani, frequentemente allocati anche in ruoli di governo. Questa definizione è fondamentale perché chiarisce le prime cose da realizzare immediatamente, ovvero salvaguardare e trasferire quell’enorme patrimonio impalpabile ma di straordinaria potenza, per riacquistare per l’Italia quel ruolo fondamentale che ci è stato assegnato dalla storia e dalla collocazione geografica.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

The Damiano Horror Picture Show

Novembre del 1974, due ragazzi Brad e Janet partecipano al matrimonio di amici, al termine del quale Brad chiede a Janet di sposarlo. Lei accetta e decidono di comunicare questa loro decisione al loro mentore, ed ex docente universitario, il Dr. Scott. I due partono in auto per recarsi all'abitazione dell'insegnante. Durante il tragitto però vengono colpiti da un forte temporale e si perdono nei boschi, per giunta bucheranno una gomma, proprio mentre all'autoradio ascoltano la voce di Nixon che annuncia le proprie dimissioni da presidente degli Stati Uniti. Abbandonata la vettura seguono le luci di un'abitazione lontana, luci che scopriranno appartenere ad un castello. Vengono accolti da due domestici il maggiordomo Riff Raff, e la domestica Magenta, e accompagnati nel salone principale dove è in corso una festa. Janet spaventata chiederà di andarsene, quando le musiche si interrompono per l'arrivo del padrone di casa il dottor Frank-N-Furter. Questo è l'incipit del Cult Movie "The Rocky Horror Picture Show", diretto da Jim Sharman e tratto dall'omonimo spettacolo teatrale di Richard O'Brien, che qui ricoprirà anche il ruolo di sceneggiatore e di interprete nel ruolo di Riff Raff. Nella classifica dei migliori "cult movies" della storia del cinema, stilata nel 2003 dalla rivista "Entertainment Weekly", "The Rocky Horror Picture Show", si piazza al primo posto. Nel 2005 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.