La strada da Montecatini

Parliamo di noi, per una volta. Di certo le giornate del Pensiero Forte di Montecatini hanno preparato una cavalcata che vogliamo lunga e vittoriosa. Abbiamo il diritto, per una volta e per un attimo, di fermarci e farci le congratulazioni. Il pensiero forte esiste, nel senso che una piccola avventura editoriale senza mezzi ha dimostrato di essere diventata adulta in un solo anno. A Montecatini abbiamo riunito intelligenze, personalità importanti, e, come dire, abbiamo esibito le credenziali.

 Da oggi comincia il difficile. C’è una frase di circostanza che pronunciamo al termine di qualcosa di bello, accomiatandoci da chi ha condiviso il cammino: non perdiamoci di vista. Lo diciamo sinceramente, ma sappiamo, in cuor nostro, che non è vero. Per i più vari motivi ci perdiamo di vista, perché la vita continua, perché abbiamo tanti impegni, perché, perché… No, non possiamo perderci di vista per una ragione semplice: gli ideali non sono mai impossibili. Diventano realtà se lo vogliamo davvero e anche la più lunga marcia, lo disse Mao Tze Tung, comincia con un piccolo passo. I passi di Montecatini non sono stati né pochi, né piccoli, ma la strada inizia adesso. Siamo ambiziosi, non ci possiamo fermare.

 Per la prima volta, abbiamo costruito davvero: una dottrina, un senso comune, un corpo di idee e di convinzioni. Abbiamo, innanzitutto, individuato il nemico da combattere, anzi da abbattere: la cupola finanziaria, economica e tecnologica globale interessata a esercitare un dominio sull’umanità modificandola in forma irreversibile attraverso processi di ingegneria sociale, culturale, antropologica tesi a fare della persona materiale umano. La nostra, quindi, è più di una battaglia politica, le convinzioni che abbiamo esposto sono l’embrione di un progetto radicalmente alternativo a quello dominante.

 Il vero successo sta nella constatazione che la diversità degli orientamenti, dei profili, delle competenze e dei percorsi personali di ciascuno si è costituita in una sintesi preziosa dalla quale ripartire più forti, giacché ciascuno ha indicato soluzioni, antidoti, idee. Finalmente non ci si è limitati a rimpiangere il passato o spiegare “ciò che non siamo, ciò che non vogliamo”, ma è stato abbozzato un percorso progettuale di ampio respiro. Fin qui gli elogi, lasciateci essere, per un giorno, fieri di noi stessi. Ma chi si loda si imbroda, specie se non si rende conto di non aver fatto altro che il primo passo. Abbiamo costruito le fondamenta, i plinti, e disegnato una mappa del territorio. Per questo, non perdiamoci di vista, ma sul serio, i buoni propositi non si sciolgano come neve al sole.

 Adesso bisogna costruire l’edificio. Comincia il difficile, poiché occorre unire, allargare, convincere, fare rete. Non può essere il compito di una piccola testata digitale, neanche se le forze fossero maggiori e i portafogli gonfi, anziché desolatamente vuoti, alimentati solo dalla generosità e dal cuore.

 Lancio una proposta, affidandola al cervello e alle gambe del Pensiero Forte. Abbiamo conquistato una posizione, costruito una piccola casamatta. Dobbiamo aprire le porte, trasformarci progressivamente in qualcosa di più: un comitato di ricostruzione nazionale, una costituente, un nucleo aperto “in progress” avanguardia di un progetto che muti la società. Un pensiero è forte non per ciò che afferma, ma per le sue ambizioni e la capacità di cambiare le cose, essere fermento di una rivoluzione, se la parola non desta paura, ma speranza. Oltre le screditate, inservibili categorie del passato, destra, sinistra, moderati, estremisti, noi sentiamo di rappresentare una necessità per il futuro della nostra Patria e dell’Europa.

 L’Italia ha bisogno di un pensiero forte, quindi noi siamo di estrema…necessità. Perché gli assopiti diventino dinamici, affinché la nostra gente ritrovi la voglia di uscire dalla gabbia in cui è rinchiusa, fare si trasformi in agire, essere giovani – per chi lo è e per chi lo era- significhi trovare obiettivi, entusiasmo, voglia di sfide, battaglie da vincere. Il nemico è in casa, lo vogliamo sfidare, guardare in faccia, cacciare.

 Dunque, la strada di Montecatini diventi un segnavia. Non perdiamoci, di vista, costruiamo altri strumenti, nuovi, all’altezza di tempi. La fantasia e l’intelligenza non ci mancano, e l’abbiamo dimostrato. Insieme con altri, ai quali sarà vietato chiedere da dove vengano, ma solo dove vogliono andare e se è possibile fare insieme la strada. Non sprechiamo Montecatini, altrimenti non avremo fatto altro che “passare le acque” fuori stagione.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 2

di Adriano Tilgher

Abbiamo definito, nell’articolo del 10 novembre, le modalità di risveglio e ripresa delle capacità intrinseche del nostro popolo, da me definite come patrimonio immateriale, la cui conservazione e trasmissione alle nuove generazioni è ancora possibile, nonostante sia sotto attacco da parte di potenze straniere che utilizzano traditori nostrani, frequentemente allocati anche in ruoli di governo. Questa definizione è fondamentale perché chiarisce le prime cose da realizzare immediatamente, ovvero salvaguardare e trasferire quell’enorme patrimonio impalpabile ma di straordinaria potenza, per riacquistare per l’Italia quel ruolo fondamentale che ci è stato assegnato dalla storia e dalla collocazione geografica.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

The Damiano Horror Picture Show

Novembre del 1974, due ragazzi Brad e Janet partecipano al matrimonio di amici, al termine del quale Brad chiede a Janet di sposarlo. Lei accetta e decidono di comunicare questa loro decisione al loro mentore, ed ex docente universitario, il Dr. Scott. I due partono in auto per recarsi all'abitazione dell'insegnante. Durante il tragitto però vengono colpiti da un forte temporale e si perdono nei boschi, per giunta bucheranno una gomma, proprio mentre all'autoradio ascoltano la voce di Nixon che annuncia le proprie dimissioni da presidente degli Stati Uniti. Abbandonata la vettura seguono le luci di un'abitazione lontana, luci che scopriranno appartenere ad un castello. Vengono accolti da due domestici il maggiordomo Riff Raff, e la domestica Magenta, e accompagnati nel salone principale dove è in corso una festa. Janet spaventata chiederà di andarsene, quando le musiche si interrompono per l'arrivo del padrone di casa il dottor Frank-N-Furter. Questo è l'incipit del Cult Movie "The Rocky Horror Picture Show", diretto da Jim Sharman e tratto dall'omonimo spettacolo teatrale di Richard O'Brien, che qui ricoprirà anche il ruolo di sceneggiatore e di interprete nel ruolo di Riff Raff. Nella classifica dei migliori "cult movies" della storia del cinema, stilata nel 2003 dalla rivista "Entertainment Weekly", "The Rocky Horror Picture Show", si piazza al primo posto. Nel 2005 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.