Lo stile della Patria

Nel cesto della ghigliottina c’era la testa bellissima dell’Italia, quell’8 settembre, stella cadente, torri sbriciolate dai barbari, dalla viltà bavosa degli Iago, quelli che Ardengo Soffici denunciava ad uno stanco Mussolini. Quel giorno del ’43 fu “la morte della Patria”, amara riflessione del giurista/ scrittore nuorese Salvatore Satta, quella partorita da Dante fino a Oberdan, Oriani, D’Annunzio, ec. Quella testa dai lunghi capelli corvini fu messa in un sacco e gettata via, restava il corpo mozzato sul quale bisognava avvitare un altro cranio, bianco o rosso, lì la contesa, neutro come parola, ad esempio Nazione, luogo dei natii, Paese con la p maiuscola, termine assai vicino ai compagni (pensate a Paese Sera), meglio Stato, un mostro tentacolare, grigio plutocrate del condominio italiano.  “La Patria non è un'opinione. O una bandiera e basta. La Patria è un vincolo fatto di molti vincoli che stanno nella nostra carne e nella nostra anima, nella nostra memoria genetica. È un legame che non si può estirpare come un pelo inopportuno.” scriveva Oriana Fallaci.

 La nostra generazione la chiamava reverente Madrepatria, lei era ovunque, nei libri foderati della scuola, nella toponomastica delle città, nei monumenti delle piazze, nei giardini, soprattutto nei discorsi, condimento alle minestre della sera. Non di rado a lei andava un dolce pensiero e una preghiera. Lo Stile dei figli, quella qualità alta, inconfondibile, genetica nasceva dalla testa della Patria, scrigno secolare di valori, virtù perché no anche vizi, sedimentati da infinite azioni, pensieri, comunicazioni, “cose”, in un paesaggio, quello italiano, giardino del mondo, allargando i confini danteschi, un diamante prezioso che rifletteva la nostra Storia colmandoci d’orgoglio.

 Una porzione dello stile individuale (dicono il 50%) dipende dai genietti familiari, quelle unità ereditarie che ci fanno uomini, donne, non pappagalli, in più fanno discutere su “a chi assomiglia?”, ma la ricerca genetica, secondo uno studio pubblicato su Science nel 2018, afferma l’esistenza di una cultura trasmessa dall’ambiente, in primis la famiglia, che non è patrimonio ereditario del DNA. Vuol dire che l’altro 50% del nostro stile ci viene dalla patria tellus, quell’ambito culturale, religioso, politico, artistico, capace di darci il lorenziano imprinting che ci fa essere questo, non quello.

Nel sacco vuoto dello Stato, frugando, troviamo solo bilanci e balzelli, lo percepiamo come un Minotauro al quale sacrificare tempo e denaro finché non ci salti alla mente di svignarcela alla Tolstoj per il timore di lasciarci le penne pur di far quadrare i conti imposti dall’UE.

 I nostri nonni mai sparlavano dell’Italia, drizzavano la schiena al sentire il suo nome, ciascuno in famiglia aveva dato vite per quell’idea forte, era l’antica tradizione della pietas romana invocata anche da S. Tommaso nei confronti della Patria, invece, col tempo, l’anti italianità è divenuto il gene malato dei discorsi, simile al comportamento, dicono, dei libanesi.

 “E’ bene avere ideali impossibili” scriveva la poetessa anacoreta Cristina Campo, una sfida titanica per una comunità che non s’ arrende, come la nostra, dinanzi a noi l’oceano alla ricerca di una nuova o meglio cara vecchia terra, l’Itaca abbandonata, gettando a mare gli abiti lisi con impossibili rattoppi.

Nella stiva i marinai troveranno una lingua, quella del sì sciacquata in Arno, la più bella del mondo, non fatta per soddisfare necessità quotidiane, punto e basta, non lingua di mercanti e pirati, ma scrigno di poesia nei suoni come nei significati. Troveranno l’arte millenaria di un popolo, non quella dell’io borioso in attesa del fulmine dell’immaginazione. “La concezione individualista dell’arte per l’arte è superata. Deriva di qui una profonda incompatibilità tra i fini che l’arte […] si propone e tutte quelle forme d’arte che nascono dall’arbitrio […]di un cenacolo, di un’accademia” scriveva Sironi nel ’33 guardando ai grandi cicli murali di Giotto e del Quattrocento. Architettura, scultura, pittura, arti minori, in un unico organismo narrante per chi vi legga i valori di un popolo.

 Troveranno, quei marinai, l’epica italiana, quel Risorgimento che fu rivoluzione lunga nel panorama della restauratio europea, come osservava B. Croce. Dai moti del 1830-31 al ’48, le cinque giornate di Milano, Curtatone e Montanara, Goito, Roma, Venezia, le guerre d’Indipendenza fino alla Reggenza del Carnaro per non andare oltre. Scopriremmo che nel ’42 l’ultima carica di cavalleria fu italiana, nella Campagna italiana in Russia, s’ era a Isbuscenskij sul fronte orientale e fu vittoria. Sulla collina del Doss a Trento s’erge il mausoleo a Cesare Battisti, patriota irredentista impiccato per aver scelto l’Italia come Patria; schiaffo dei tempi ora, un Cesare Battisti, terrorista latitante, pluriomicida scende all’aeroporto di Ciampino per imboccare Rebibbia. Prendiamo il positivo di questo assurdo della storia, qualcosa sta cambiando ma non è ancora lo stile della la Patria.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.