Corinaldo: una grande tragedia, una società da cambiare

Sproloqui, paroloni, lacrime, dolore all’immane tragedia di Corinaldo. Poi guardi la foto di quegli adolescenti morti e diventi triste e una rabbia cieca e sorda ti assale.

Possibile che dei quasi bambini debbano morire in quel modo?  È concepibile che dei genitori abbiano potuto accompagnare o addirittura mandare soli dei minorenni in quella bolgia infernale per sentire un tizio autolesionista che canta canzoni stupide piene di oscenità e votate al male?

Non sanno i genitori italiani che il loro primo compito è educare i figli, seguirli, impedirgli scelte sbagliate almeno finché hanno la possibilità di poterlo fare?

Ma ormai viviamo in una società sbagliata, dove in un malinteso senso della libertà tutto diventa lecito, tutto diventa permesso. È vietato vietare. L’autorità deve essere abolita. Tutti devono poter fare tutto a prescindere dall’età, dal sesso, dalla razza, dalla religione, dalle scelte di vita.

Nessuno deve pagare in termini di responsabilità, basta che paghi in termini monetari.

È la società iperliberista che viene idolatrata, è la società che finisce con la fine dell’uomo.

L’Italia poi è la perfetta esecutrice dei dettati della subcultura imperante.

Questi ragazzi, i bambini di oggi, che saranno ragazzi domani e adolescenti dopodomani, chi li aiuta? Chi li educa? Chi gli insegna i valori fondamentali della vita? Chi gli fornisce gli strumenti per difendersi dalle varie difficoltà che la vita prepara loro?

Saranno pronti per rinunciare alle piccole cose per poi rinunciare alle grandi?

Dietro le porte delle nostre case (ed in alcune ci sono anche dentro) c’è la droga, c’è l’alcool, c’è lo sballo da discoteca, c’è il lavoro che manca, c’è la fame, ci sono i bambini affamati ed incattiviti del terzo mondo, ci sono i figli motivati dell’ISIS, ci sono infinite brutture con cui questi nostri figli dovranno confrontarsi, ma con quali strumenti? Chi glieli fornirà?

La famiglia è in decomposizione e quel poco che rimane è per lo più massacrata dai messaggi devianti del buonismo propagati dai media pubblici e privati. Il maschio è in fuga e non sa più assumersi le responsabilità che dovrebbe avere il papà, la femmina è in carriera ed in competizione con il maschio e non è capace di assolvere il ruolo di mamma. Manca la cooperazione e soprattutto la volontà di far sentire ai figli l’autorità di chi gli vuole bene ed agisce per il loro bene, indispensabile per l’educazione e la formazione. Insegnare ad obbedire per domani poter comandare.

La scuola è distrutta per cui non forma, non informa, non educa. Manca la sinergia tra insegnanti e famiglie fondamentale perché i giovani sentano il peso dell’autorità della cultura. Un’autorità preziosa che va coltivata perché può insegnare il senso della responsabilità e fa capire che non si è soli.

Ma il grande assente è lo stato ovvero quel meccanismo organizzativo che presiede al benessere dei membri della comunità nazionale, che tutela gli organismi sociali di base, come la famiglia e la scuola, e ne controlla il funzionamento per una crescita costruttiva della comunità.

Tutto questo si è perso e il caso di Corinaldo, insieme a quelli di Desiree Mariottini e di Pamela Mastropietro, è la punta di iceberg di una realtà drammatica cui bisogna porre rimedio: i nostri adolescenti sono abbandonati a se stessi.

Bisogna correre ai ripari, e ci vorranno anni, per ricostruire l’etica nello stato, per ristrutturare la scuola e il senso del dovere, per rigenerare la famiglia eliminando tutti gli elementi disgregatori anche con la forza della legge, se necessario.

Ma si può fare, basta capire che papà, mamma e insegnanti non sono fratelli maggiori ma hanno ruoli ben definiti, precisi e fondamentali.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 2

di Adriano Tilgher

Abbiamo definito, nell’articolo del 10 novembre, le modalità di risveglio e ripresa delle capacità intrinseche del nostro popolo, da me definite come patrimonio immateriale, la cui conservazione e trasmissione alle nuove generazioni è ancora possibile, nonostante sia sotto attacco da parte di potenze straniere che utilizzano traditori nostrani, frequentemente allocati anche in ruoli di governo. Questa definizione è fondamentale perché chiarisce le prime cose da realizzare immediatamente, ovvero salvaguardare e trasferire quell’enorme patrimonio impalpabile ma di straordinaria potenza, per riacquistare per l’Italia quel ruolo fondamentale che ci è stato assegnato dalla storia e dalla collocazione geografica.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

The Damiano Horror Picture Show

Novembre del 1974, due ragazzi Brad e Janet partecipano al matrimonio di amici, al termine del quale Brad chiede a Janet di sposarlo. Lei accetta e decidono di comunicare questa loro decisione al loro mentore, ed ex docente universitario, il Dr. Scott. I due partono in auto per recarsi all'abitazione dell'insegnante. Durante il tragitto però vengono colpiti da un forte temporale e si perdono nei boschi, per giunta bucheranno una gomma, proprio mentre all'autoradio ascoltano la voce di Nixon che annuncia le proprie dimissioni da presidente degli Stati Uniti. Abbandonata la vettura seguono le luci di un'abitazione lontana, luci che scopriranno appartenere ad un castello. Vengono accolti da due domestici il maggiordomo Riff Raff, e la domestica Magenta, e accompagnati nel salone principale dove è in corso una festa. Janet spaventata chiederà di andarsene, quando le musiche si interrompono per l'arrivo del padrone di casa il dottor Frank-N-Furter. Questo è l'incipit del Cult Movie "The Rocky Horror Picture Show", diretto da Jim Sharman e tratto dall'omonimo spettacolo teatrale di Richard O'Brien, che qui ricoprirà anche il ruolo di sceneggiatore e di interprete nel ruolo di Riff Raff. Nella classifica dei migliori "cult movies" della storia del cinema, stilata nel 2003 dalla rivista "Entertainment Weekly", "The Rocky Horror Picture Show", si piazza al primo posto. Nel 2005 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.