Il Pensiero Forte, un anno dopo

Sembrava un’impresa impossibile: senza soldi, senza strutture, con una situazione politica in disfacimento. Eppure il 24 novembre di un anno fa siamo usciti per la prima volta ed oggi festeggiamo il primo anno di vita.

Siamo usciti regolarmente tutti i giovedì, feste o non feste, Natale o Ferragosto, con articoli inseriti nella realtà odierna con la presunzione di poter aiutare a dare percorsi ragionati per uscire dal tunnel in cui governi imbelli, incapaci e farciti di traditori ci hanno infilati.

Di questo dobbiamo ringraziare due persone, due giovani che si sono buttati anima e corpo nella soluzione pratica dei numerosi problemi tecnici ed organizzativi, sacrificando gratuitamente in funzione dei nostri obiettivi prefissati buona parte del loro tempo, quasi tutti i giorni, tutte le settimane: Lorenzo Pacini e Andrea Brizzi.

Senza dimenticare l’enorme contributo che hanno dato sul piano delle idee e degli articoli.

Altro motivo di orgoglio della nostra fatica è l’aver messo insieme, oltre ai due di cui sopra, un bel numero di giovani collaboratori provenienti dalle più disparate origini culturali e politiche, ma tutti approdati ai lidi de Il Pensiero Forte, creando nel dibattito interno, sempre necessario, una coesione politica ed umana difficile da trovare in questi tempi di assoluta mancanza di riferimenti.

Parlo di Federica Florio, Lorenzo Centini, Giulia Bovassi, Lorenzo Nucci, cui non possiamo non aggiungere le colonne portanti di questo nostro sforzo: il prof. Sideri, il prof. Casalena, il prolifico ma puntuale osservatore della realtà, Roberto Pecchioli, la sottile satira di Braccini con la Spina nel Fianco, il grande disvelamento di sentimenti e cronache del Bastian Contrario, scritto dall’ineguagliabile penna del  prof. Mario, e insieme a loro l’esperto del mondo del lavoro Nemo, Capone, Savini, Critur, il prof Pezzuto, la prof. Morrone e tanti, tanti altri.

È grazie a questo nutrito gruppo di professionisti, giovani e non più giovani, che possiamo esultare per i successi conseguiti. Ma non possiamo e non dobbiamo fermarci; i tempi sono particolarmente ricettivi, se è vero, come è vero, che il 70% degli italiani hanno detto no al sistema politico apparecchiato dall’alta finanza. È un’occasione da non perdere.

Nel numero 0 di questa pubblicazione scrivemmo che dovevamo “rigenerare il nostro popolo”; Il percorso è iniziato, non va interrotto, anzi va intensificato.

Per questo dobbiamo aggregare altri collaboratori, estendere il numero, già cospicuo, dei lettori, programmare nei prossimi mesi una due giorni di festa per conoscerci meglio e discutere di obiettivi e mete.

Ad majora!!!


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Memoria corta e vaccini

di Adriano Tilgher

Ovviamente parliamo dei vaccini anti-covid; dei vaccini particolari, non studiati, che vengono sperimentati sul campo da popolazioni ignare, convinte da un eccessivo sistema di comunicazione e condizionamento, che viola le principali norme dei più comuni piani antipandemici: ovvero la non quotidiana informazione sull’andamento dell’epidemia. Norme dettate proprio dalla necessità di evitare la diffusione del panico per consentire un più tranquillo approccio alla soluzione del problema.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Alter

Alter (originalmente Alterlinus) è stata una rivista mensile di fumetti, venne edita dalla Milano Libri, dal gennaio 1974 al dicembre 1986 per 142 numeri. Sulle sue pagine sono comparse alcune tra le più grandi firme del fumetto mondiale, il Moby Dick di Dino Battaglia, Valentina di Crepax, opere di Alberto Breccia, Moebius, Buzzelli, Toppi, Altan, Pazienza, e molti altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.