La sfida

Se non erro, trovasi ne “L’autunno del Medioevo” (l’autore è lo storico olandese Johan Huizinga), edito nel 1919, le vicende della Casa di Borgogna tra il Trecento e il secolo XIV fino alla sua dissoluzione a favore del Regno di Francia di Luigi XI. Ultimo Signore il Duca Carlo I, noto con l’appellativo de il Temerario, morto in battaglia il 5 gennaio del 1477, durante l’assedio di Nancy, ad opera delle milizie elvetiche. Il suo corpo fu ritrovato dopo tre giorni nei pressi di uno stagno, semi divorato dai lupi e il cavallo caduto anch’esso al suo fianco. Sotto le mura della città, già battuto ripetutamente, conobbe l’isolamento e l’abbandono di tanti dei suoi. Fu il Signore di Chimai a dargli notizia delle defezioni dei tradimenti del numero ormai esiguo dei suoi fedeli. Carlo lo ascoltò in armi, disteso sul letto. Un solo breve sprezzante orgoglioso commento: ‘Andatevene tutti! Se bisogna, combatterò io solo...’.                                                               

Una sfida, quale atto di dignità. M’è venuto a mente, forse in modo arbitrario, nel riprendere e sfogliare “La memoria bruciata”, ultime pagine. Autore Mario Castellacci, che fu allievo ufficiale della GNR alla scuola d’Orvieto e dove scrisse il testo di quella canzone strafottente, nota dal suo primo verso “Le donne non ci vogliono più bene”. Giorgio Bocca la definì la più bella canzone della guerra civile. (Lo invitai a scuola a raccontare della adesione ed esperienza nella RSI e, da uomo di spettacolo, seppe conquistarsi la simpatia dei miei alunni).                                                                                    

Siamo a Milano, il 25 aprile del ’45. Sgràub, l’autore stesso, cerca una via di fuga, un salvacondotto, in una città ove si uccide ad ogni angolo di strada. Smarrito timoroso d’essere riconosciuto un fascio di nervi tesi. Un giovanissimo partigiano, armato di mitra, lo ferma lo indica alle donne affacciate a finestre e balconi urla invettive pugni mentre, maldestro, egli nega per sfuggire alla cattura. Poi, appunto, la sfida.                  

Scrive e sembra emergere vivida la scena: “A Sgràub sembrò di colpo che tutta quella situazione fosse sporca e meschina. Insopportabile. Era improrogabilmente l’ora di farla finita. Prese fiato, alzò il viso a guardare in alto la schiera delle donne vocianti, fissò negli occhi verdastri il ragazzotto e poi disse – Sono un ufficiale della Guardia Nazionale Repubblicana!’...

Altra razza, un tempo eroico. Quell’essere per un Sì o per un No, ammonisce il padre di Zarathustra. Parole tanto simili a fendenti, ma oggi, osservava sconsolato Drieu la Rochelle, gli uomini non possiedono più la spada.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 2

di Adriano Tilgher

Abbiamo definito, nell’articolo del 10 novembre, le modalità di risveglio e ripresa delle capacità intrinseche del nostro popolo, da me definite come patrimonio immateriale, la cui conservazione e trasmissione alle nuove generazioni è ancora possibile, nonostante sia sotto attacco da parte di potenze straniere che utilizzano traditori nostrani, frequentemente allocati anche in ruoli di governo. Questa definizione è fondamentale perché chiarisce le prime cose da realizzare immediatamente, ovvero salvaguardare e trasferire quell’enorme patrimonio impalpabile ma di straordinaria potenza, per riacquistare per l’Italia quel ruolo fondamentale che ci è stato assegnato dalla storia e dalla collocazione geografica.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

The Damiano Horror Picture Show

Novembre del 1974, due ragazzi Brad e Janet partecipano al matrimonio di amici, al termine del quale Brad chiede a Janet di sposarlo. Lei accetta e decidono di comunicare questa loro decisione al loro mentore, ed ex docente universitario, il Dr. Scott. I due partono in auto per recarsi all'abitazione dell'insegnante. Durante il tragitto però vengono colpiti da un forte temporale e si perdono nei boschi, per giunta bucheranno una gomma, proprio mentre all'autoradio ascoltano la voce di Nixon che annuncia le proprie dimissioni da presidente degli Stati Uniti. Abbandonata la vettura seguono le luci di un'abitazione lontana, luci che scopriranno appartenere ad un castello. Vengono accolti da due domestici il maggiordomo Riff Raff, e la domestica Magenta, e accompagnati nel salone principale dove è in corso una festa. Janet spaventata chiederà di andarsene, quando le musiche si interrompono per l'arrivo del padrone di casa il dottor Frank-N-Furter. Questo è l'incipit del Cult Movie "The Rocky Horror Picture Show", diretto da Jim Sharman e tratto dall'omonimo spettacolo teatrale di Richard O'Brien, che qui ricoprirà anche il ruolo di sceneggiatore e di interprete nel ruolo di Riff Raff. Nella classifica dei migliori "cult movies" della storia del cinema, stilata nel 2003 dalla rivista "Entertainment Weekly", "The Rocky Horror Picture Show", si piazza al primo posto. Nel 2005 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.