Le tentazioni dell'Arcangelo [5]

Ancora nel 1957, scrivendo a un amico rimasto in Romania, Cioran ricordava il tempo in cui le superstizioni della democrazia ripugnavano a entrambi e ribadiva la sua condanna del parlamentarismo, definito «vergogna della specie, simbolo di un’umanità esangue, senza passioni né convinzioni, inadatta all’Assoluto, priva d’avvenire, limitata sotto ogni aspetto». Per quanto riguarda Cioran, quindi, se pure non possiamo parlare di adesione alla Legione, anche per la diversità di vedute su molti punti - su tutte il fatto che la Legione voleva conservare alla Romania il suo carattere fondamentalmente contadino mentre egli si schierava a favore dell’industrialismo considerando il mondo contadino una disgrazia per il suo Paese - pure egli è a pieno titolo uno dei tanti intellettuali che ne fiancheggiarono e ne sostennero l’azione.

Tra questi vi è Costantin Noica, uno dei più importanti filosofi romeni, studioso di Kant e di Cartesio. Nel 1938 si recò a Parigi con una borsa di studio del governo francese per approfondire i suoi studi sul filosofo di Könisberg; appresa in Francia la notizia della morte di Codreanu, inviò in Romania un telegramma in cui dichiarava di aderire al movimento legionario, in segno di protesta contro le persecuzioni e gli assassinii. Prima di questa formale adesione, le posizioni di Noica erano vicine a quella destra spirituale che, come ebbe a dichiarare lui stesso, esprimeva la collettività romena e rispetto a quelli che definiva gli amici ebrei dichiarava: «quello che ci dispiace è che non è loro concesso di vedere e capire tutto quello che c’è di buono e di onesto nel legionarismo. Ci dispiace che soffrano per non partecipare in nessun modo, senza neanche la speranza, senza neanche l’illusione, al domani della Romania».

Tornato in patria, Noica conseguì il dottorato di ricerca con una tesi intitolata Schitza pentru istoria lui cum e cu putintza ceva nou? (Abbozzo per la storia del ‘come è possibile qualcosa di nuovo?’) in cui esprimeva la sua fiducia in un destino diverso per la Romania, rispetto alla sudditanza politica ed economica nei confronti delle potenze occidentali. Noica assumeva posizioni di impegno e responsabilità all’interno del movimento legionario; l’8 settembre 1940, tre giorni dopo la cacciata di re Carol II  riprendevano le pubblicazioni del settimanale legionario «Buna Vestire», di cui Noica divenne redattore capo.

Nominato referente per la filosofia all’Istituto Romeno di Berlino, Noica partì per la Germania e vi rimase fino al giugno 1941, quando anche la Romania entrava nella Seconda guerra mondiale. Durante il soggiorno tedesco, Noica entra in contatto con Heidegger e Hartmann e gli viene proposto di scrivere una storia della filosofia romena per una casa editrice tedesca; suggerisce la stesura di una storia della vita spirituale romena per far comprendere l’anima romena al pubblico dell’Europa occidentale.

L’opera non vedrà mai la luce, ma solo una sorta di impostazione generale nel volume Pagini despre sufletul rominesc (Pagine sullo spirito romeno).


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 2

di Adriano Tilgher

Abbiamo definito, nell’articolo del 10 novembre, le modalità di risveglio e ripresa delle capacità intrinseche del nostro popolo, da me definite come patrimonio immateriale, la cui conservazione e trasmissione alle nuove generazioni è ancora possibile, nonostante sia sotto attacco da parte di potenze straniere che utilizzano traditori nostrani, frequentemente allocati anche in ruoli di governo. Questa definizione è fondamentale perché chiarisce le prime cose da realizzare immediatamente, ovvero salvaguardare e trasferire quell’enorme patrimonio impalpabile ma di straordinaria potenza, per riacquistare per l’Italia quel ruolo fondamentale che ci è stato assegnato dalla storia e dalla collocazione geografica.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

The Damiano Horror Picture Show

Novembre del 1974, due ragazzi Brad e Janet partecipano al matrimonio di amici, al termine del quale Brad chiede a Janet di sposarlo. Lei accetta e decidono di comunicare questa loro decisione al loro mentore, ed ex docente universitario, il Dr. Scott. I due partono in auto per recarsi all'abitazione dell'insegnante. Durante il tragitto però vengono colpiti da un forte temporale e si perdono nei boschi, per giunta bucheranno una gomma, proprio mentre all'autoradio ascoltano la voce di Nixon che annuncia le proprie dimissioni da presidente degli Stati Uniti. Abbandonata la vettura seguono le luci di un'abitazione lontana, luci che scopriranno appartenere ad un castello. Vengono accolti da due domestici il maggiordomo Riff Raff, e la domestica Magenta, e accompagnati nel salone principale dove è in corso una festa. Janet spaventata chiederà di andarsene, quando le musiche si interrompono per l'arrivo del padrone di casa il dottor Frank-N-Furter. Questo è l'incipit del Cult Movie "The Rocky Horror Picture Show", diretto da Jim Sharman e tratto dall'omonimo spettacolo teatrale di Richard O'Brien, che qui ricoprirà anche il ruolo di sceneggiatore e di interprete nel ruolo di Riff Raff. Nella classifica dei migliori "cult movies" della storia del cinema, stilata nel 2003 dalla rivista "Entertainment Weekly", "The Rocky Horror Picture Show", si piazza al primo posto. Nel 2005 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.