Guerra rivoluzionaria

Guerra rivoluzionaria. Nel celeberrimo Libretto Rosso, di cui devo conservarne copia in qualche scatolone ormai prigioniero della polvere, il presidente Mao invita a non tenere conto della strategia del nemico ma studiarne la tattica. Agire sul reale in una visione onnivora dell’uomo e del mondo. Guerra totalitaria del Bene contro il Male, della Ragione fino ad instaurare il regno della felicità. Senza respiro alcuno, senza il momento di una sosta. Così la pensava l’avvocato di Arras, M. Robespierre, definito ‘il gesuita della rivoluzione’, dal suo lettuccio monacale e parco nel mangiare. E il Che, prima di inforestarsi nella selva boliviana, come fosse simile alla bicicletta che, se si ferma, cade. Certezze vane speranze in illusioni e tragedia l’epilogo. La testa a rotolare nel cesto dopo che i termidoriani gli avevano con uno straccio avvolta la mascella andata in frantumi; la morte di Guevara avvolta ancora in dubbi e mistero, se ucciso dai rangers del capitano Videla o con la gola squarciata dal machete di un giovane contadino; scoprire anni dopo che ‘la rivoluzione culturale’ era il piatto ove spolparsi il cadavere del Grande Timoniere...       

 Scrive Jean Lartéguy, anno 1966,  ne ‘l’odissea dei soldati perduti da Dien Bien Fu ai monti d’Algeria’, riedito pochi anni fa con il suo titolo originario I Centurioni, come ‘i vincitori odorano sempre di buono, i vinti di sudore e merda’ (con incerta memoria). Sorvolo sul bel film di Gillo Pontecorvo La battaglia d’Algeri – la scena dei parà che sfilano in città con in testa il colonnello Mathieu da brivido e applauso, mentre fischi e insulti partono dalle zecche (memorabile episodio di goliardia squadrista, cinema Rialto). Ricordo quelli del regista francese Pierre Schoendoeffer, in Italia poco noto e inviso, scomparso nel 2012. Ad esempio 317° section, in bianco e nero, non solo di una pattuglia nella jungla dell’Indocina in lotta con i viet-minh che li inseguono per annientarla, ma film di formazione – il giovane ufficiale, fresco d’Accademia, che a contatto con la ferocia di uomini e ambiente scopre la guerra rivoluzionaria e a essa adegua comportamenti e la stessa sua morte.                                                                       

 Storie lontane, preda del dimenticatoio. Rovinio di uomini idee mondi interi. Eppure noi preferiamo ancora il sudore del lavoro lo sperma del sesso appagato emanati dal corpo a premio della merda e del fango del combattente ovunque e comunque egli si trovi. Sono le uniche cronache dal mondo che ascoltiamo. Noi soli, noi pochi, felici noi...

                 


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 2

di Adriano Tilgher

Abbiamo definito, nell’articolo del 10 novembre, le modalità di risveglio e ripresa delle capacità intrinseche del nostro popolo, da me definite come patrimonio immateriale, la cui conservazione e trasmissione alle nuove generazioni è ancora possibile, nonostante sia sotto attacco da parte di potenze straniere che utilizzano traditori nostrani, frequentemente allocati anche in ruoli di governo. Questa definizione è fondamentale perché chiarisce le prime cose da realizzare immediatamente, ovvero salvaguardare e trasferire quell’enorme patrimonio impalpabile ma di straordinaria potenza, per riacquistare per l’Italia quel ruolo fondamentale che ci è stato assegnato dalla storia e dalla collocazione geografica.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

The Damiano Horror Picture Show

Novembre del 1974, due ragazzi Brad e Janet partecipano al matrimonio di amici, al termine del quale Brad chiede a Janet di sposarlo. Lei accetta e decidono di comunicare questa loro decisione al loro mentore, ed ex docente universitario, il Dr. Scott. I due partono in auto per recarsi all'abitazione dell'insegnante. Durante il tragitto però vengono colpiti da un forte temporale e si perdono nei boschi, per giunta bucheranno una gomma, proprio mentre all'autoradio ascoltano la voce di Nixon che annuncia le proprie dimissioni da presidente degli Stati Uniti. Abbandonata la vettura seguono le luci di un'abitazione lontana, luci che scopriranno appartenere ad un castello. Vengono accolti da due domestici il maggiordomo Riff Raff, e la domestica Magenta, e accompagnati nel salone principale dove è in corso una festa. Janet spaventata chiederà di andarsene, quando le musiche si interrompono per l'arrivo del padrone di casa il dottor Frank-N-Furter. Questo è l'incipit del Cult Movie "The Rocky Horror Picture Show", diretto da Jim Sharman e tratto dall'omonimo spettacolo teatrale di Richard O'Brien, che qui ricoprirà anche il ruolo di sceneggiatore e di interprete nel ruolo di Riff Raff. Nella classifica dei migliori "cult movies" della storia del cinema, stilata nel 2003 dalla rivista "Entertainment Weekly", "The Rocky Horror Picture Show", si piazza al primo posto. Nel 2005 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.