Le tentazioni dell'Arcangelo

A proposito della disonesta affermazione di Norberto Bobbio del fascismo come incultura, ormai molti sono gli studi che si sono dedicati a smentirla per quanto riguarda l’Italia; talmente numerosi che oramai la convinzione di una cultura politica e non solo scientifica che il fascismo sviluppò, incentivò e anche usò, è discesa dai piani alti dell’accademia a quelli della communis opinio.

Meno nota, a tale livello, è la cultura degli altri fascismi, ad esempio di quello romeno della Legione dell’Arcangelo di Corneliu Zelea Codreanu, il Capitano, quando, come in Italia, anche in Romania numerosi sono stati gli scrittori e gli intellettuali che hanno simpatizzato, quando non militato nel movimento fascista. Con una suggestione in più, se vogliamo. Infatti, mentre in Italia il fascismo rappresentò comunque il potere e sollecitò in molti un’adesione cortigiana che in Italia ha una lunga e ingloriosa tradizione, potendo elargire cattedre, favorire pubblicazioni, concedere collaborazioni a giornali o, più semplicemente, elargire denaro (si leggano i nomi di chi chiese sovvenzioni al Ministero della Cultura Popolare o direttamente al Duce, per gustare inaspettate sorprese); in Romania, invece, il movimento legionario, che pure politicamente non si caratterizzò mai in modo rivoluzionario, fu costretto a una sostanziale situazione di semiclandestinità, quando non venne direttamente perseguitato.

Se, nel caso dell’Italia e della Germania naturalmente, ci si poté, poi, giustificare nascondendosi dietro l’opportunismo o la coercizione, non altrettanto si poté dire per l’adesione a un movimento come quello romeno che, come ha scritto Nolte, è più una setta religiosa che un movimento politico. Codreanu era infatti convinto che per rappresentare la coscienza nazionale, la Legione dovesse avere il consenso elettorale e quindi il movimento doveva agire come partito.

Alla base dell’adesione dei più importanti nomi dell’intellettualità romena al fascismo è il romenismo, punto di riferimento della Legione nel suo sforzo di creare più un uomo nuovo che un partito nuovo. Codreanu era convinto, infatti, che nessun programma politico, per quanto innovativo potesse essere, poteva raggiungere risultati se propagandato e poi gestito da uomini “vecchi”. Anche in questo riecheggiano le parole dei primi santi della Chiesa: san Paolo e il dualismo tra l’uomo della carne e l’uomo dello spirito e sant’Agostino che definiva tale contrasto proprio nei termini dell’uomo nuovo e dell’uomo vecchio, in riferimento non a cambiamenti politici o storici, quanto a una palingenesi spirituale.

Occorreva creare il Legionario prima dello Stato, un uomo disinteressato, puro, capace di vivere una vita di rinunce e sacrifici: è noto, al proposito, come l’adesione alla Legione comportasse il cosiddetto digiuno nero il mercoledì e il venerdì con astinenza da cibo e acqua dall’alba al tramonto, a cui il Capitano aggiungeva per se stesso il martedì. O anche la pratica della violenza come risposta ad attacchi violenti, ma con l’obbligo di costituirsi per scontare la pena, anche la morte se necessaria a riscattare l’essere venuti meno al precetto cristiano del perdono.


Editoriale

 

Il ruolo dell'Italia - 4

di Adriano Tilgher

Patrimonio culturale immateriale, patrimonio culturale materiale, faro di cultura e di civiltà, posizione geopolitica e strategica fondamentale per l’equilibrio nel Mediterraneo in una nuova identità che nasca dal superamento di tutte le contraddizioni interne sono il presupposto per definire il ruolo finale dell’Italia. Non si tratta di egemonia mondiale di cui stiamo parlando perché questa sul piano culturale ci appartiene di diritto e ci è riconosciuta da tutti ed è la ragione principale per cui l’Italia è sotto attacco soprattutto nel campo della formazione. Non si tratta nemmeno di becero imperialismo imperniato sulla forza delle armi sotto l’egida e il ricatto della grande industria militare, stiamo parlando di qualcosa di molto più concreto, legato ai valori profondi dell’essere umano e delle comunità che riesce a costruire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Più buio che a mezzanotte non viene

22 giugno 1946 entra in vigore il: “Decreto presidenziale di amnistia e indulto per reati (..), politici e militari”, avvenuti durante il periodo dell'"occupazione nazifascista". Legge proposta e varata da Palmiro Togliatti, segretario del PCI, e allora ministro di Grazia e Giustizia del primo governo De Gasperi. L'amnistia, che prenderà il nome dal suo promulgatore, aveva come scopo primario, quello di giungere quanto prima a una pacificazione nazionale, per evitare che l'"epurazione", degli ex fascisti rallentasse la ricostruzione materiale del paese. Con l'amnistia vennero scarcerati migliaia di detenuti che furono reinseriti senza troppo clamore nella cosiddetta "Società Civile". Stranamente (o forse no) alcuni degli ex prigionieri, arriveranno perfino a iscriversi al Partito Comunista, chi per convenienza, chi per continuare l’ideale battaglia de: "Il sangue contro l'oro",  in quanto (almeno a parole) vedevano nel PCI un argine ad una visione liberista del mondo, identificando più che nell'unione Sovietica il nemico in quegli Stati Uniti artefici di massacri e distruzione delle nostre città.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.