Sul piano politico

Dopo aver definito la dottrina di riferimento diventa indispensabile chiarire qual è la situazione sul piano politico e le scelte da fare per conseguire gli obiettivi che ci siamo posti.

 L’analisi delle forze in campo ci fa capire in modo chiaro qual è la prospettiva. Il Partito Democratico e Forza Italia, con i loro alleati sono tutti espressione di un’unica centrale di potere e di un’unica dottrina tendente ad uniformare i cittadini in sudditi, a svendere la sovranità nazionale (l’euro, che ci ha resi tutti più poveri, ne è la prova più evidente) ed a globalizzare le coscienze in un unico grande mercato. Il centrodestra ed il centrosinistra hanno costituito due blocchi fintamente contrapposti per ottenere due risultati: 1) la vittoria dell’uno o dell’altro blocco non avrebbe né cambiato, né modificato nulla; 2) questa staticità e immutabilità della situazione e del quadro politico ha portato delusione e riflusso nel privato, come l’alta astensione elettorale dimostra. Oggi queste due aree politiche, già consociate da tempo nei latrocini, nella corruzione e nella truffa ai danni del popolo italiano, hanno tolto la maschera e si muovono pubblicamente insieme. Rappresentano il partito unico del liberismo, la dottrina economica assurta al ruolo di ideologia antiumana.

 Da tutta questa situazione sta emergendo una nuova realtà politica che sta catturando una parte di elettorato che stava rifluendo nel privato: stiamo parlando della Lega, del Movimento 5 Stelle e, in parte, dei Fratelli d’Italia. Tre parti politiche che si contendono il forte malcontento che le sciagurate politiche liberiste hanno scatenato anche in Italia.

 Questo malessere, generato dalla crisi economica indotta dal mercato delle carte, siano esse monete, apolidi e sotto controllo privato, o azioni dei vari tipi, comprese obbligazioni e derivati, è sfociato in una scelta antisistema che un mio amico, Marcello, in una mia recente visita a Palermo, ha definito “inconsapevole”.

 Questa scelta antisistema “inconsapevole”, a sua volta, è rappresentata, in modo molto approssimativo e privo di un reale progetto politico, da quelle tre forze su riferite. Pertanto la mancanza di chiarezza e consapevolezza può portare al fallimento di una grande prospettiva che proprio il popolo italiano con le sue istintive e coraggiose scelte ha indicato.

 Questa nostra affermazione trova riscontro in una serie di circostanze e fatti purtroppo inconfutabili: la mancata individuazione, salvo sporadici casi, del liberismo come nemico da abbattere come ideologia criminale – ruolo a cui è inopinatamente assurto – e da tenere sotto rigido controllo statale come regolatore del mercato; la presenza all’interno di quei partiti di consistenti gruppi liberisti; la ricerca spasmodica di appoggi nazionali ed internazionali senza aver chiarito i presupposti dottrinari e politici affinché non vengano ingenerati pericolosi equivoci e confusioni. Proprio la mancanza di chiarezza all’interno di quelle componenti rende pericolosa qualsiasi alleanza anche se necessaria.

 Da qui deriva la necessità di attrezzare una classe dirigente consapevole che, formata sulla base di un ben definito progetto politico, sappia dare certezze ad un popolo che ha deciso “inconsapevolmente” di voler cambiare e trasferisca questa consapevolezza all’interno di quelle forze che, se in buona fede, sapranno unirsi e diventare saldo e preciso punto di riferimento.

 Oggi più di ieri c’è la necessità di unire tutte le componenti popolari per conseguire una vittoria autentica contro le forze liberiste e materialiste, estremamente potenti, e donare un nuovo e migliore futuro alle prossime generazioni e chi non si adeguerà a queste indicazioni sarà travolto dai fatti e, o si perderà definitivamente, o altre forze diventeranno motore di questa rivoluzione.

 I tempi sono maturi per salvare l’Italia, creare l’Europa, aiutare il mondo.


Editoriale

 

Le chiavi di casa

Di Adriano Tilgher

Le abbiamo perse nel 1945 quando abbiamo perso la guerra e da allora non siamo più riusciti ad ottenerle. È sempre stato il sogno di noi adolescenti possedere le chiavi di casa e quando le abbiamo ottenute ci siamo subito sentiti più adulti. Purtroppo noi, come popolo, le abbiamo perse in seguito a quella disastrosa guerra che qualcuno ha anche provato a dire che abbiamo vinto per il vergognoso cambio di casacca. Qualcuno potrebbe obiettare che è inutile rivangare polemiche antiche; ma è proprio metabolizzando gli errori del passato che possiamo rivitalizzare la nostra identità comunitaria ormai perduta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Don't look up

24 dicembre, dopo una sparuta presenza nelle sale cinematografiche esce sulla piattaforma Netflix il nuovo film di Adam McKay, regista e sceneggiatore statunitense famoso per pellicole particolarmente feroci contro l' "American way of life". Il Film «Don’t look up», (non guardare in alto) è interpretato da un cast stellare che include divi del calibro di Meryl Streep e Leonardo Di Caprio. La trama inserisce la produzione nel genere catastrofico, (Allarme Spoiler) 2 scienziati, la dottoranda in astronomia Kate Dibiasky ed Il suo professore, Randall Mindy, scoprono casualmente l'esistenza di un asteroide non identificato. Calcolandone la traiettoria, si accorgono che il corpo celeste colpirà in pieno la terra in circa sei mesi e che le sue dimensioni sono tali da comportare l’estinzione di qualsiasi forma di vita sul pianeta. I due insieme ad un funzionario governativo si recheranno alla Casa Bianca per cercare di evitare la catastrofe, ma la presidente degli Stati Uniti, Janie Orlean, (Mary Streep) ispirata ad Hillary Clinton, (sulla scrivania dello Studio Ovale vediamo una foto che la ritrae abbracciata a Clinton), non ha alcuna intenzione di occuparsene in quanto presa dai suoi calcoli elettorali. Impone, pertanto, di mantenere segreta la notizia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.