I crimini contro l'umanità del potere imperiale USA Anglo Sionista

Nel corso degli ultimi 50 anni il mondo ha assistito alle devastazioni causate dalle guerre scatenate dagli Stati Uniti in varie parti del mondo, guerre che hanno destabilizzato interi paesi per imporre l'agenda di Washington.

La realtà è chiara, il governo degli Stati Uniti d'America è un governo genocida, nella storia moderna sono l'unico paese che ha utilizzato le armi atomiche contro la popolazione civile (Hiroshima e Nagasaki), le armi chimiche come a Nassirya in Iraq o come nel Vietnam. La politica imperialista degli USA ha generato innumerevoli crimini contro l'umanità che devono essere riconosciuti, puniti e divulgati affinché non si ripetano mai.

Uno dei crimini abituali dell'Imperialismo è il blocco economico, praticato contro paesi e popoli, anche se viene chiamato "embargo", costituisce un crimine per il fatto che minaccia la vita, la libertà, il diritto all'alimentazione ed alle cure, oltre che la dignità delle persone. I blocchi, le sanzioni e gli embarghi sono forme di guerra infide, illegali e illegittime dell'Imperialismo anche se inventano trattati internazionali e leggi per mimetizzarne le conseguenze. Questi crimini oggi vengono attuati contro lo Yemen, contro la Siria, contro il Venezuela, contro Cuba ed altri paesi che hanno avuto "il torto" di non essersi piegati all'egemonia di Washington. L'assedio per prendere per fame e malattie le popolazioni e spingerle ad attuare un cambio di regime è caratteristica della politica USA. E' la stessa tecnica che, da oltre undici anni, Israele attua contro i palestinesi di Gaza.

Tutto quello che minaccia la vita, la libertà, i diritti e la dignità delle persone è un crimine contro l'umanità. Vergognoso è il comportamento dell'Europa e di altri paesi occidentali che si accodano a questi blocchi decisi da Washington, dimostrando la loro attitudine al servilismo verso il padrone. I "diritti umani" vengono usati come arma e pretesto per gli interventi militari o per le sanzioni; per gli occidentali i diritti umani valgono solo quando si tratta di stigmatizzare le presunte azioni di repressione fatte dai paesi antagonisti degli USA, come la Russia, la Cina, l'Iran ma sono del tutto inesistenti quando le violazioni di questi diritti sono fatte dagli occidentali o dai paesi alleati come l'Arabia Saudita, gli Emirati e le altre monarchie del Golfo, fedeli alleati degli anglo USA.

Combattere il blocco, gli embarghi e le sanzioni non è solo una questione "legale", ma è una lotta politica implacabile e radicale contro il sistema liberista e le sue operazioni di aggressione contro i popoli che rifiutano di sottomettersi. Indubbiamente il capitalismo anglo-USA-sionista, nel suo sviluppo, dopo la caduta dell'URSS, si è sentito padrone del mondo ed ha prodotto i peggiori orrori e sopraffazioni contro i popoli. La pseudo cultura americanoide, che è il tipico prodotto di esportazione dell'Imperialismo USA, è costituita da volgarità, individualismo, consumismo esasperato e relativismo morale: un mix di elementi studiati per distruggere le comunità e per intossicare la mente delle giovani generazioni. 

Il declino dell'Impero americano che si manifesta, con la sua progressiva perdita di influenza politica e capacità economica rendono l'elite di potere di Washington sempre più rabbiosa contro le nuove potenze emergenti che si sono affrancate dalla dominazione USA: la Russia, la Cina e l'Iran. Per restaurare il suo potere l'impero impone sanzioni, embarghi e blocchi come "punizione". Ad esempio, il blocco contro Cuba è il più lungo conosciuto nella storia moderna; nonostante sia stato condannato innumerevoli volte, non succede nulla. Lo stesso sta accadendo contro il Venezuela e contro chiunque cerchi di sviluppare legami con entrambi i paesi o voglia aggregarsi all'Asse della Resistenza, costituito dalla Siria, dall'Iran, da Hezbollah e dalle milizie Houthi nello Yemen. Per rendere attuale veramente la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, sarebbe necessaria oggi una nuova Dichiarazione che rompesse la volontà di tenerla ingabbiata nella verbosità diplomatica.

I popoli hanno bisogno di una dichiarazione rivoluzionaria dei diritti umani, che includa il il controllo dei popoli contro i loro oppressori. Il Blocco e l'embargo sono un crimine contro l'umanità e devono essere fermati, i loro autori puniti e costretti a riparare il danno, a livello globale.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il cappio al collo

Di Adriano Tilgher

Un vero cappio quello che il “salvatore dell’Italia”, Mario Draghi, ci sta mettendo al collo con le linee guida per l’utilizzo degli oltre 200 miliardi che stanno arrivando dalla UE. Questi soldi, non solo indebiteranno le nostre future generazioni, ma sono vincolati sia nell’utilizzo, che alle riforme da attuare. Utilizzo e riforme potentemente condizionati dalla volontà dei tecnocrati di Bruxelles. Su queste basi si muovono sia la riforma Cartabia della giustizia, in parte inutile perché non tocca temi fondamentali, quali la separazione delle carriere ed altro, in parte dannosa, perché restringe i margini del giusto processo, sia la legge Zan, una legge che discrimina, penalizza, diventa fonte di odio.

 

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carlo Vichi - imprenditore, genio e galantuomo

“Il futuro non è più quello di una volta” (Paul Valery)

21 ottobre 1422 con la morte di Carlo VI di Francia detto "Il folle" viene pronunciata per la prima volta una locuzione universalmente riconosciuta, utilizzata per annunciare la morte di un sovrano e contemporaneamente annunciarne un successore. «Le Roi est mort, vive le Roi!», (Il Re è morto, lunga vita al Re!). Il 2 giugno 1992, nel porto di Civitavecchia il panfilo personale della Regina Elisabetta, Il Royal Yacht “Britannia”, era in attesa di imbarcare importanti ospiti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Su quel panfilo, fu decisa la privatizzazione dell’Italia e la progressiva distruzione dell'imprenditoria Nazionale. A bordo, oltre a finanzieri banchieri e dirigenti di multinazionali, un noto comico italiano, che pochi anni dopo fonderà un partito Politico con l'intento di intercettare un’eventuale dissenso a questa strategia. Ad introdurre il consesso, l'allora direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui ad aprire i lavori, con una relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni. La piccola e media impresa Nazionale deve essere aiutata nelle pratiche di fallimento, e svenduta sul mercato internazionale. Il nostro paese ha dato natali ad imprenditori visionari e spesso controcorrente, fra i tanti pensiamo ad Adriano Olivetti o Gaetano Marzotto, uomini semplici, "Self-made man", come canonizzato dalla cultura Statunitense. Uno degli ultimi eroi dell'imprenditoria Italiana, un bastian contrario, come piace a noi, si è spento nella sua città adottiva Milano circa un mese fa, il 20 settembre 2021, all’età di 98 anni, Carlo Vichi, leader indiscusso delle Tv a tubo catodico, che con la sua M.I.V.A.R. negli anni 80 e 90, entrò praticamente in tutte le case degli italiani, offrendo un prodotto economico ed allo stesso tempo tecnologicamente all'avanguardia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.