L'impero USA ha fretta di contenere il blocco Russia - Cina prima che diventi impossibile affrontarlo

Gli avvenimenti che si susseguono a ritmo incalzante sullo scenario internazionale dovrebbero farci capire che in pratica è iniziata una guerra ibrida che gli USA stanno conducendo contro la Russia e la Cina accusate di essere una “minaccia” per l’America.

In questi giorni abbiamo visto i voli di prova di attacco missilistico condotti dai bombardieri USA B-52 Stratofortress sul Mar Nero e sul Mar Baltico e l’ingresso sempre più frequente di unità navali della NATO nel Mar Nero in prossimità delle coste russe-come evidente provocazione.

La NATO ha aumentato la sua presenza nel mare di Barents e nel Mar Baltico, con manovre di combattimento e test missilistici.

Dall’altra parte sono in corso esercitazioni militari su larga scala nel sud della Russia, nella zona del Caucaso, ribattezzate ‘Caucaso 2020’, a cui partecipano 80.000 soldati, di cui una parte sono di provenienza della Repubblica Popolare Cinese (RPC) e che vedono anche la partecipazione di contingenti militari di Armenia, Bielorussia e Pakistan, come annunciato dal ministero della Difesa russo. A queste esercitazioni si unirà anche la Marina della Repubblica Islamica dell’Iran ed è previsto che tali esercitazioni si svolgeranno fino al 26 settembre sia nel Mar Nero che nel Mar Caspio, secondo un comunicato diffuso oggi dall’ambasciata iraniana a Mosca.

Come si legge nella nota, nelle manovre verranno utilizzate attrezzature militari avanzate, tra cui sistemi di difesa antimissile, missili ad alta precisione, aerei da combattimento ed elicotteri.

Il ministero della Difesa russo ha anche annunciato che le esercitazioni includeranno fino a 250 carri armati, 450 veicoli per il trasporto di personale militare e 200 sistemi di artiglieria.

In sostanza è una prova di spiegamento di un’armata euroasiatica integrata fra Russia, Cina e Iran che suggella un’alleanza per contrastare la politica aggressiva degli USA e della NATO.

Nel frattempo Mike Pompeo lancia minacce di blocco totale contro l’Iran, nonostante gli USA, al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, si siano ritrovati isolati nella richiesta di restaurare tutte le sanzioni contro l’Iran.

La Russia ha già risposto che continuerà a cooperare con l’Iran. La RPC ha stretto un accordo di cooperazione con l’Iran per 25 anni con la prospettiva di investimenti per 450 miliardi.

Tutto questo è abbastanza per far infuriare il circolo dei neocon di Washington e far innervosire Netanyahu che è deciso a trainare gli USA in una guerra contro l’Iran fino all’ultimo marine.

Washington e Tel Aviv preparano nel frattempo le contromosse e fra queste abbiamo visto il caso Navalny, l’avvelenamento del dissidente, creato appositamente dai servizi occidentali per provocare una rottura tra Russia e Germania ed un’interruzione del gasdotto Nord Stream 2 che gli americani cercano di sabotare.

Le cose non sono andate come prevedevano gli strateghi americani in Bielorussia, una zona dell’Est Europa dove gli USA speravano di deporre Lukashenko e fare della Bielorussia un nuovo partner in funzione anti russa.

Putin si è mosso tempestivamente riaffermando l’alleanza fra Russia e Bielorussia e inviando truppe, ufficialmente per esercitazioni, ma di fatto per inviare un preciso segnale: non permetteremo una nuova Ucraina che, di fatto, è divenuta un partner della NATO.

In caso di guerra, le autorità militari russe hanno avvertito l’Ucraina, che basta una mossa falsa e sarete cancellati dalla faccia della terra.

L’interrogativo è quello di sapere non se ma quando e dove inizierà l’offensiva delle forze USA e NATO: potrebbe essere l’Iran o la Crimea però alcuni analisti prevedono che i prossimi colpi saranno nel fronte asiatico. Sarebbe un’offensiva diretta contro la Cina, dotata di armi nucleari: una mossa molto azzardata.

In entrambi i casi, attacco all’Iran o attacco alla Cina, la Russia non rimarrebbe inerte e questa è l’incognita del gioco che lascia dubbiosi gli strateghi di Washington. Più probabile quindi una strategia di infiltrazione di mercenari nelle repubbliche del Caucaso, nello stesso Iran e nelle zone occidentali della Cina, dove già i servizi di intelligence anglo USA stanno cercando di sobillare rivolte in nome dei “diritti umani”. Come si vede la scacchiera è molto complicata e, nella peggiore delle ipotesi, potrebbe sfociare in un conflitto mondiale combattuto con armi nucleari.

Questo sarebbe folle, ma folli sono anche le menti degli strateghi che siedono alla Casa Bianca.

Qualcuno sarebbe in grado di fermarli? Questo il dilemma.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.