In arrivo la dittatura ideologica della UE per tacitare negazionisti e “seminatori di odio”

Da Bruxelles le oligarchie, che esercitano il loro potere sugli stati del continente europeo, stanno decidendo in forma “discreta” di mettere sotto controllo il flusso delle informazioni e del pensiero libero che ancora oggi si trova in rete.

Non è più tollerabile che ci siano una serie di voci libere ed incontrollate che agiscono su internet, mettendo in contraddizione i dogmi del pensiero unico globalista, in particolare sui migranti, sulla ideologia LGBT, sull’ambiente.

Dell’esigenza di mettere sotto controllo le voci libere su internet si è fatto carico il commissario europeo Thierry Breton, il quale ha annunciato l’intenzione dell’UE di mettere sotto attenta verifica le piattaforme su internet quando queste pubblicano contenuti odiosi, illegali e falsi, giudicati tali dai censori europei. Insomma arriverà un’implacabile censura con norme vincolanti per tutti gli stati.

Naturalmente non si può pensare che la rete Internet debba essere un luogo dove si possano esprimere anche le idee più aberranti. Questa è una evidente falsificazione della realtà visto che esistono già le leggi di ogni Stato, che possono reprimere ogni tipo di aberrazioni.

Tuttavia, se è vero che anche la Rete Internet debba essere controllata dallo Stato, cosa ben diversa è che la rete internet debba essere controllata da un potere transnazionale, imbevuto di ideologia e quindi ben più pericoloso.

Ci lasciano quindi perplessi le dichiarazioni del commissario europeo Thierry Breton il quale, dopo un incontro con Mark Zuckenberg, ha dichiarato che, “Le piattaforme, in particolare Facebook, hanno un’ovvia responsabilità nei confronti dei nostri concittadini (…) ma anche nei confronti della democrazia, se queste non si autoregoleranno censurando i contenuti odiosi o illeciti o le notizie false, saremo obbligati a intervenire più rigorosamente”.

Chiaro quindi che i commissari europei saranno quelli che giudicheranno in modo insindacabile quali contenuti siano interpretabili come “odio” e “fake news”.

Ha aggiunto, il solerte commissario, “abbiamo parlato molto (…) della necessità di metterci in grado di controllare tutte queste attività”. Alla fine dell’anno, la Commissione europea intende presentare uno strumento legislativo sui servizi digitali, soprannominato il “Digital Services Act”.  

La pluralità delle idee, che una volta era considerata alla base della democrazia, oggi viene superata dalla conformità ad una sorta di “codice morale” imposto alla stregua di una dottrina: si è democratici in quanto si accettino “i valori” della società occidentale, ovvero i diritti umani (dei migranti, degli omosessuali, dei transgender…), il cosmopolitismo, il (finto)pacifismo, il progressismo, il mercato, l’individualismo morale e sociale, si rigetta tutto quello che non è omologato.

Quindi la democrazia odierna si è trasformata nel suo opposto: è un criterio selettivo che discrimina idee e comportamenti.

Per il sistema delle oligarchie globaliste al servizio degli interessi del grande capitale finanziario, non può essere tollerato che vi siano delle voci discordi che diano un’interpretazione dei fatti difforme dal “pensiero unico” imperante.

Tanto meno si può ammettere che vengano messi in questione i dogmi del “Pensiero Unico” globalista e progressista.

Le accuse di razzismo, di fascismo, di antisemitismo, di violenza sono precise fattispecie di reato che i giuristi illuminati di Bruxelles metteranno a punto per farli inserire nelle legislazioni degli Sati della UE. Qualora uno Stato sia contrario a inserire queste figure giuridiche, allora sarà passibile di sanzioni.

Così anche le grandi piattaforme su Internet devono adeguarsi alla sottomissione, non agli Stati ma all’ideologia globalista.

Pertanto, Zukemberg ha annunciato l’istituzione di una “Corte Suprema” (sic!) Non più solo l’oscuramento delle pagine non conformi ma anche la segnalazione all’autorità competente che avrà il compito di contestare il tipo di reato e irrorare la sanzione pecuniaria o detentiva.

Tale sistema vedrà la fine delle garanzie legali previste in ogni singolo stato e la parodia della giustizia. Non ci sono norme costituzionali che tengano.

D’altra parte era stato detto che le normative europee sarebbero state vincolanti rispetto alle norme costituzionali di qualsiasi stato. Questa clausola era stata approvata e inserita nella normativa italiana dalla classe politica (di entrambi gli schieramenti) succube del sistema UE e dei suoi burocrati.

Non era forse l’Europa la meta agognata dove sentirsi tutti più moderni e fieri di rappresentare la “democrazia” evoluta? Si sono adeguati persino i Salvini, i Giorgetti, i Di Maio e le Meloni. Cosa vogliamo di più?


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Un nuovo Rinascimento

di Adriano Tilgher

Chi ci segue su questa rubrica de Il Pensiero Forte sa che parliamo della necessità di una rivoluzione culturale. Perché diciamo questo? Quali sono i motivi profondi per cui proponiamo un rivoltamento generale o, se preferite, una rivoluzione dei cardini formativi della società attuale?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Helter Skelter

Il 22 novembre 1968 la Apple Records distribuisce nei negozi del regno unito il decimo album dei Beatles, "White Album". La rivista Rolling Stone lo ha inserito al decimo posto della lista dei 500 migliori album di sempre. Venne considerato come uno dei più importanti e complessi capolavori musicali del XX secolo. La formazione era reduce dalla trasferta in India e dall'esperienza della meditazione trascendentale sotto la guida del guru Maharishi.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.