Libano

Obbiettivo Libano!

USA, Arabia Saudita e Israele puntano sul Libano per rifarsi della sconfitta subita dai loro mercenari in Siria

Tutti gli analisti e gli osservatori indipendenti hanno dovuto prendere atto che, la vittoria ottenuta in Siria dalle forze dell'asse della resistenza, costituito da Siria e dai suoi alleati (Hezbollah e forze iraniane), ha rappresentato un evento di grande impatto, un avvenimento finalmente positivo per le popolazioni della Siria, dell' Iraq e dell'intera regione.

La sconfitta dei gruppi mercenari takfiri, armati da USA ed Arabia Saudita, è indubbiamente un grande progresso ma anche un segnale di allerta per quei paesi che hanno patrocinato il terrorismo nella regione. Questa vittoria costituisce un avvertimento, nel senso che le forze della resistenza non faranno passare senza reagire le possibili nuove operazioni di sovversione e di destabilizzazione che già si preparano.

Qualunque scenario futuro in Medio Oriente non potrà non considerare questa stretta alleanza costituitasi tra la Siria di Bashar al Assad, il movimento Hezbollah, l'Iran ed i combattenti delle milizie sciite irachene di "Hashd al-Shaabi" che hanno affiancato l'esercito di Baghdad e di Damasco nella guerra al Califfato.

La sconfitta del Daesh (ISIS) segnerà la storia della regione e nonostante questo, le potenze che hanno visto sconfitti i loro mercenari stanno già cercando di screditare l'asse della Resistenza con accuse false di terrorismo, di minaccia alla stabilità ed alla sicurezza di Israele e dei paesi vicini.

Le forze dell'Asse della resistenza rappresentano oggi una muraglia solida, un argine che non è possibile scalzare facilmente ed è quindi normale che si cerchi di screditarle con le accuse di terrorismo, quando effettivamente coloro che hanno organizzato e finanziato il terrorismo sono precisamente questi governi di Washington, di Londra, di Rijad e di Tel Aviv con la loro aggressione contro la Siria, contro lo Yemen (vedi i rapporti dell'ONU) e queste accuse sono parte dell'ipocrisia e del doppio standard di questi paesi che cercano di sviare l'attenzione dalle loro responsabilità. Vedi: UN Report: Saudi Coalition Responsible For Mass Child Deaths In Yemen(Trapelato rapporto ONU: coalizione saudita e omicidi di massa )

Queste potenze non si rassegnano alla sconfitta, piuttosto elaborano piani per mandare avanti le loro cospirazioni che cercano ancora di destabilizzare e che puntano adesso sul Libano, considerato l'anello debole della resistenza, quello più facile da aggredire. Non a caso da ultimo, le autorità di Tel Aviv hanno minacciato di far tornare il Libano all'età della pietra come punizione per aver dato appoggio ad Hezbollah ed alla lotta della Siria.

 

Come ha recentemente dichiarato il leader di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, "la sconfitta del Daesh e dei gruppi terroristi takfiri in M.O. non può lasciare tranquillo l'asse della resistenza, le forze della resistenza devono mantenersi allerta e devono seguire combattendo e devono appoggiare il popolo del Libano, il popolo palestinese, quello dello Yemen, della Siria e certo non possono rimanere con le braccia conserte nè possono aspettare che il nemico si riorganizzi, al contrario bisogna seguitare a combattere perchè il nemico è poderoso e dispone di armi e di grandi risorse finanziarie, di appoggio politico e diplomatico, bisogna ancora combattere perchè la causa è giusta e perchè gli interessi sono giusti e queste società appoggiate dall'asse della resistenza non devono essere abbandonate".


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.