Erick Prince

Una rete di spionaggio privata per Trump e dei contractors in Libia, i regali di Natale di Erik Prince.

Dagli Stati Uniti la proposta più veloce per risolvere il problema degli sbarchi, il Governo la ignora.

 

Erik Prince , il fondatore della controversa società di contractors militari Blackwater , e fratello del Segretario all'istruzione dell’attuale amministrazione Tump ,Betsy DeVos ,vorrebbe costruire per il presidente Donald Trump  una rete di spionaggio privata, secondo un rapporto di The Intercept.

 L'accordo permetterebbe a Trump di aggirare la CIA e il cosiddetto "stato profondo".

Secondo il rapporto, un alto funzionario della Casa Bianca afferma che l'amministrazione Trump sta prendendo in considerazione le proposte di Prince per creare "una rete di spionaggio globale privata che aggirerebbe le agenzie di intelligence ufficiali degli Stati Uniti" per contrastare i "nemici dello stato profondo" nella comunità di intelligence che cercano di minare la presidenza di Donald Trump. " La presunta proposta creerebbe una rete di spionaggio in paesi ritenuti "aree negate" per l'attuale personale dell'intelligence americana, tra cui la Corea del Nord e l'Iran. 

Non sarebbe la prima volta che Erik Prince tenta di aggirare i tradizionali canali del governo. In Aprile, Prince tenne un incontro segreto nelle isole Seychelles per stabilire una linea di comunicazione sul canale posteriore tra l'allora presidente eletto Donald Trump e Vladimir Putin. 

Ma Prince ha inoltre negli ultimi mesi portato all’ evidenza della presidenza Trump il problema immigrazione che attanaglia la Libia e l’Italia, Prince ha proposto l'installazione di una forza privata di 750 uomini per addestrare e assistere una nuova polizia di confine libica nel sud del paese, in quella che ha definito un'opzione umanitaria per la gestione dei rifugiati che attraversano l'Africa settentrionale verso l'Europa da posti come il Sudan, il Ciad e la Repubblica Centroafricana.

"Li porteremmo nei campi profughi nelle basi, riceveranno cibo e cure mediche e saranno rimpatriati senza mai arrivare sulla costa. Immagino che l'Europa voglia bloccare il flusso di migranti nel modo più umano e professionale possibile ", ha dichiarato Prince.

Probabilmente Erik Prince non avrà alcuna risposta né dalla diplomazia Europea nè tantomeno da quella Italiana dove sotto le feste tra cene istituzionali e regali istituzionali finanziati dai contribuenti si trova tempo solo per criticare una albero di Natale spelacchiato a Piazza Venezia, dimenticandoci che dall’altra parte del mare sono più agguerriti che mai nell’invaderci senza sosta.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La giornata contro la violenza sulle donne

di Andrea Brizzi

Il 25 novembre di ogni anno ricorre la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, tema scottante quello della violenza di genere, che ogni anno non manca di suscitare polemiche e barricate dall’una o dall’altra parte. Già il parlare di una parte piuttosto che di un’altra, identifica un problema di natura culturale, di fronte al quale ogni evento, manifestazione e quant’altro risulta inutile, se non dannoso, di fronte alla natura stessa della situazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Planando sopra boschi di braccia tese

È il 24 novembre 2020: puntuale come le zanzare o l'ennesima ondata covid si torna a parlare di Lucio Battisti come "Pericoloso Fascista", a rimestare il calderone questa volta è Aldo Giannulli, ex collaboratore di Avanguardia operaia, il manifesto, Liberazione, l'Unità e attualmente editorialista della rivista di geopolitica Limes. Giannulli rilascia una intervista al sito “Rockol.it” dove dichiara: "Nel corso di un’indagine della Procura della Repubblica di Milano sulle stragi degli anni Settanta mi sono imbattuto in una serie di documenti dell’Ufficio Affari Riservati, il servizio segreto del ministero dell’Interno. Tra quei fogli vi era un’informativa che indicava Lucio Battisti come sovvenzionatore del Comitato Tricolore, organizzazione fondata da Mario Tedeschi, senatore del Movimento Sociale Italiano e direttore del settimanale Il Borghese, per aiutare gli attivisti di estrema destra che avevano guai con la giustizia. Il Comitato Tricolore svolgeva in sostanza a destra le funzioni che a sinistra erano prerogativa del Soccorso Rosso".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.