Erick Prince

Una rete di spionaggio privata per Trump e dei contractors in Libia, i regali di Natale di Erik Prince.

Dagli Stati Uniti la proposta più veloce per risolvere il problema degli sbarchi, il Governo la ignora.

 

Erik Prince , il fondatore della controversa società di contractors militari Blackwater , e fratello del Segretario all'istruzione dell’attuale amministrazione Tump ,Betsy DeVos ,vorrebbe costruire per il presidente Donald Trump  una rete di spionaggio privata, secondo un rapporto di The Intercept.

 L'accordo permetterebbe a Trump di aggirare la CIA e il cosiddetto "stato profondo".

Secondo il rapporto, un alto funzionario della Casa Bianca afferma che l'amministrazione Trump sta prendendo in considerazione le proposte di Prince per creare "una rete di spionaggio globale privata che aggirerebbe le agenzie di intelligence ufficiali degli Stati Uniti" per contrastare i "nemici dello stato profondo" nella comunità di intelligence che cercano di minare la presidenza di Donald Trump. " La presunta proposta creerebbe una rete di spionaggio in paesi ritenuti "aree negate" per l'attuale personale dell'intelligence americana, tra cui la Corea del Nord e l'Iran. 

Non sarebbe la prima volta che Erik Prince tenta di aggirare i tradizionali canali del governo. In Aprile, Prince tenne un incontro segreto nelle isole Seychelles per stabilire una linea di comunicazione sul canale posteriore tra l'allora presidente eletto Donald Trump e Vladimir Putin. 

Ma Prince ha inoltre negli ultimi mesi portato all’ evidenza della presidenza Trump il problema immigrazione che attanaglia la Libia e l’Italia, Prince ha proposto l'installazione di una forza privata di 750 uomini per addestrare e assistere una nuova polizia di confine libica nel sud del paese, in quella che ha definito un'opzione umanitaria per la gestione dei rifugiati che attraversano l'Africa settentrionale verso l'Europa da posti come il Sudan, il Ciad e la Repubblica Centroafricana.

"Li porteremmo nei campi profughi nelle basi, riceveranno cibo e cure mediche e saranno rimpatriati senza mai arrivare sulla costa. Immagino che l'Europa voglia bloccare il flusso di migranti nel modo più umano e professionale possibile ", ha dichiarato Prince.

Probabilmente Erik Prince non avrà alcuna risposta né dalla diplomazia Europea nè tantomeno da quella Italiana dove sotto le feste tra cene istituzionali e regali istituzionali finanziati dai contribuenti si trova tempo solo per criticare una albero di Natale spelacchiato a Piazza Venezia, dimenticandoci che dall’altra parte del mare sono più agguerriti che mai nell’invaderci senza sosta.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

A chi appartiene il domani?

di Adriano Tilgher

Io non so se questa pandemia sia vera o inventata, non so se sia stata creata in laboratorio o trasferita dai pipistrelli, non so dove inizi la verità e dove la menzogna (che i più schiavi di tutti chiamano “fake news”), ma soprattutto non so dove andremo a finire. Sicuramente so che di questo Covid 19 pochi sanno qualcosa che viene spesso trasformata e imbrogliata da chi, al servizio di interessi terzi, ha inteso approfittarne per incutere terrore nella gente affinché tutti accettassero di non vivere per evitare di morire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

No Vax no Dux

30 maggio 1431 Giovanna d'Arco morì arsa viva dopo un processo per eresia. 14 maggio 2020 la deputata del gruppo misto Sara Cunial, eletta con il movimento 5 stelle, ed espulsa ad aprile 2019 ha tenuto un discorso alla Camera, in cui ha criticato il governo per la gestione dell’emergenza coronavirus. Nella lettura del discorso, tenuto con voce tremolante ma di forte impatto emotivo, ha sferrato un attacco diretto al Presidente del Consiglio Conte, al Presidente della Repubblica, a Big Pharma a Bil Gates e a tutto ciò che gira intorno a varie teorie, considerate di controllo da alcuni, e di complotto da altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.