Il tradimento di Lenin

Ci sono poche cose dolorose. Il tradimento è una di queste. Il tradimento di una persona di cui ti fidi è quello peggiore. Se poi il traditore è un politico, che tante speranze aveva suscitato, ed il tradito è il suo popolo è peggio di tutto. La tristezza per quel popolo, anche se non gli appartieni in prima persona, ha la forza di schiacciarti.

È il caso di Lenin Moreno e del popolo ecuadoregno. Lui, l'uomo che Correa aveva scelto per portare avanti la Revolucion Ciudadana, sta facendo tornare il suo paese indietro di 20 anni. Per intenderci quando il paese sudamericano rinunciò alla propria moneta nazionale per abbracciare papa dollaro. Il mucchio di macchiette a cui Moreno ha dato in mano il potere sembrano usciti dai festini che negli anni 90 e nei primi duemila animavano il Palazzo Presidenziale conditi con prostitute, diplomatici e spie statunitensi che governano il paese adesso come allora. Moreno ha riportato l’Ecuador al sottosviluppo, e lo sta riconsegnando a quei poteri economici ed internazionali pronti a spartirsi il piccolo ma appetitoso piatto rappresentato dalle esportazioni del petrolio, della frutta, dei gamberetti, dei minerali, dei fiori e di quant'altro quel paese produce.

La prima vittima del nuovo corso ecuadoregno è stato il vicepresidente Jorge Glas, vicepresidente di Lenin Moreno ed ex vicepresidente di Correa. A seguito di un arresto illegale è stato irregolarmente spodestato dalla carica elettiva di vicepresidente, grazie ad un’alleanza tra destra filo-americana e parte della "sinistra" (quella che ha accoltellato Correa e sta con Moreno). Glas è stato portato in un carcere di massima sicurezza, noto per il non controllare i reclusi, senza acqua corrente, né servizi igienici, né riscaldamento, ma soprattutto con criminali comuni e senza scorta, né protezione. Un ex Vicepresidente, con segreti di Stato e informazioni strategiche nazionali non può stare in un carcere comune senza protezione. Glas, al momento, è oltre i 30 giorni di sciopero della fame per protestare contro la sua situazione. Ma l'epurazione è continuata con Ricardo Patiño (il ministro della rinegoziazione del debito, dell’espulsione dell’Ambasciatrice statunitense, dell’asilo politico ad Assange, etc.) che è ora accusato di terrorismo per aver animato una manifestazione davanti al carcere di Glas. Si è passati poi a Fernando Alvarado, ex ministro della comunicazione, costretto a fuggire in un altro paese perché accusato di aver realizzato alcuni contratti o spese non necessarie mentre era ministro. Solo che l’accusa è arrivata solo dopo che Alvarado si è rifiutato di continuare a lavorare per il Governo di Moreno e si era schierato nettamente dalla parte di Correa. Si potrebbe andare avanti ma più chiare di qualunque elenco risultano le parole della dichiarazione dell'attuale Ministro Michelena: “Tutti gli ex funzionari, sia di rango medio che di rango alto, del precedente Governo di Correa non potranno lasciare il paese e si ricorrerà all’utilizzo straordinario della prigione preventiva”.

Correa intanto è vittima di più di 15 procedimenti giudiziari che, oltre a non avere nessuna base giuridica, sfuggono alla semplice logica. Un esempio su tutti? È accusato di aver sovra-indebitato il paese. Proprio lui che il debito decise di rinegoziarlo e quindi in pratica diminuirlo. 

Fa male scoprire che uno dei paesi che con il tempo erano diventati un baluardo contro le ingerenze statunitensi in Sud Latina sia tornato all'ovile a stelle e strisce. Ma sopratutto sono notizie che devono inquietare Diaz-Canel a Cuba, Ortega in Nicaragua, Maduro in Venezuela, Morales in Bolivia e adesso anche Obrador in Messico. Se i filo-americani sono tornati al potere (per giunta tramite regolari elezioni e supportati da un ignaro Correa) in un paese dove una rivoluzione come quella Ciudadana aveva attecchito così bene bisogna immaginare che possa succedere domani ovunque. Quei leader devono stare attenti a che un altro Lenin Moreno non stia crescendo nelle ombre alle loro spalle.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Conte: il “consulente” della Merkel

di Adriano Tilgher

Se non fosse drammatico parlerei di comiche finali; ma, purtroppo, l’unico obiettivo cui, il vergognoso comportamento dell’attuale governo, punta con decisione è l’estinzione dell’Italia.

E’ veramente un tradimento quello che leggiamo su alcuni giornali: il presidente del consiglio, a giugno, avrebbe dato parere favorevole all’aggravamento delle sanzioni previste dal MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) senza avvisare il Parlamento né, tanto meno, il popolo italiano, la vera vittima di questo diabolico meccanismo, che dovrebbe salvare gli stati europei in difficoltà economica ma che, in realtà, li affossa definitivamente.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Vai Rrouge!

Italia primi anni ‘70, sono anni di contestazione, di lotta armata e di improbabili sintesi politiche, a Milano arrivano suggestioni e stimoli musicali "alternativi" all'epoca poco frequentati, suggestioni che al liceo classico Giovanni Berchet, due compagni di classe Fulvio Muzio ed Enrico Ruggeri faranno loro. Inizieranno a suonare insieme, e in formazioni parallele, Fulvio Muzio fonderà il gruppo progressive "Il Vortice", Ruggeri darà vita agli Champagne Molotov. Insieme formeranno i Decibel.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.