Svendite italiane nel mirino UE, Savona rischia come Varoufakis

Nel mirino di Francia e Germania le politiche di svendita degli asset italiani in campo energetico, chimico e siderurgico. Nonché la svendita del patrimonio immobiliare pubblico e privato alle immobiliari tedesche collegate alle banche dei lander. E' una vicenda già vista. Ioannis Georgiou Varoufakis è un politico greco, un economista talentuoso: la cui storia personale, fatte le debite proporzioni anagrafiche, ha tanto in comune con quella del nostro professor Paolo Savona. Entrambi qualche anno fa muovevano critiche similari al fondo monetario internazionale, dimostrando come nulla sia stato fatto per liberare le economie dei paesi più poveri dell’Unione Europea del signoraggio bancario. 

Per le sue teorie sulla moneta Varoufakis ne ricavava il non gradimento di Ue e Bce nel primo Governo Tsipras, un po’ com’è capitato a Paolo Savona. Per quest’ultimo, la Merkel in persona ha telefonato al presidente Mattarella per chiedere che al professor Savona non venisse affidato alcun dicastero economico. Del resto i tedeschi non potevano rischiare un secondo Varoufakis in una paese in svendita. Vale la pena rammentare che, il 6 luglio 2015, Varoufakis era costretto a dimettersi da Ministro dell'Economia per favorire la trattativa con l'Eurogruppo: ufficialmente le sue dimissioni furono causate (secondo un articolo del Wall Street Journal) da una sua affermazione circa la possibilità di emettere IOU, una specie di promessa scritta di pagamento del debito negoziabile; in pratica una forma di moneta parallela, che avrebbe consentito la sopravvivenza economica del mercato ellenico. Secondo malevoli voci beninformate le dimissioni dell’allora ministro greco dell’economia si sarebbero perfezionate dopo il suo veto alla svendita di porti, aeroporti, isole e villaggi turistici a multinazionali tedesche collegate alle banche dei Länder tedeschi (le potenti banche locali che nascondono i rispettivi debiti sotto i tappeti rossi di Ue e Bce). Quindi la Germania aveva mosso una guerra di conquista del territorio greco, stimata in ben cento volte i danni di guerra che i tedeschi avevano rifuso alla sgangherata Grecia.

Il piano di Varoufakis non era la “Grexit”, ma semplicemente un taglio al rimborso dei bond greci in mano alla Bce. E questo non piaceva a chi voleva fare proprio il patrimonio della Grecia. Rammentiamo che nel 2012 il governo Monti aveva minacciato gli italiani che, se non avessero pagato in massa l’Imu, sarebbe stata accesa ipoteca sull’intero patrimonio italiano (pubblico e privato) presso la Bce. In pratica Monti era un agente del sistema bancario usuraio che sta strangolando i paesi mediterranei dell’Ue. Varoufakis aveva capito che necessitava sottrarre la Banca di Grecia al controllo della BCE. Un consiglio che il greco aveva dato anche alle forze anti euro italiane: Lega, Rifondazione, Grillo… A febbraio 2016 Varoufakis fondava un movimento politico per la trasformazione in senso democratico dell'Unione Europea: e subito si levavano contro di lui le minacce d’arresto, d’indagini giudiziarie. 

Il 27 maggio 2018 un problema similare torna a preoccupare la Germania usuraia: è la proposta di Conte presidente del Consiglio in Italia (sostenuto da 5 Stelle e Lega) con Savona ministro dell’Economia. Istantanea la reazione della Merkel, che telefonava a Mattarella per bloccarne la nomina. Il presidente della Repubblica esprimeva le sue perplessità (suggerite dall’estero) al governo Conte. Oggi il governo Conte è realtà, metà dei suoi ministri sono graditi alla Bce ed alla Germania. Resta l’incognita “Varoufakis”, ovvero cosa potrà succedere quando si paleserà il problema di svendere aziende, beni e patrimoni immobiliari ai tedeschi? Chi sarà il Varoufakis italiano? E’ lecito sospettare che i ministri di nomina politica s’opporranno alle svendite, divenendo a tenzone polemica con quelli graditi a Mattarella. Ed allora qualcuno potrebbe fare la fine toccata all’omologo greco.

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La giornata contro la violenza sulle donne

di Andrea Brizzi

Il 25 novembre di ogni anno ricorre la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, tema scottante quello della violenza di genere, che ogni anno non manca di suscitare polemiche e barricate dall’una o dall’altra parte. Già il parlare di una parte piuttosto che di un’altra, identifica un problema di natura culturale, di fronte al quale ogni evento, manifestazione e quant’altro risulta inutile, se non dannoso, di fronte alla natura stessa della situazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Planando sopra boschi di braccia tese

È il 24 novembre 2020: puntuale come le zanzare o l'ennesima ondata covid si torna a parlare di Lucio Battisti come "Pericoloso Fascista", a rimestare il calderone questa volta è Aldo Giannulli, ex collaboratore di Avanguardia operaia, il manifesto, Liberazione, l'Unità e attualmente editorialista della rivista di geopolitica Limes. Giannulli rilascia una intervista al sito “Rockol.it” dove dichiara: "Nel corso di un’indagine della Procura della Repubblica di Milano sulle stragi degli anni Settanta mi sono imbattuto in una serie di documenti dell’Ufficio Affari Riservati, il servizio segreto del ministero dell’Interno. Tra quei fogli vi era un’informativa che indicava Lucio Battisti come sovvenzionatore del Comitato Tricolore, organizzazione fondata da Mario Tedeschi, senatore del Movimento Sociale Italiano e direttore del settimanale Il Borghese, per aiutare gli attivisti di estrema destra che avevano guai con la giustizia. Il Comitato Tricolore svolgeva in sostanza a destra le funzioni che a sinistra erano prerogativa del Soccorso Rosso".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.