Augias: antifascismo e il nulla di contorno

 Nel risvolto di copertina si definisce Questa nostra Italia “la lettera d’amore di un raffinato uomo di lettere”, in un numero eccessivo di occasioni dai toni inutilmente e gratuitamente snobistici.  Cosa giova e quanto incide apprendere che Augias, trascorre la villeggiatura “in un casale così antico da figurare nelle mappe catastali pontificie” come se lo Stato ecclesiastico fosse estinto sin dal medioevo?

   Trasparenti e condizionanti sono da un canto le simpatie filomarxiste e dall’altro i preconcetti antifascisti. Rimprovera, ad esempio, gli americani per “il loro anticomunismo più simile a un credo religioso che a un atteggiamento politico” e mostra nostalgia per le feste dell’”Unità”, dominate “dai dibattiti più noiosi, lunghi a volte fino allo sfinimento”, capaci, ad avviso di Augias, che per una volta si accontenta del nulla, di esprimere “l’accorata ricerca di ragioni che davano un certo respiro all’azione politica”. Nel ripercorrere gli scontri tra Peppone e don Camillo, è dell’avviso che “per mezzo secolo nel Novecento siamo andati avanti con due partiti, uno al governo e uno all’opposizione, che litigavano su tutto senza mai farsi davvero male”. Oggi invero il quadro è ancora più meschino e avvilente: dopo la sonora bocciatura decretata dall’elettorato per PD e FI, che avevano preparato il quadro con la fallimentare legge elettorale, sul palcoscenico a recitare la farsa sono saliti, designati da un ampio consenso, due movimenti nulli sul piano degli ideali.

   Glorifica e beatifica i politici antifascisti senza riserve e senza obiezioni, arrivando a sostenere che il prosciugamento delle paludi Pontine fu avviato da Pio V e “completato” dal fascismo. Badiamo alle proporzioni del “completamento”, sulla scorta di dati numerici, inconfutabili persino per il nostro: Latina nel 1921 contava 1.812 abitanti e nel 1936 19.654, Pontinia nel 1931 328 e 5 anni dopo 3.928, Sabaudia nei 2 momenti campione 947 e 4.890.

   Dell’intero lavoro giova trattenere, in chiusura, come imperativo la citazione di Rutilio Namaziano “Fecisti patriam diversis gentibus unam”, troppo di frequente messa in discussione o i versi di Carlo Porta, che nella nostra lingua nazionale suonano: “O Italia disgraziata a che serve andare a prendersela con i morti mentre il torto di essere così stracciona è tutto tuo, nemica giurata di te stessa!”.  


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Corinaldo: una grande tragedia, una società da cambiare

di Adriano Tilgher

Sproloqui, paroloni, lacrime, dolore all’immane tragedia di Corinaldo. Poi guardi la foto di quegli adolescenti morti e diventi triste e una rabbia cieca e sorda ti assale. Possibile che dei quasi bambini debbano morire in quel modo?  È concepibile che dei genitori abbiano potuto accompagnare o addirittura mandare soli dei minorenni in quella bolgia infernale per sentire un tizio autolesionista che canta canzoni stupide piene di oscenità e votate al male?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Su Sfera Ebbasta

Corinaldo è un comune italiano di circa 5000 abitanti nella provincia di  Ancona, famoso per aver dato i natali a Santa Maria Goretti, da sabato  scorso il nome del piccolo comune sarà legato ad un altro Martirio,  quello di 5 adolescenti ed una giovane madre, martirizzati in nome di  una società, che più che "Dei Consumi" consuma, e più che libertaria, è  divenuta libertina.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.