8 marzo

Non so se mi devo vergognare, ma in questa epoca di relatività assoluta a me continuano a piacere le donne. E mi piacciono tutte a prescindere dalla loro avvenenza fisica o dal loro fascino. Mi piacciono per il loro mondo diverso dal mio, per i loro desideri diversi dai miei, per la loro profonda femminilità fatta di mistero e passione, per un universo tutto da scoprire che si intravvede nella profondità dei loro occhi. E quando questo universo si inizia a disvelare ti rendi conto che è ancora più profondo e la tua felicità sta nel perdersi insieme in questo enorme caldo mare.

Ma quante sono le donne, quante femmine sono consapevoli del loro essere donne, della loro forza, della loro profondità. Spesso si perdono nel volere imitare e scimmiottare gli Uomini, quest’altra genia di esseri in via di estinzione che ritengono che il loro ruolo sia legato esclusivamente ai loro genitali e confondono l’uomo con il maschio e non capiscono quali ricchezze perdono nel non vedere tutto il mondo che si nasconde dietro gli occhi di una donna.

Oggi voglio festeggiare le Donne e voglio ringraziarle per i sogni che ci regalano e per le sorprese che ci riservano. Siate orgogliose di essere Donne, difendete e preservate il vostro mondo, ma non rinunciate mai ad essere voi stesse perché noi abbiamo tanto bisogno di voi e possiamo donarvi tutto quello che desiderate.

Io vi idealizzo ma voi cercate di rimanere degne di questa idea.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

.

Il risveglio dello spirito nazionale

di Adriano Tilgher

 In mezzo all’enorme malessere generale, che pervade tutti i popoli, si manifesta, anche se in modo deviato, negativo, a volte confuso, la tensione dell’umanità verso un mondo diverso, verso dei legami che trascendano il semplice rapporto societario o di affari proprio della società mercantile.

Leggi tutto...

Video

Il Bastian Contrario

 

Si cena presto a casa

… ad attaccare manifesti.

Si cena presto a casa. Mio padre accende la radio sulla musica classica. Non vuole la televisione; bastano i libri a riempire la serata. (Quando, infine, su sollecitazione di mia madre si deciderà a comprarla, primavera del 1969, pochi mesi dopo verranno tre poliziotti in borghese a portarmi via.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.