Lega, resa dei conti dopo il voto nei Comuni

Le previsioni di un paio di mesi fa, quando cominciavano i primi malumori interni nei confronti di Matteo Salvini, si stanno avverando: nella Lega è iniziata una guerra fratricida, che potrebbe portare, a breve, alla rimozione dell’attuale Capitano.

A far emergere con chiarezza la situazione è stata un’intervista al Presidente del Veneto, Luca Zaia, il quale ha detto, senza se e senza ma, che la linea vincente, all’interno del Carroccio, è quella dei Governatori. Nessuna presa di posizione ufficiale contro Salvini, ma un’aperta sconfessione della sua linea polemica sul Green Pass, che il Governo sta rendendo obbligatorio praticamente ovunque.

Ovviamente, le parole di Zaia hanno scatenato una ridda di voci, ipotesi e illazioni e hanno indotto i retroscenisti dei giornaloni di regime a disegnare un futuro catastrofico per la Lega e per Salvini, tanto che lo stesso Zaia si è dovuto affrettare a precisare che la sua era una semplice intervista, senza doppi fini e che tutte le interpretazioni che ne sono seguite sono soltanto “una montagna di fantasie”. Una presa di distanza, che non cambia, però, la sostanza delle cose dette (ad esempio: “Come Lega siamo entrati maldestramente nel confronto sui vaccini”), da cui emerge un forte disagio per le “uscite” di Salvini.

Così, l’appuntamento elettorale del 3 ottobre, quando si voterà in tutta Italia, per rinnovare i sindaci di città importantissime (a partire da Roma, Milano e Napoli), diventa decisivo e può rappresentare l’inizio della fine per Salvini, come leader della Lega.

I sondaggi, infatti, dicono che per i candidati del centrodestra andrà male un po’ ovunque e che al Sud la Lega sarà bastonata in modo pesante. Non è difficile immaginare che, se le cose andranno davvero così, una parte consistente del Carroccio, che fa riferimento non solo ai Governatori, ma anche al ministro Giancarlo Giorgetti, vorrà un Congresso in tempi rapidissimi, con l’obiettivo di sostituire l’attuale Capo.

Certo, nessuno disconosce il gran lavoro svolto da Matteo Salvini in questi anni. Come quel sottosegretario del Governo Draghi, che, a microfoni spenti, dice che “Matteo ha fatto un miracolo a portare la Lega sopra il 30 per cento”. Peccato, però, aggiunge lo stesso sottosegretario, “che poi abbia perso la bussola, a partire dalla tragica estate del Papeete… Da allora in poi non ne ha più azzeccata una e, se fosse stato per lui, non sarebbe entrato nemmeno nel Governo Draghi… Lo ha costretto Giorgetti, spiegandogli che, in caso contrario, gli industriali del Nord si sarebbero rivoltati”. 

Il destino di Salvini, insomma, è legato, almeno nel futuro prossimo, al voto amministrativo. Ma in pochi scommettono su di lui e sono in molti, ormai, a vedere presto lo stesso Giorgetti al suo posto: la resa dei conti, in casa del Carroccio, è alle porte.

 

Immagine: www.ilfattoquotidiano.it


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Cretini? Forse. Traditori? Possibile

di Adriano Tilgher

La nostra Italia vive un momento difficile, molto difficile. Ma le cause non sono solo la pandemia e la crisi economica che ne consegue è, anche e soprattutto, il modo di agire della nostra classe dirigente, sia politica che amministrativa che tecnica. Ancora non si è capito o si finge di non capire che il Covid e le sue varianti sono qualcosa con cui si deve convivere finché non si troveranno delle cure appropriate, che, a mio avviso, si sarebbero già trovate se si fosse dato seguito alle indicazioni dei tanti coraggiosi medici che sul campo hanno, in numerosi casi, sconfitto la malattia. Invece si è preferito dare seguito al leggendario “vaccino” che non solo ci è costato tanto, ma non risolve il problema, perché da sempre scarsamente efficace e soprattutto i suoi effetti, per il momento solamente lenitivi, decadono in tempi molto brevi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I biscotti di Korzybski

Primo dopoguerra, durante una lezione, all' "l'Institute of General Semantics," il suo fondatore il, filosofo e matematico polacco Alfred Korzybski si interruppe prese dalla sua borsa un pacchetto di biscotti avvolto in un foglio bianco e ne offrì agli studenti, dopo che molti avevano mangiato e gradito, Korzybski tolse il foglio bianco mostrando l'etichetta, sulla quale c'era scritto “biscotti per cani”. Gli studenti vedendo il pacchetto rimasero scioccati, alcuni si precipitarono verso i bagni tenendo le mani davanti alle bocca. L’inventore della “Semantica Generale” (GS) voleva dare dimostrazione pratica del fatto che gli esseri umani non si nutrono solo di cibo, ma anche di parole, in pratica è la lingua che determina la nostra visione del mondo. Ciò va a vantaggio di chi voglia operare una ridefinizione del mondo percepito tramite il linguaggio, come superbamente descritto da Orwell nel suo “1984”:

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.