Il Centrodestra e il Campidoglio: occasione irripetibile

La domanda sorge spontanea: il centrodestra ha deciso di perdere, per l’ennesima volta, la corsa al Campidoglio? Da mesi, infatti, va avanti un tira e molla inaccettabile tra Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega, per scegliere chi candidare a sindaco, ma la cosiddetta “quadra” non si trova mai. Le frizioni locali sono acuite da quelle nazionali: il partito di Meloni e Rampelli (FdI) è all’opposizione del Governo Draghi, di cui sono, invece, parte integrante gli eredi di Berlusconi e Salvini. Le cose, perciò, si complicano giorno dopo giorno e, alle porte dell’estate, ancora non c’è un accordo sul nome da lanciare per le elezioni comunali, che si terranno in autunno.

Si dirà che a sinistra le cose non vanno meglio, perché alla fine il Pd si è dovuto quasi rassegnare a scegliere l’ex ministro Gualtieri, il cui “appeal” presso l’elettorato è pari a zero. E che lo stesso Gualtieri dovrà lottare non solo contro il sindaco uscente, Virginia Raggi, e il candidato del centrodestra, ma anche contro un altro ex ministro, Carlo Calenda, peraltro eletto europarlamentare proprio nelle liste Pd, anche se ora ha creato un nuovo partito (Azione).

Il punto è proprio questo: con una sinistra così frammentata e con un sindaco uscente imbarazzante – indiscutibilmente, la peggiore della storia della Capitale – per il centrodestra ci sarebbero davvero tutte le condizioni per tornare a guidare Roma. Ovviamente, andrebbe scelto un candidato forte e autorevole: esattamente quello che i tre partiti dell’alleanza sembrano non voler fare. I nomi che girano, dopo mesi di liti interne, sono francamente inquietanti.

Prima si è parlato di Bertolaso, l’ex capo della Protezione Civile nell’epoca di Berlusconi presidente del Consiglio, già riesumato per attuare la campagna vaccinale anti-Covid in Lombardia; poi qualcuno ha cercato di mettere in pista Maurizio Gasparri, storico esponente dell’Msi, successivamente di Alleanza Nazionale e attualmente senatore di Forza Italia, un uomo che, con tutta la buona volontà, non appare come un campione di simpatia e capacità, tale da far convergere su di sé i voti dei romani; alla fine, l’idea partorita da Giorgia Meloni è stata quella di “sparigliare”, proponendo il nome di un “civico”, l’avvocato-professore Enrico Michetti.

Michetti è, senza dubbio, un professionista di estremo valore, che ha un minimo di notorietà, perché interviene, ogni mattina, ai microfoni di Radio Radio, anche su temi politici. Ma non si è mai cimentato in alcun confronto elettorale e Roma, invece, ha bisogno di un politico vero. E anche bravo. Perciò, nella corsa al Campidoglio dovrebbero confrontarsi i leader dei partiti, a partire dalla romanissima Meloni, e non uomini, come il professor Michetti, che sarebbero ottimi capi di gabinetto, ad esempio, ma che, come sindaco, paiono destinati allo stesso fallimento vissuto da Marino o dalla Raggi. Che è stato, poi, il fallimento di tutta la città.

In definitiva, il futuro della Capitale d’Italia appare tutt’altro che roseo. Comunque vada questa sfida, la “macchina” del Campidoglio finirà nelle mani sbagliate. Calenda, il primo a essersi candidato, ha già dimostrato la sua pochezza da ministro, al pari di Gualtieri: sono entrambi inadeguati a ricoprire incarichi politici importanti. Della Raggi inutile parlare: basta fare un giro per Roma, per comprendere l’entità del disastro che si lascerà alle spalle. Michetti (o un profilo analogo) potrebbe essere un buon dirigente del Campidoglio, non di più.

L’unica speranza è che il centrodestra, alla fine, comprenda che l’occasione è irripetibile e faccia scendere in campo un pezzo da Novanta, non un Gasparri o un Michetti qualsiasi. E che restituisca, così, a Roma e ai romani, la speranza di un rilancio che, al momento, appare davvero lontano.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il cappio al collo

Di Adriano Tilgher

Un vero cappio quello che il “salvatore dell’Italia”, Mario Draghi, ci sta mettendo al collo con le linee guida per l’utilizzo degli oltre 200 miliardi che stanno arrivando dalla UE. Questi soldi, non solo indebiteranno le nostre future generazioni, ma sono vincolati sia nell’utilizzo, che alle riforme da attuare. Utilizzo e riforme potentemente condizionati dalla volontà dei tecnocrati di Bruxelles. Su queste basi si muovono sia la riforma Cartabia della giustizia, in parte inutile perché non tocca temi fondamentali, quali la separazione delle carriere ed altro, in parte dannosa, perché restringe i margini del giusto processo, sia la legge Zan, una legge che discrimina, penalizza, diventa fonte di odio.

 

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carlo Vichi - imprenditore, genio e galantuomo

“Il futuro non è più quello di una volta” (Paul Valery)

21 ottobre 1422 con la morte di Carlo VI di Francia detto "Il folle" viene pronunciata per la prima volta una locuzione universalmente riconosciuta, utilizzata per annunciare la morte di un sovrano e contemporaneamente annunciarne un successore. «Le Roi est mort, vive le Roi!», (Il Re è morto, lunga vita al Re!). Il 2 giugno 1992, nel porto di Civitavecchia il panfilo personale della Regina Elisabetta, Il Royal Yacht “Britannia”, era in attesa di imbarcare importanti ospiti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Su quel panfilo, fu decisa la privatizzazione dell’Italia e la progressiva distruzione dell'imprenditoria Nazionale. A bordo, oltre a finanzieri banchieri e dirigenti di multinazionali, un noto comico italiano, che pochi anni dopo fonderà un partito Politico con l'intento di intercettare un’eventuale dissenso a questa strategia. Ad introdurre il consesso, l'allora direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui ad aprire i lavori, con una relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni. La piccola e media impresa Nazionale deve essere aiutata nelle pratiche di fallimento, e svenduta sul mercato internazionale. Il nostro paese ha dato natali ad imprenditori visionari e spesso controcorrente, fra i tanti pensiamo ad Adriano Olivetti o Gaetano Marzotto, uomini semplici, "Self-made man", come canonizzato dalla cultura Statunitense. Uno degli ultimi eroi dell'imprenditoria Italiana, un bastian contrario, come piace a noi, si è spento nella sua città adottiva Milano circa un mese fa, il 20 settembre 2021, all’età di 98 anni, Carlo Vichi, leader indiscusso delle Tv a tubo catodico, che con la sua M.I.V.A.R. negli anni 80 e 90, entrò praticamente in tutte le case degli italiani, offrendo un prodotto economico ed allo stesso tempo tecnologicamente all'avanguardia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.