La Meloni, i sondaggi e le scelte sbagliate

Lo avevamo scritto in tempi non sospetti: Giorgia Meloni, inebriata dai sondaggi, si sta montando la testa. A distanza di un paio di mesi, è arrivata la conferma: la leader di Fratelli d’Italia, ormai, vive su un altro pianeta e ritiene che il consenso di oggi si trasformerà automaticamente in un trionfo elettorale, nel 2023, quando finalmente si dovrebbe tornare a votare. Così, respinge sdegnata ogni proposta di candidatura per ruoli diversi da quello di presidente del Consiglio.
Chi meglio di Giorgia Meloni potrebbe rappresentare il centrodestra nella corsa per il Campidoglio? O, in alternativa, per la successione di Zingaretti alla Regione Lazio? Certamente nessuno, soprattutto in un momento storico in cui tutto congiura a favore del partito targato Meloni-Rampelli, “volato” in doppia cifra e, attualmente, addirittura accreditato di maggiori consensi del Pd.

Proprio queste “lievitazioni” veloci, però, dovrebbero mantenere con i piedi per terra la leader venuta dalla Garbatella, perché, come insegnano esempi recentissimi (leggi Renzi o Movimento Cinque Stelle), si fa presto a passare da numeri in doppia cifra allo zero del prefisso telefonico o giù di lì. Chi lievita così rapidamente, infatti, spesso si sgonfia in modo ancor più veloce, ora che la politica non ha nulla di solido (nessun ideale, nessun leader di grande caratura) e tutto è liquido. Basta una piccola falla e il serbatoio di voti resta a secco, in men che non si dica.

Eppure lei, la verace Giorgia, un tempo con lo sguardo truce e oggi sempre sorridente, a favore di telecamere, non vuole sentire ragioni: “Potrei fare il premier. Mi candido a governare la Nazione”, ha detto di recente. E a chi le suggerisce di cominciare dalla sfida romana, lei replica secca: “Chi mi propone la corsa per il Campidoglio, mi si vuole togliere dai piedi”.

È chiaro, insomma, che Giorgia ritiene più che possibile la scalata dalla Garbatella a Palazzo Chigi, forte anche dei tanti lacchè che la circondano. A cominciare dall’imbarazzante capogruppo alla Camera, il cognato Lollobrigida, o dall’inquietante figlia di Rauti, nonché ex moglie di Alemanno: tutti i giorni ce li dobbiamo sorbire “dichiaranti” nei tg nazionali, mascherati col tricolore, sempre pronti a esaltare la patria e la famiglia. Difficile, del resto, dargli torto: senza la famiglia, non solo non avrebbero trovato posto in Parlamento, ma probabilmente nemmeno un posto di lavoro.
Ecco, la signora Meloni dovrebbe comprendere che, con questi compagni di viaggio, andrà poco lontano. Soprattutto se non partirà da una base molto forte, quale sarebbe una vittoria alle elezioni per il nuovo sindaco di Roma. Seguita, magari, da anni di buongoverno, che “resuscitino” una Capitale agonizzante. Questo, sì, sarebbe il viatico per candidarsi, poi, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Pretendere, invece, di correre per Palazzo Chigi, peraltro litigando con Tajani e Salvini due anni prima del voto, non sembra una scelta intelligente.

Quasi impossibile, però, farlo comprendere a un personaggio che ha un ego smisurato e che, ormai, ragiona e sceglie soltanto con l’obiettivo di salire sempre più nei sondaggi. Esattamente lo stesso errore compiuto, qualche anno fa, da Renzi, poi precipitato vorticosamente, fino a ritrovarsi con un partitino che non raggiunge il 2 per cento. Ma anche quello compiuto dallo stesso Salvini, nella famosa estate del Papeete, quando perse la possibilità di restare al governo. Da allora, il Matteo leghista si è ripreso, ma ne ha azzeccate sempre meno.

Nelle prossime settimane, dunque, assisteremo ancora alla farsa della scelta del candidato del centrodestra per Roma, da cui potrebbe uscire il ticket Bertolaso-Colosimo. Sarebbe un’altra vittoria di Pirro della Meloni, che vuole imporre la consigliera regionale (livello infimo) come vice dell’ex capo della Protezione Civile. Il centrodestra, infatti, andrebbe dritto verso una nuova sconfitta e la Meloni si metterebbe definitivamente contro Rampelli, che ha “creato” la Colosimo, che poi lo ha poco elegantemente scaricato, per “filtrare” con la rampante Giorgia.

Peccato, però, che il serbatoio di voti dei Fratelli d’Italia, a Roma, sia quasi tutto in mano all’ala rampelliana. Insomma, proprio il “no” della Meloni a Roma e le sue scelte successive potrebbero portare alla rottura definitiva di Giorgia Meloni con Fabio Rampelli. E questo - per la regina dei sondaggi - rappresenterebbe, senza se e senza ma, l’inizio della fine.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il cappio al collo

Di Adriano Tilgher

Un vero cappio quello che il “salvatore dell’Italia”, Mario Draghi, ci sta mettendo al collo con le linee guida per l’utilizzo degli oltre 200 miliardi che stanno arrivando dalla UE. Questi soldi, non solo indebiteranno le nostre future generazioni, ma sono vincolati sia nell’utilizzo, che alle riforme da attuare. Utilizzo e riforme potentemente condizionati dalla volontà dei tecnocrati di Bruxelles. Su queste basi si muovono sia la riforma Cartabia della giustizia, in parte inutile perché non tocca temi fondamentali, quali la separazione delle carriere ed altro, in parte dannosa, perché restringe i margini del giusto processo, sia la legge Zan, una legge che discrimina, penalizza, diventa fonte di odio.

 

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Carlo Vichi - imprenditore, genio e galantuomo

“Il futuro non è più quello di una volta” (Paul Valery)

21 ottobre 1422 con la morte di Carlo VI di Francia detto "Il folle" viene pronunciata per la prima volta una locuzione universalmente riconosciuta, utilizzata per annunciare la morte di un sovrano e contemporaneamente annunciarne un successore. «Le Roi est mort, vive le Roi!», (Il Re è morto, lunga vita al Re!). Il 2 giugno 1992, nel porto di Civitavecchia il panfilo personale della Regina Elisabetta, Il Royal Yacht “Britannia”, era in attesa di imbarcare importanti ospiti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Su quel panfilo, fu decisa la privatizzazione dell’Italia e la progressiva distruzione dell'imprenditoria Nazionale. A bordo, oltre a finanzieri banchieri e dirigenti di multinazionali, un noto comico italiano, che pochi anni dopo fonderà un partito Politico con l'intento di intercettare un’eventuale dissenso a questa strategia. Ad introdurre il consesso, l'allora direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui ad aprire i lavori, con una relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni. La piccola e media impresa Nazionale deve essere aiutata nelle pratiche di fallimento, e svenduta sul mercato internazionale. Il nostro paese ha dato natali ad imprenditori visionari e spesso controcorrente, fra i tanti pensiamo ad Adriano Olivetti o Gaetano Marzotto, uomini semplici, "Self-made man", come canonizzato dalla cultura Statunitense. Uno degli ultimi eroi dell'imprenditoria Italiana, un bastian contrario, come piace a noi, si è spento nella sua città adottiva Milano circa un mese fa, il 20 settembre 2021, all’età di 98 anni, Carlo Vichi, leader indiscusso delle Tv a tubo catodico, che con la sua M.I.V.A.R. negli anni 80 e 90, entrò praticamente in tutte le case degli italiani, offrendo un prodotto economico ed allo stesso tempo tecnologicamente all'avanguardia.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.