Il datore di lavoro non può imporre alcun obbligo vaccinale

Con ordinanza del 19.3.2021 il Tribunale di Belluno ha rigettato il ricorso proposto  dal personale sanitario di una RSA che si era opposto alla somministrazione del vaccino contro l’agente patogeno Sars-Cov2. Precisamente per il Giudice risulta essere assente il riferimento alla possibile sospensione dei lavoratori senza retribuzione nonché ad una possibile azione di risarcimento poiché i ricorrenti non hanno provveduto ad allegare alcun elemento dal quale desumere, in tal senso, l’intenzione del datore di lavoro.

Nonostante questo il Giudice sostiene «che nel caso di specie prevale sull’eventuale interesse del prestatore di lavoro ad usufruire di un diverso periodo di ferie, l’esigenza del datore di lavoro di osservare il disposto di cui all’art. 2087 c.c.».

Si tratta della prima pronuncia che affronta la problematica riguardante la possibile imposizione da parte del datore di lavoro del trattamento vaccinale nonostante la dottrina giuslavoristica si fosse già interrogata a riguardo.

A partire dal momento in cui si sono rese disponibili in Italia le prime dosi del vaccino contro l'agente virale Sars-Cov2, infatti, alcuni giuslavoristi (il prof. Ichino in primis) hanno fatto leva sull'art. 2087 del vigente Codice civile italiano, norma di chiusura del sistema infortunistico, e sull'art. 279 del d.lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni per giustificare, da parte del datore di lavoro, la facoltá di imporre il trattamento vaccinale. Ora, ad avviso di chi scrive, in assenza di una legge, risultato di una libera valutazione del legislatore (sentt. n. 370/1990, n. 258/1994, n. 118/1996 e n. 5/2018), che ne stabilisca l'obbligatorietà conformemente alla previsione del comma 2 dell'art. 32 della Costituzione repubblicana vigente, non é possibile utilizzare le disposizioni normative sopra citate in quanto si determinerebbe una "iperestensione" potenzialmente arbitraria del potere datoriale che, in questo modo, andrebbe a sostituirsi illegittimamente al legislatore nel bilanciamento tra tutela individuale della salute e tutela collettiva.

Si deve poi evidenziare come la stessa Corte costituzionale abbia sostenuto la necessità di realizzare un corretto bilanciamento tra la salute individuale e collettiva e che quest’ultimo richieda la predisposizione di una articolata normativa di carattere tecnico diretta ad individuare le possibili complicazioni derivabili dalla vaccinazione disponendo gli strumenti diagnostici idonei a prevedere la concreta fattibilità della somministrazione vaccinale medesima (Corte cost. n. 248/1994).

Attualmente non esiste alcuna disposizione di legge disciplinante la somministrazione del vaccino contro il Covid-19.

 

Il presente articolo è stato redatto in collaborazione con: Prof. Avv. Augusto Sinagra e Dott.ssa Camilla Della Giustina

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L’Italia com’è e come dovrebbe essere

di Adriano Tilgher

È imbarazzante leggere i quotidiani italiani. Tutte notizie senza alcuna rilevanza in prima pagina. Oggi fa da padrone il calcio con il campionato e la fine della super lega: un tentativo delle squadre ricche di decollare in imitazione dell’attuale sistema di potere.  Tentativo fallito ma emblematico della volontà razzista e monetariamente selettiva dell’attuale società che ci propone un unico mito, un solo valore: la ricchezza e il denaro. Il tutto con la borsa che dà il suo consenso.

Tutto il resto non conta; il resto, quello cioè che non è funzionale ai nuovi signori del mondo, non viene citato ma dominano solo i falsi riferimenti che si suppone gratifichino l’edonismo della gente comune, soprattutto quella educata dalla televisione di sistema.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Ti spedisco in Convento

Da anni non guardo più la tv "generalista" ma fra una riunione, mille telefonate, articoli da scrivere, post da rivedere, ogni tanto seguo una mia vecchia passione, quella del cinema, e dei prodotti televisivi, passione ereditata da un antico mestiere, quello del "Videotecaro", infatti ho esercitato la nobile professione dal 1984 sino al 1995. Nei VHS come nei libri, dischi e fumetti, ho dilapidato capitali, sottratti all'impegno politico, di questo chiedo umilmente scusa. Come mi devo scusare con i lettori se oggi parlerò di un argomento futile, un format, parola anglosassone che identifica quelle trasmissioni spazzatura d'oltreoceano che intasano ormai tutti i palinsesti. Per questo ho anche pagato (ben 99 centesimi), in quanto presente su una piattaforma streaming specializzata in documentari. Complice la segregazione, in orario post coprifuoco, mi è caduto l'occhio su Ti spedisco in Convento

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.