Vaccino? Solo se vengono risarciti eventuali danni

Premessa: non siamo contro i vaccini. Al contrario, riteniamo che siano stati e siano uno strumento fondamentale, in particolare per combattere le malattie contagiose. È innegabile, però, che quasi tutti i vaccini abbiano controindicazioni di vario tipo e che, in alcuni casi, abbiano prodotto danni spesso irreversibili ai soggetti cui sono stati inoculati.
Non a caso, una legge dello Stato - la numero 229 del 2005 - stabilisce “disposizioni in materia di indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze irreversibili a causa di vaccinazioni obbligatorie”. E, recentemente, con un apposito provvedimento, è stata adottata la graduatoria degli aventi titolo al risarcimento.

A fronte di queste certezze, è perciò incomprensibile e inaccettabile l’arroganza di quei ministri e di quei sottosegretari del Governo Conte, che non solo chiedono di imporre a tutti il vaccino anti-Covid, ma che ritengono giusto somministrarlo obbligatoriamente agli operatori medici (come sta avvenendo), facendo firmare loro una liberatoria, in base alla quale non potranno chiedere risarcimenti, anche in caso di danni irreversibili.

Insomma, ancora una volta, siamo allo scandalo: da una parte, infatti, lo Stato impone il vaccino a coloro che, in questi mesi, ha definito eroi (medici, infermieri e operatori vari del comparto), dall’altra chiede una firma, affinché nessuno abbia colpe (ne’ lo Stato stesso, ne’ le case farmaceutiche produttrici del vaccino), se qualcosa dovesse andare storto. E, così, a pagare sarebbero, come al solito, gli “eroi”, ai quali, finora, nessuno ha riconosciuto alcunché di concreto: servizi in tv e sui giornali quanti ne volete, pacche sulle spalle e complimenti a milioni, ma sotto il profilo economico niente di niente, come tutte le categorie massacrate dalle chiusure determinate dall’emergenza sanitaria.

Anche nei confronti di chi - in quasi un anno di pandemia - ha rischiato la vita tutti i giorni (e purtroppo spesso l’ha anche persa), il Governo dimostra, dunque, di essere bugiardo e traditore. Del resto, lo scorso anno, a inizio emergenza, tutti gli “espertoni” dichiaravano che, per il vaccino, sarebbe servito almeno un anno e mezzo. Adesso, dopo nemmeno dodici mesi, ce ne sono in giro tre o quattro. Il dubbio che si sia fatto un po’ troppo in fretta è più che legittimo, eppure il vaccino viene iniettato a medici, infermieri e compagnia, pretendendo anche lo scarico di responsabilità. Fortunatamente, c’è già chi si è opposto, rifiutandosi di ricevere il vaccino, firmando, al contempo, la liberatoria.

Vedremo come andranno le cose, se questi vaccini-lampo saranno davvero validi (tutti ce lo auguriamo) o se, come teme qualcuno, l’unico effetto che avranno sarà quello di arricchire ulteriormente qualche casa farmaceutica, qualche finanziere bene informato e qualche traffichino altolocato, politico o dirigente che sia.

La cosa certa, però, è che il popolo italiano non può e non deve accettare di farsi iniettare un liquido, potenzialmente benefico, ma potenzialmente anche molto dannoso, senza che nessuno debba risponderne: se si vuole rendere obbligatorio il vaccino anti-Covid, sia pure per alcune fette di popolazione, dev’essere chiara la responsabilità dei produttori e dello Stato (che lo impone), in caso di danni irreversibili a chi lo riceve. Altre strade non ce ne sono, piaccia o non piaccia ai “signori” del Palazzo, che, già dall’inizio della pandemia, pensavano ai lauti guadagni da vaccino obbligatorio, prenotandone milioni e milioni di dosi.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.