Il Governo "gioca" ma l'Italia è allo sbando

Fanno finta di litigare, si minacciano a vicenda, dicono ai loro servi dei “giornaloni” di scrivere che il Governo è ormai arrivato al capolinea, ma alla fine questi ignobili politici che sostengono il Conte bis sono più uniti di prima: Renzi, Zingaretti, Bersani, Speranza, Di Maio, Conte stesso, Franceschini e compagnia sono un blocco di cemento, coesi e protetti dal Capo dello Stato, che ha fatto e farà di tutto per andare avanti con questo premier e con i suoi dannosi ministri fino al 2023. Tutti hanno un unico scopo: restare sulle loro poltrone, evitando di consultare gli italiani, che avrebbero qualcosina da dire sull’esecutivo giallorosso e su chi, nelle agiate stanze del Quirinale, lo protegge, sperando di essere rieletto, alla scadenza del mandato.

Fuori dal Palazzo, intanto, il Paese boccheggia, il numero dei poveri aumenta e gli aiuti alle categorie massacrate dalle chiusure, dovute a una scellerata gestione dell’emergenza sanitaria, non arrivano. I ristoratori sono alla canna del gas, mentre gli imprenditori del turismo sono addirittura derisi dalle elemosine di un Governo inetto e di politici fuori dalla realtà, come il leader del Pd, Zingaretti, che presiede anche quella Regione Lazio che, come ristoro per la chiusura prolungata, ha pensato di far arrivare 8mila euro agli hotel a cinque stelle, che ne spendono 20/30 mila al mese (quando va bene) solo di affitto.

 Siamo alla follia, insomma, ma Renzi continua a occupare le prime pagine dei giornali per le sue bizze, finalizzate a ottenere qualche spazio di potere in più. Il Bullo fiorentino parla e straparla, dice che sul Recovery Plan si gioca il futuro del Paese, ma non entra nello specifico dei provvedimenti, limitandosi a contestare il metodo: vuole governare anche lui i miliardi che arriveranno, magari per indirizzarli, come faceva con la Fondazione Open, alle sue gentili amiche, allora anche colleghe di governo. Non ha detto, però, il Bullo che il Recovery Plan abbozzato da Conte è una vergogna assoluta, per alcune scelte incredibili, come destinare appena 3 miliardi (su 196) al turismo, che rappresentava (nel 2019) oltre il 13 per cento del Pil nazionale. Poi, con la pandemia e con le cervellotiche decisioni del Conte bis, il turismo è letteralmente sprofondato.

Naturalmente, a Renzi, a Franceschini (che dovrebbe occuparsene) e a Conte delle sorti delle aziende che vivono di turismo importa poco o nulla. Così come Gualtieri non pensa minimamente ad aiutare i ristoratori, che un giorno sì e l’altro pure protestano dalle parti di via XX settembre e di Palazzo Chigi.

Il Paese, insomma, è allo sbando. Ma “Il Fatto Quotidiano” di Travaglio, dove lavorano i più calorosi ultras di Conte e Di Maio, si spertica quotidianamente nelle lodi del premier e dei suoi ministri, soprattutto se grillini. Nessuno di questi signori – uomini di governo, giornalisti-tifosi, parlamentari di maggioranza – si  occupa della situazione drammatica di moltissime famiglie e di decine di migliaia di imprese, ormai destinate alla chiusura: il 2021 rischia di aprirsi con tensioni sociali tragiche, ma tutti guardano altrove. E i “giornaloni” sono pieni delle finte di Renzi, dei moniti di Mattarella, dei tormenti di Conte.

Siamo al capolinea, sì, ma non del Governo, come minacciano questi cialtroni travestiti da politici: siamo alla fine della nostra povera Italia, se non ci sarà subito un sussulto di dignità, da parte di un popolo che si sta abituando anche alla privazione delle libertà personali. Ci facciamo dire da Conte e da Speranza se e dove possiamo andare: è inaccettabile. Mettiamo un punto e ripartiamo da zero. O, meglio, da quella che i “compagni” dicevano essere la più bella Costituzione del mondo, ma che ora, per fame di potere, calpestano, in nome di un’emergenza sanitaria, che stanno utilizzando esclusivamente per i loro fini.

Se vogliamo davvero che il 2021 sia l’anno della ripresa, l’anno della riscossa, ribelliamoci a questa dittatura sanitaria: tuteliamo la nostra e l’altrui salute, ma facciamo in modo, tutti insieme, che nessuno tocchi più, in alcun modo, i nostri diritti costituzionali. A partire dalla libertà.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

C'è ancora un governo in Italia?

di Adriano Tilgher

Ci hanno fatto vivere due giorni di “suspense”, secondo loro. Il governo Conte cade o non cade? I numeri ci sono, non ci sono, il mercato delle vacche (alcune autentiche, con tutto il rispetto per l’animale sacro agli Indiani), i costruttori, i distruttori, i responsabili, gli irresponsabili… Parole, tutte vere, tutte false, tutti ad accapigliarsi ma per cosa? Per andare a votare? Come se non sapessimo che anche con il voto nulla cambierebbe, tutte le forze in campo sono controllate, nessuno ha un autonomo progetto politico, tutti sono liberisti o, per lo meno, nessuno ha il coraggio di condannare apertamente liberismo e globalizzazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Confessioni di un fazioso

2006 lo storico leader politico Missino Tomaso Staiti di Cuddia delle Chiuse dà alle stampe per Mursia "Confessione di un fazioso" un vero atto d'amore (tradito) per un'Idea, per una comunità, e per un'area di riferimento che è storicamente anche la mia. In questo testo fondamentale, e nel successivo "Il Suicidio della destra - Non uno schianto ma una lagna", ci mostra una carrellata irriverente del Phanteon missino e post missino. Purtroppo nella mia avventura politica mi sono incrociato con "il "Barone nero" solo 2 volte, nel 1984 dove giovane segretario sezionale Toscano di area Niccolai cercai di promuoverne l'elezione alla Segreteria contro Giorgio Almirante, e nel 2008 quando accettò la candidatura nelle tre circoscrizioni Lombarde per "La Destra", partito dove militavo. Ne uscì un anno dopo, quando si capì che Storace strizzava l'occhio al "Popolo delle Libertà", io sono stato meno coraggioso, e l'ho fatto solo nel 2013. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.