In memoria di Jole Santelli

Lo scorso 15 ottobre se n’è andata Jole Santelli, presidente della Regione Calabria da pochi mesi, ex deputata (dal 2001 al 2020) ed ex sottosegretario alla Giustizia e al Lavoro. Era giovane, 51 anni, ma era una veterana della politica, avendo aderito nel lontano 1994 al Partito Socialista Italiano e, successivamente, a Forza Italia, da cui si era allontanata solo per una breve parentesi, quando da maggio a dicembre 2013 entrò, appunto come sottosegretario al Lavoro, nel governo di Enrico Letta. Dal 2016 al 2019, infine, era stata vicesindaco di Cosenza.

In queste poche righe non vogliamo ricordare la figura di Jole Santelli, donna combattiva e tenace, che fino all’ultimo giorno ha lavorato per i suoi conterranei, malgrado la malattia l’avesse ormai piegata. Vogliamo sottolineare, piuttosto, l’atteggiamento vergognoso che hanno assunto, nei suoi confronti, soprattutto dopo la vittoria in Calabria, uomini politici e commentatori televisivi e della carta stampata, molti dei quali, dopo la sua morte, si sono affrettati a tesserne le lodi e a farci sapere del loro “profondo dispiacere”. Mostrando, una volta di più, tutta la loro ipocrisia.

Inutile spendere parole su Zingaretti, Di Maio e altri poveracci della politica, opportunisti pronti a tutto: dopo aver attaccato la Santelli in vita, hanno indossato la faccia sgomenta e affidato a freddi comunicati tutto il loro “dolore” per la sua morte. Ipocriti, come detto, che non meritano nemmeno menzione.

Chi si è sempre distinto, invece, per articoli al vetriolo contro Jole Santelli è stato, guarda caso, Marco Travaglio. Al quale si sono accodati, ovviamente, tutti suoi cagnolini più fedeli, a partire da Andrea Scanzi e Selvaggia Lucarelli (personaggi di livello, insomma…). Travaglio ha detto e scritto cose terribili di Jole Santelli, attaccandola violentemente quando la Governatrice aveva autorizzato la riapertura dei bar negli spazi esterni in Calabria. Bocciata dal Tar, la Santelli disse: “E’ una vittoria di Pirro. Con la mia ordinanza ho aperto il dibattito. Non ho avuto suggeritori”. Frase indigesta per Travaglio, che titolò: “Vittoria di Pirla. Il Tar ferma la Calabria sui bar”. E, riferito al commento della Governatrice, scrisse, con la consueta eleganza: “Le cazzate sono solo sue e se ne vanta”.

Naturalmente, a Travaglio si accodò subito, scodinzolante, Selvaggia Lucarelli: “Santelli è l’Emiliano Zapata del Dpcm… chissà quanto era convinta di strappare consensi, di trascinare le folle in strada, di guidare la rivoluzione del cappuccino... I cittadini calabresi le hanno detto: questa ha sniffato il reagente per i tamponi”. Tacciamo, per pietà, gli insulti di Scanzi: parole scontate, da persona isterica, che non vale nemmeno la pena ricordare

Ecco, questo è il livello degli attacchi che ha dovuto subire Jole Santelli da questi cialtroni con la penna, che ovviamente non hanno chiesto scusa, quando la politica calabrese è venuta a mancare. E, come se non bastasse, c’è stato qualche grillino (in particolare un’insegnante ligure, attivista del Movimento 5Stelle), che, alla notizia della morte della presidente della Calabria, ha esultato sul suo profilo Facebook, augurando la stessa fine a Berlusconi e a tanti altri uomini di centrodestra. Il post è stato, poi, rimosso, tanto rapidamente quanto inutilmente, perché ormai lo sdegno si era levato fortissimo contro questa gentile signora.

Jole Santelli, dunque, non sarà più nell’agone politico, con la sua intelligenza e la sua voglia di far valere i diritti dei cittadini. Ci saranno ancora, purtroppo, i tanti volti inutili – da Conte a Renzi, passando per Gualtieri e compagnia – che riempiono le nostre tv e i giornali, insieme, ovviamente, a “scienziati” come i citati Travaglio, Scanzi e Lucarelli. E questa non è una bella notizia per chi sogna un’Italia nuova, un’Italia più forte, un’Italia più giusta.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La giornata contro la violenza sulle donne

di Andrea Brizzi

Il 25 novembre di ogni anno ricorre la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, tema scottante quello della violenza di genere, che ogni anno non manca di suscitare polemiche e barricate dall’una o dall’altra parte. Già il parlare di una parte piuttosto che di un’altra, identifica un problema di natura culturale, di fronte al quale ogni evento, manifestazione e quant’altro risulta inutile, se non dannoso, di fronte alla natura stessa della situazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Planando sopra boschi di braccia tese

È il 24 novembre 2020: puntuale come le zanzare o l'ennesima ondata covid si torna a parlare di Lucio Battisti come "Pericoloso Fascista", a rimestare il calderone questa volta è Aldo Giannulli, ex collaboratore di Avanguardia operaia, il manifesto, Liberazione, l'Unità e attualmente editorialista della rivista di geopolitica Limes. Giannulli rilascia una intervista al sito “Rockol.it” dove dichiara: "Nel corso di un’indagine della Procura della Repubblica di Milano sulle stragi degli anni Settanta mi sono imbattuto in una serie di documenti dell’Ufficio Affari Riservati, il servizio segreto del ministero dell’Interno. Tra quei fogli vi era un’informativa che indicava Lucio Battisti come sovvenzionatore del Comitato Tricolore, organizzazione fondata da Mario Tedeschi, senatore del Movimento Sociale Italiano e direttore del settimanale Il Borghese, per aiutare gli attivisti di estrema destra che avevano guai con la giustizia. Il Comitato Tricolore svolgeva in sostanza a destra le funzioni che a sinistra erano prerogativa del Soccorso Rosso".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.