Ripartono le cartelle esattoriali, Salvini e Meloni non pervenuti

Giorgia Meloni, fresca di nomina a leader dei sovranisti europei, allertata da un noto ristoratore laziale, non si è nemmeno degnata di rispondere; un esponente della Lega, contattato lo scorso fine settimana, ha risposto che “se ne riparla lunedì, oggi siamo tutti concentrati sul processo a Salvini”; di Forza Italia, inutile dire, perché è un partito in via di estinzione, se non già scomparso. Questo è il desolante quadro dell’opposizione al Governo Conte bis, che emerge netto su un tema decisivo per moltissime imprese e per milioni di cittadini: la sospensione delle cartelle esattoriali di Agenzia Entrate Riscossione. Se non ci saranno novità, infatti, dal 16 ottobre partiranno 9 (nove) milioni di cartelle, che si abbatteranno come un macigno su famiglie e aziende, già ridotte praticamente sul lastrico.

 

Nessuno sperava in un nuovo stop deciso spontaneamente dal ministro dell’Economia, Gualtieri, messo lì da Merkel e Macron, ma quantomeno che, su un argomento che dovrebbe essere uno dei loro cavalli di battaglia, almeno Salvini e Meloni facessero fuoco e fiamme. E invece niente.

 

I due, come sempre, sono stati avvistati spesso in tv, ma alle cartelle esattoriali hanno fatto solo rapidi accenni: Salvini è troppo concentrato su stesso, sul processo di Catania (una buffonata che non interessa nessuno) e sulla “sua” lotta all’immigrazione selvaggia (altra cosa che, nel momento di una crisi economica tragica, ha decisamente perso appeal presso l’opinione pubblica), per dedicarsi a questo problema. Giorgia Meloni, invece, ormai cammina a un metro da terra, praticamente vola, e certo non può occuparsi di quisquilie come pignoramenti e quant’altro, che non la toccano minimamente.

E’ proprio su temi come questi, invece, che si fa la differenza, che si dimostra di essere, senza se e senza ma, dalla parte del popolo. E’ troppo facile dire “noi abbiamo proposto la sospensione, ma il Governo non ci ascolta” e poi infischiarsene: pur di non far partire nove milioni di cartelle esattoriali, in un momento storico come quello che stiamo vivendo, personaggi come Teodoro Buontempo si sarebbero incatenati in Parlamento, avrebbero fatto di tutto, per contrastare Conte e i suoi ministri, servi dei potentati economici e finanziari. Loro no. Salvini e Meloni hanno altro a cui pensare, partendo dal loro personalissimo derby, per vedere chi ha preso più voti alle Comunali (che, peraltro, hanno fatto segnare una brusca frenata del centrodestra, altro segnale d’allarme, dopo la mancata vittoria alle Regionali).

 

Una volta di più, dimostrano, Salvini e Meloni, di non avere la stoffa per guidare una coalizione alternativa a questa accozzaglia giallorossa, che malgoverna l’Italia da oltre un anno e mezzo e crea danni alle imprese, ai lavoratori, ai cittadini.

Possiamo solo augurarci che, prima del 16 ottobre, ci sia qualche esponente dell’opposizione che faccia davvero il suo mestiere e trascini anche altri parlamentari ad avversare, con ogni mezzo, la scandalosa decisione del Governo di far ripartire la scure di Agenzia Entrate Riscossione.

 

Bisogna fermarli, per non far morire l’Italia: prima che sia troppo tardi, qualcuno di buona volontà si alzi in piedi e blocchi lo scempio della ripartenza delle cartelle esattoriali. I cittadini italiani gliene renderanno merito.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il mondo sta cambiando

di Adriano Tilgher

Il dramma è che il mondo sta cambiando in peggio. Ce ne accorgiamo tutti i giorni dalle insulsaggini che ci raccontano, dall’ignoranza che ci circonda, dalle menzogne che ci propinano i media generalisti, di stato e privati, e dalla cultura che è ormai la grande assente. L’unica cosa grande che riescono a proporci è Il Grande Fratello; quello spettacolo spazzatura, degno di un pubblico pettegolo e guardone, che corrompe gli uomini e le donne, come tutti gli spettacoli montati da quella famiglia di corruttori di anime formata dalla coppia Costanzo-De Filippi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Da Prete Gianni a Prete Giorgio

Ammetto che prima di arrivare ad una cultura alta, ed altra, ho frequentato quella popolare, fatta di cinema, tv, dischi e fumetti, che spesso diventano spunti per parlare di temi e concetti attinenti ad analisi e interpretazioni della realtà divergenti dal sentire comune. Del personaggio di oggi potrei dirvi che ne ho saputo l'esistenza leggendo Il re del Mondo di Renè Guenon, mentirei, l'ho incontrato per la prima volta nel 1973, nelle pagine a fumetti dei "Fantastici 4” pubblicati dall' Editoriale Corno, e l'ho ritrovato anni dopo sempre a fumetti in Martin Mystere della Bonelli. Sto parlando di "Prete Gianni", leggendario sovrano cristiano la cui origine risale alla tradizione medievale. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.