Ama: le cartelle ai ristoratori romani sono una vergogna

Bisogna essere dei geni, dei veri e propri geni: inviare le cartelle con i conguagli della tassa sull’immondizia ai ristoratori – che, dopo tre mesi di chiusura forzata, a causa dell’emergenza sanitaria, adesso devono fronteggiare la mancanza di turisti e la conseguente, drammatica crisi di liquidità – è un’idea davvero straordinaria, che poteva saltare in testa soltanto a “scienziati” come i vertici dell’Ama, l’Azienda romana, che si dovrebbe occupare della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, oltre che del decoro urbano, garantendo una città pulita. Esattamente quello che l’Ama non fa da anni.

L’Ama e il Campidoglio, suo azionista, sembrano, però, essersi specializzati, negli ultimi anni, nella persecuzione dei cittadini della Capitale, con l’invio di onerose cartelle per il servizio (quale??) reso. Adesso, hanno deciso di tartassare i ristoratori romani, che in questi giorni stanno ricevendo conguagli letteralmente folli: si parla di cifre che, in alcuni casi, arrivano a decine di migliaia di euro.

Non entriamo nel merito di quanto richiesto. Certamente ci saranno i presupposti giuridici per avanzare tali pretese, ma soltanto dirigenti sciagurati e con il paraocchi possono avallare l’invio di cartelle tanto esose a una categoria messa in ginocchio dall’emergenza sanitaria e da un Governo sordo e cieco, che, invece di dare sostegno con denaro contante, ha riempito gli imprenditori del settore di promesse, che si sono rivelate pietose bugie.

Lo scenario attuale della Capitale è desolante, con ristoranti che, se va bene, lavorano al 50 per cento delle loro potenzialità, a causa delle norme igienico-sanitarie imposte: tutto giusto, tutto nel rispetto della precauzione, ma qualcuno dovrà pur comprendere che, così, il settore va verso una morte inesorabile. E, se muoiono le imprese della ristorazione, si portano nella tomba tutta una filiera che, prima del Covid, era orgoglio nazionale, oltre che punti di Pil.

Quello che sta avvenendo a Roma, insomma, è l’ennesima vergogna, a danno di una categoria produttiva, che rischia di essere affossata definitivamente. La domanda che ci facciamo è semplice: perché Ama non ricomincia a occuparsi della pulizia della città? Perché non svuota i cassonetti quotidianamente, così da evitare, tra l’altro, che intere famiglie rom vi facciano la “spesa” con bastoni di ferro, senza alcun rispetto delle norme igienico-sanitarie? Perché non ricomincia a pulire strade e marciapiedi, che sembrano percorsi di guerra, con oggetti abbandonati ovunque?

E’ vero, i cittadini, spesso, dimostrano di non avere a cuore la loro città. Ma il Campidoglio, l’Ama e i suoi dirigenti dimostrano di non comprendere il mondo in cui vivono. Dell’ex sindaco Marino si diceva che era un marziano a Roma. Visto quello che sta accadendo oggi, possiamo dire che non era il solo: molti altri marziani sembrano essere atterrati negli uffici dell’Ama e in quelli del Comune, che assiste passivo al massacro dei ristoranti capitolini.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Cretini? Forse. Traditori? Possibile

di Adriano Tilgher

La nostra Italia vive un momento difficile, molto difficile. Ma le cause non sono solo la pandemia e la crisi economica che ne consegue è, anche e soprattutto, il modo di agire della nostra classe dirigente, sia politica che amministrativa che tecnica. Ancora non si è capito o si finge di non capire che il Covid e le sue varianti sono qualcosa con cui si deve convivere finché non si troveranno delle cure appropriate, che, a mio avviso, si sarebbero già trovate se si fosse dato seguito alle indicazioni dei tanti coraggiosi medici che sul campo hanno, in numerosi casi, sconfitto la malattia. Invece si è preferito dare seguito al leggendario “vaccino” che non solo ci è costato tanto, ma non risolve il problema, perché da sempre scarsamente efficace e soprattutto i suoi effetti, per il momento solamente lenitivi, decadono in tempi molto brevi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I biscotti di Korzybski

Primo dopoguerra, durante una lezione, all' "l'Institute of General Semantics," il suo fondatore il, filosofo e matematico polacco Alfred Korzybski si interruppe prese dalla sua borsa un pacchetto di biscotti avvolto in un foglio bianco e ne offrì agli studenti, dopo che molti avevano mangiato e gradito, Korzybski tolse il foglio bianco mostrando l'etichetta, sulla quale c'era scritto “biscotti per cani”. Gli studenti vedendo il pacchetto rimasero scioccati, alcuni si precipitarono verso i bagni tenendo le mani davanti alle bocca. L’inventore della “Semantica Generale” (GS) voleva dare dimostrazione pratica del fatto che gli esseri umani non si nutrono solo di cibo, ma anche di parole, in pratica è la lingua che determina la nostra visione del mondo. Ciò va a vantaggio di chi voglia operare una ridefinizione del mondo percepito tramite il linguaggio, come superbamente descritto da Orwell nel suo “1984”:

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.