Un governo senza vergogna, fino alla fine

Fino alla fine. Non si vergognano nemmeno davanti alla morte, neanche alla notizia del suicidio di un ristoratore, che, angosciato dalla situazione finanziaria del suo locale nel cuore di Firenze, decide di farla finita. È successo, punto e basta.

Conte, Di Maio, Zingaretti, Gualtieri, Renzi e tutti gli altri responsabili morali (e non solo) del gesto estremo di un imprenditore in crisi - a seguito di tre mesi di blocco dell’attività e di una ripresa che non arriva mai, senza turisti - non hanno speso una parola sulla vicenda. Hanno mostrato, ancora una volta, tutta la loro spregiudicatezza, la loro noncuranza del prossimo, la loro feroce determinazione nel mantenere le posizioni di potere a qualunque costo, infischiandosene del disastro sociale che stanno creando, con le loro folli decisioni.

Un ristoratore si uccide? È un problema suo e della sua famiglia. Come se la tragedia non fosse direttamente collegata alla gestione dell’emergenza Covid-19 da parte di un Governo cieco e sordo: da mesi, infatti, i rappresentanti dei ristoratori stanno lanciando appelli all’esecutivo, affinché sostenga uno dei settori più colpiti dalla chiusura forzata e, quel che è peggio, da una ripartenza al 20/30 per cento delle potenzialità, a causa delle norme igienico-sanitarie, che impongono il distanziamento e tutta una serie di precauzioni, che, in buona sostanza, impediscono ai locali di lavorare come potrebbero e dovrebbero, per recuperare quanto perduto durante il cosiddetto lockdown.

Il grido d’allarme disperato è stato sempre ignorato da Conte e dai suoi ministri, anche per quel che riguarda gli affitti: i ristoratori lavorano al 20/30%, ma pagano l’affitto per intero, così come tutte le altre tasse e i mutui. Perché non aiutarli? Una domanda rimasta sospesa: malgrado qualche timida apertura di un paio di sottosegretari, infatti, dal Governo non è mai arrivata una risposta concreta. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti: le saracinesche si abbassano, rischiano di non riaprire mai più e gli imprenditori, disperati, cominciano a pensare (e a fare) gesti estremi.

In uno scenario già squallido, quel che è davvero insopportabile è lo snobismo di alcuni sostenitori di questo sciagurato esecutivo, servi travestiti da giornalisti. A cominciare da Scanzi e Travaglio, due personaggi inquietanti, sempre con la bava alla bocca, quando si tratta di perseguitare, per via giudiziaria, qualcuno che non sia amico loro, ma da tempo zerbini con Conte e Di Maio, sostenuti e, a loro volta, sostenitori del “Fatto Quotidiano”, l’irrilevante foglio per pochi intimi, dal quale i pentastellati hanno addirittura tirato fuori il candidato per le elezioni regionali in Liguria, tal Ferruccio Sansa, guarda caso figlio di un magistrato in pensione ed ex sindaco di Genova, Adriano Sansa. Sulle colonne di questo giornale non troverete mai una riga di critica per l’operato di un esecutivo inutile.
Il dramma è che, insieme a Scanzi e Travaglio, ultras dei 5Stelle, ci sono anche tutti i lacchè di Zingaretti e del suo partito e tutti coloro che, per principio, sono contro Salvini e il centrodestra. Così, c’è una sorta di coro, a difesa di Conte e compagnia: tutti insieme, appassionatamente, fino alla fine. Basti pensare che un ottimo giornalista in pensione, ex inviato di guerra, purtroppo anche lui obnubilato dall’odio per l’avversario politico, intervistato da una radio, ha praticamente derubricato a problema mentale il suicidio del ristoratore fiorentino. Insomma, lasciate lavorare in pace Conte e il Governo, non inventate storie che non esistono.

Ecco, tutto questo dimostra, in modo limpido, ciò che sappiamo da tempo: in Italia c’è un esecutivo nato “contro” qualcuno, Salvini, ed è composto e sostenuto da incapaci totali, a loro volta appoggiati dalla variegata stampa di regime, da un presidente della Repubblica silente e dai potentati economici e finanziari internazionali, pronti ad approfittare della situazione creata da questa banda di inetti, che rischia di costringere migliaia di imprenditori a svendere le loro attività. L’obiettivo di questi sciagurati è semplice: restare al potere il più possibile, senza vergogna, fino alla fine. E se qualcuno si arrende, perché massacrato dai debiti, che colpa ne hanno? Blindati nel Palazzo, non comprendono i danni che stanno facendo al Paese. Se ne accorgeranno presto, tra una ventina di giorni, quando si tornerà finalmente al voto, sia pure per elezioni regionali. Il malcontento popolare li travolgerà. E anche Mattarella, volente o nolente, dovrà prenderne atto.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.