Gli avvoltoi del vaccino anti Covid-19

Il vaccino contro il Covid-19 ancora non c’è, malgrado i giornaloni e le tv “importanti” riferiscano che manca davvero poco: a Pomezia sarebbero in dirittura d’arrivo; allo Spallanzani stanno per partire per i test;  la Cina e la Russia sarebbero pronte a commercializzarne uno prodotto nei loro laboratori; il presidente americano, Donalo Trump, sta distribuendo miliardi di dollari per arrivare all’obiettivo.
Ci siamo quasi, insomma, ci raccontano i gazzettini di regime, imbeccati dai tanti padroni, siano essi politici, imprenditori, banchieri, finanzieri o case farmaceutiche. Il “verbo” si diffonde, insieme a fosche previsioni sull’imminente ritorno del virus, e gli avvoltoi si preparano al banchetto: sì, perché lo scenario assomiglia, sempre più, ad altri, già vissuti nel recente passato.
Tutti, ad esempio, ricorderanno una delle più incredibili bufale rifilate al popolo italiano: il virus dell’aviaria, che mise in ginocchio i produttori del settore, perché nessuno in Italia consumava più polli, per non beccarsi il virus. Eppure il pericolo, cuocendo il pollo (domanda: in Italia c’è qualcuno che mangia il pollo crudo?) era pari a zero. Il ministro della Salute, all’epoca, si chiamava Francesco Storace e il presidente del Consiglio era Silvio Berlusconi. Era un sabato, quando il ministro convocò, con aria grave, i suoi collaboratori al Ministero e annunciò, con una improvvisata conferenza stampa, che l’aviaria era sbarcata in Italia (un volatile, nel Nord Italia, era risultato positivo ai test). E che, dunque, si doveva correre ai ripari.
Il rimedio, manco a dirlo, fu semplicissimo: vennero acquistati vaccini per svariati milioni di euro, malgrado gli esperti del Ministero spiegassero che non c’era alcun pericolo. È vero, in Asia c’erano stati dei morti per il virus, ma in luoghi in cui il pollo veniva sgozzato e consumato crudo, spesso sulle rive di fiumi sporchi e inquinati. I nostri polli, invece, erano (e sono) supercontrollati, magari “gonfiati” e imbottiti di antibiotici negli allevamenti intensivi (ma questo è un altro discorso), e potevano essere tranquillamente consumati, ovviamente previa cottura.
I vaccini, però, furono ordinati e acquistati in tutta fretta, anche grazie al lavoro di uno zelante sottosegretario, per essere poi stipati in un magazzino e là dimenticati per sempre. La spesa, ovviamente, fu a carico dello Stato e di tutti noi, mentre il guadagno fu solo per le case farmaceutiche e per pochi altri, che non avranno mai un nome e un cognome, anche se qualche sospetto è lecito.
Ecco, oggi, a distanza di quindici anni, si sta preparando il terreno per un nuovo banchetto, di altri avvoltoi, stavolta pronti a “mangiare” sull’acquisto del vaccino anti Covid-19. Non è un caso, immaginiamo, se il senatore Renzi, uno degli azionisti di maggioranza di questo sciagurato governo, ha già fatto sapere che il vaccino contro il Covid-19 dovrà essere obbligatorio. Il vaccino non c’è, gli scienziati dicono che ci vorranno anni per sapere non solo se sarà valido, ma anche se sarà sicuro e non avrà controindicazioni, e già Renzi vuole obbligare gli italiani a farselo iniettare.
Ora, capiamo che il senatore Renzi ha necessità di una certa visibilità quotidiana, per uscire dall’irrilevanza in cui lo costringono tutti i sondaggi, ma regali di questo tipo alle case farmaceutiche - per uno che ha già danneggiato la comunità, favorendo le banche, quando governava - rischiano di trasformarsi in un ulteriore boomerang. I cittadini non sono, poi, così stupidi e certamente si domanderanno per quale motivo Renzi stia aprendo una strada, sulla quale cammineranno a breve anche i Conte, gli Speranza e gli Zingaretti. E, facendo un po’ di conti, anche il più sprovveduto comprenderà che, dietro tanta fretta, è probabile che ci siano interessi inconfessabili.
Vaccinare tutti gli italiani, infatti, vorrebbe dire acquistare - uno più, uno meno - circa 60 milioni di vaccini. Calcolando che una singola dose di vaccino antinfluenzale può essere acquistata a un prezzo oscillante tra i 12 e i 18 euro (in farmacia), possiamo prevedere che il vaccino anti Covid-19 costerà almeno la stessa cifra. Siamo pronti a scommettere che il prezzo sarà parecchio più alto, ma vogliamo tenerci bassi: 60 milioni per 15 euro, ossia 900 milioni di euro.
L’affare che si va delineando, dunque, è intorno al miliardo di euro. Nei corridoi dei Palazzi del potere si avverte già un forte odore di mazzette e gli scienziati della tangente sono al lavoro, per mettere a punto consulenze fittizie e collaborazioni fasulle. E gli avvoltoi da vaccino volano intorno alla tavola, apparecchiata per un altro lauto banchetto. A spese, inutile sottolinearlo, del popolo italiano.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.